Accordo di riservatezza: così proteggi le tue idee

accordo di riservatezza, accordo di riservatezza modello

Hai un’idea che intendi sviluppare ma hai bisogno di un consulente che sia in grado di effettuare una stima o una valutazione tecnico-economica dell’idea-progetto o magari di un professionista capace di individuare e segnalarti possibili linee di finanziamento nazionali e/o europee in grado di sostenere la fase di lancio del tuo progetto. Prima di presentarla però vuoi assicurarti di proteggere la tua idea e non correre il rischio che possa essere messa in pratica da altri. Lo strumento in grado di tutelarti naturalmente c’è e si chiama accordo di riservatezza, un contratto da far sottoscrivere a coloro ai quali deciderai di rivelare la tua idea.

Accordo di riservatezza: cos’è

L’accordo di riservatezza (detto anche accordo di non divulgazione o patto di confidenzialità o accordo di segretezza) è un semplice contratto che serve per proteggere una propria idea o iniziativa nel momento in cui si conducono discussioni e/o trattative private oppure si richiedono consulenze da terze parti. In pratica attraverso l’accordo di riservatezza, la parte a cui vengono rilevate informazioni confidenziali si impegna a mantenerle segrete e a non utilizzarle per scopi diversi da quello concordato tra le parti, pena la violazione dell’accordo stesso e il conseguente diritto della parte danneggiata di richiedere un risarcimento economico, fatto salvo ogni altro rimedio legale previsto dalla normativa di vigente.

L'accordo può anche prevedere che la parte che ha ricevuto informazioni confidenziali versi all'altra parte una certa somma in denaro per ogni violazione degli obblighi di segretezza che sia stata accertata.

Cosa deve contenere un accordo di riservatezza

Un primo elemento che l’accordo di riservatezza deve indicare è lo scopo per il quale viene redatto. Tale obiettivo deve essere quanto più specifico possibile in maniera tale da limitare l’uso di idee e informazioni solamente per la realizzazione dello scopo prefissato: redazione del business plan, verifica dei requisiti di brevettabilità, ricerca delle opportunità di finanziamento, ecc..

Importante anche specificare cosa si intende per “informazioni riservate o confidenziali”. Normalmente in questa locuzione vanno ricomprese ogni informazione tecnica, dato, disegno, materiale e/o strumento forniti da una parte all’altra, o comunque acquisita da una delle parti, direttamente o indirettamente, su qualsiasi supporto (cartaceo, elettronico), e segnalata come “riservata” o “confidenziale”.

La parte a cui vengono rivelate informazioni confidenziali deve impegnarsi ad adottare ogni misura necessaria al fine di assicurare che i suoi dipendenti, collaboratori, o altri, che verranno in qualche modo in possesso di dette informazioni, le mantengano nella riservatezza più assoluta.

Un altro elemento importante dell’accordo di riservatezza è la durata. E’ del tutto evidente che se occorre condividere con terze parti informazioni confidenziali e segrete alcune delle quali suscettibili di tutela brevettuale (ad es. una invenzione per la quale non sia stato ancora depositato il brevetto), è opportuno che l’accordo sia a tempo indeterminato. In altri casi, invece, l’accordo di riservatezza può essere circoscritto ad un determinato periodo (1, 5 o 10 anni ad esempio).

Chiaramente le obbligazioni relative all'utilizzazione e alla divulgazione delle informazioni riservate non si applicano se chi le ha ricevute già ne era a conoscenza, se le stesse erano già disponibili pubblicamente, se sono state ottenute illegalmente o se erano sottoposte ad ordinanza giudiziaria.

Come al solito Moduli.it ti mette a disposizione un paio di fac simile di accordo di riservatezza da cui prendere spunto e adattare al tuo caso particolare.

Concludiamo ricordandoti che qualsiasi modifica dell’accordo di riservatezza potrà avvenire solo in forma scritta ed essere approvata mediante apposita sottoscrizione da entrambe le parti.

Pubblicato il 15/09/2016
Tags: tutela
Documenti correlati
Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata