Bilancio familiare

bilancio familiare , bilancio familiare come risparmiare

Il bilancio familiare è uno strumento molto utile a tutti coloro che vogliono gestire le entrate e le uscite che si susseguono nel corso dell’anno. Se si ha la necessità di risparmiare o semplicemente di far “quadrare i conti” alla fine del mese, disporre di un quadro chiaro delle entrate e delle spese diventa assolutamente necessario, sia per distinguere le spese essenziali da quelle superflue, sia per intervenire sulle voci di costo più onerose, rispetto alle quali programmare dei tagli per conseguire delle quote di risparmio.

Bilancio familiare: come risparmiare

La redazione di un bilancio familiare è il punto di partenza da cui iniziare a risparmiare, in maniera consapevole e pratica. Una volta aver inserito tutte le entrate fisse e tutte le spese (sia quelle fisse, sia un piccolo budget per quelle impreviste) è possibile stabilire una cifra massima da non sforare, in modo da ottenere un risparmio o mantenersi entro il limite prima di “andare in rosso”.

Bilancio familiare: come fare

Prima di cominciare a stilare il proprio bilancio familiare è necessaria un’accurata raccolta di informazioni. È dunque opportuno tener conto di alcuni fattori, come:
- composizione del nucleo familiare (coppia, singolo, figli o genitori a carico);
- tipo di reddito (lavoratore dipendente - imprenditore);
- tipo di abitazione (lusso, unifamiliare, condominio, popolare ecc);
- se si dispone di una casa di proprietà, se si ha un mutuo acceso o un contratto di affitto;
- tipo di riscaldamento (centralizzato-autonomo);
- stile di vita a cui si aspira o che si vuole mantenere.

Di ulteriore aiuto sono anche dei documenti che semplificano la pianificazione dettagliata del piano spese, come per esempio le ricevute dei bonifici permanenti, i contratti di acquisto o di locazione, gli estratti conto bancari e delle carte di credito, le ricevute e gli scontrini fiscali di spese più o meno importanti (acquisto mobili, elettrodomestici, beni di consumo). Oltre che ad essere utilizzati nella redazione di un bilancio esatto, è utile conservare tutti i documenti in un unico posto anche per quanto concerne il loro utilizzo a fronte di garanzie e bonus per i consumatori o le famiglie italiane. A questo proposito può essere utile leggere: “Aiuti alle famiglie italiane: le agevolazioni del 2015”.

Ad esempio, titolo di proprietà sull'immobile e l’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) possono essere utili per richiedere l’accesso al fondo di Solidarietà, che ti permette di sospendere le rate del mutuo. È possibile approfondire leggendo: “Fondo di Solidarietà: ecco come sospendere le rate del mutuo”.

Al contempo, la dichiarazione dei redditi e l’ISEE sono utili anche per richiedere gli assegni familiari ai comuni, i bonus su gas ed elettricità, gli assegni di maternità, il bonus bebè o i contributi per baby sitter e asili nido. Questi gli approfondimenti presenti sul nostro portale:

In seguito sarà necessario sviluppare l’abitudine ad annotare, su un quaderno o un raccoglitore apposito, tutte le entrate e le uscite settimanali. Se all’inizio potrà sembrare un operazione tediosa, con il passare del tempo la sua utilità vi consentirà di apprezzare lo sforzo.

Lo spazio dedicato alle entrate deve contenere la pianificazione degli introiti fissi annuale, che vi aiuti a preventivare il budget massimo di spesa e i risparmi ottenibili; mentre nello spazio dedicato alle uscite inserite quelle fisse e preventivate una cifra per quelle inaspettate. Le spese fisse da inserire sono quelle riguardanti l’affitto o il mutuo della casa (o delle case), le relative tasse e le spese condominiali, gli stipendi degli eventuali collaboratori domestici, l’assicurazione, le rette per la scuola dei figli e le tasse da pagare allo Stato. Inoltre il costo delle bollette per le varie forniture domestiche, i controlli degli impianti, la spesa alimentare e sanitaria, il carburante o gli abbonamenti ai mezzi pubblici e le spese per hobby e abbigliamento sono spese da approssimare, ma comunque da tenere presenti e riportare, poi, di mese in mese o di settimana in settimana.

Disporre di un quadro completo delle spese ci consente tra l'altro di esaminarle nel dettaglio e capire se e come talune di esse possono essere eventualmente ridotte, rateizzate o meglio ancora eliminate. A tal riguardo consigliamo la lettura dei seguenti articolo:
- "Famiglie: ecco come risparmiare";
- "Guida alla rateizzazione".

Una bozza di bilancio familiare può essere redatta in qualsiasi momento, anche se è bene introdurre tutte le informazioni, le previsioni e i vostri obiettivi a inizio anno, così da compilare un resoconto completo e minuzioso.

Bilancio familiare online

Oltre allo schema che potete redigere in maniera autonoma, sono disponibili anche numerosi programmi che facilitano la redazione del bilancio familiare. Dai semplici fogli di calcolo disponibili sul pc, alle app per smartphone e tablet, fino al modello di bilancio familiare da scaricare gratis sul nostro portale. Questo tool, semplice da utilizzare, è stato messo a punto da PattiChiari, il consorzio di banche italiane, promosso dall’ABI con la missione di offrire ai cittadini dei mezzi con i quali scoprire i prodotti finanziari, e scegliere quelli più adatti alle proprie esigenze. Il format che vi mettiamo a disposizione vi consentirà di stilare un bilancio familiare semplice e in definitiva di misurare la vostra capacità di risparmio.

Inoltre, una volta accumulato il risparmio, si può valutare se e come effettuare un investimento, scegliendo tra i tanti strumenti finanziari che il mercato offre.

Documenti correlati



14242 - Yuri
19/04/2010
Salve a tutti. Suggerisco anche un bellissimo programma totalmente gratuito: Money Manager. Gira sotto tutti gli OS, e si posson ocaricare conti correnti, carte di credito, spese ripetitive and so on.

Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata