Autocertificazione nascita figlio

autocertificazione nascita figlio

L'autocertificazione nascita figlio non è altro che una dichiarazione sostitutiva di certificazione con cui è possibile attestare la nascita del proprio figlio o figlia. Il documento deve essere compilato da uno dei due genitori, inserendo i propri dati personali e quelli relativi al neonato: nome, data e luogo di nascita.

Questa autocertificazione sostituisce il certificato originale rilasciato dall’Anagrafe del Comune e può essere presentata presso gli uffici della Pubblica Amministrazione (comuni, comunità montane, province, regioni, scuole, università, prefetture, tribunali, Inps, camere di commercio, motorizzazione civile, ecc.) e presso i concessionari di servizi pubblici (Poste Italiane, Trenitalia, Aziende locali che gestiscono pubblici servizi come l’erogazione di acqua e gas, il trasporto urbano, la gestione dei rifiuti, ecc.).

I privati (banche, assicurazioni, ecc.) al contrario hanno la facoltà di accettare l'autocertificazione nascita figlio: ciò significa che potrebbero accoglierla senza problemi, oppure richiedere il certificato originale.

Autocertificazione nascita figlio: chi può presentarla e dove

Le autocertificazioni possono essere presentate da:
- tutti i cittadini italiani;
- tutti i cittadini dell'Unione Europea;
- tutti i cittadini extracomunitari con regolare permesso di soggiorno, ma solo se i certificati originali sono già deposti presso le Pubbliche Amministrazioni italiane.

L’autocertificazione nascita figlio può essere presentata di persona, per posta, fax o email. Trattandosi di una dichiarazione sostitutiva di certificazione l'ufficio pubblico che lo riceve deve attenersi alla dichiarazione del cittadino resa in carta semplice, senza autentica, senza imposta di bollo e senza allegare fotocopia di documento d’identità.

Gli impiegati nel settore pubblico sono tenuti ad accettare le dichiarazioni sostitutive di certificazioni, poiché rifiutandole commetterebbero un reato per omissione o rifiuto atti d’ufficio, esponendosi alle sanzioni previste dalla legge. Per sapere come difendersi in questi casi, basta leggere “Autocertificazione: cosa fare se non viene accettata”.

Compilando l’autocertificazione nascita figlio, il cittadino firmatario si assume la piena responsabilità di quanto attestato, ai sensi dell'art. 76 del DPR 445/2000. Le informazioni riportate sulle dichiarazioni sostitutive di certificazioni e di atto notorio, vengono controllate dal personale addetto, che ne riscontra la veridicità. Qualora si dichiari il falso, sarà il cittadino a pagarne le dirette conseguenze. Chi dichiara il falso decade immediatamente dai benefici assegnati (ad esempio l'assegno familiare) e viene denunciato all’autorità giudiziaria con la conseguente applicazione di sanzioni civili e penali.

Autocertificazione nascita figlio: modulo disponibile online

Da questo portale è possibile scaricare sia il modulo di autocertificazione nascita figlio nella versione standard, ovvero quella redatta da un solo genitore, sia il modulo di autocertificazione redatto da entrambi i genitori, utile per richiedere ad esempio prestazioni di sostegno al reddito come gli assegni familiari.

Il modulo è editabile online, quindi è possibile compilarlo e firmarlo direttamente dal pc; se non si dispone del congegno per la firma digitale, è altresì possibile stamparlo e provvedere manualmente alla sottoscrizione.

Documenti correlati
Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata