Bonus bebè: cosa fare se la domanda viene respinta

domanda bonus bebè respinta , domanda assegno di natalità respinta

Nell’ambito degli interventi volti a sostenere i redditi delle famiglie, il Governo ha introdotto da qualche mese il cosiddetto “bonus bebè”, un sussidio per ogni figlio nato o adottato tra il 1° gennaio 2015 ed il 31 dicembre 2017, di importo pari a 960 euro e da corrispondere mensilmente fino al terzo anno di vita del bambino, oppure fino al terzo anno dall’ingresso in famiglia del figlio adottato.

Per fruire di questo assegno è necessario che il nucleo familiare di appartenenza del genitore richiedente sia in una situazione economica corrispondente ad un valore dell’ISEE non superiore ai 25.000 euro annui. Se il valore dell’ISEE non supera i 7.000 euro annui, l’importo annuale dell’assegno è addirittura raddoppiato (1920 euro, ossia 160 euro al mese).

Nell’articolo “Bonus Bebè 2015: a chi spetta e come richiederlo” ti spieghiamo come e a chi presentare domanda.

Cosa fare se la domanda viene respinta

Può accadere che l’Inps respinga la tua domanda perché ad esempio non è stato reperito un ISEE valido, oppure perché il valore ISEE da utilizzare per avere l’assegno è risultato superiore ai 25.000 euro annui, oppure dalla dichiarazione ISEE non risulti convivente con il figlio per il quale hai richiesto l’assegno o semplicemente perché non risulti residenti in Italia.

In tal caso riceverai dall’Inps una comunicazione con cui ti verrà spiegato il motivo per cui la tua istanza non è stata accolta e la possibilità che hai di chiedere il riesame della domanda respinta. Questo il modello di comunicazione del provvedimento di reiezione della domanda di assegno di natalità da parte dell’Inps.

L’istanza per il riesame - chiarisce l’istituto in una sua circolare - va inoltrata esclusivamente in via telematica mediante una delle seguenti modalità:

  • WEB - Servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino tramite PIN dispositivo attraverso il portale dell’Istituto (www.inps.it - Servizi on line);
  • Contact Center Integrato - numero verde 803.164 (numero gratuito da rete fissa) o numero 06 164.164 (numero da rete mobile con tariffazione a carico dell’utenza chiamante);
  • Caf e Patronati, attraverso i servizi offerti dagli stessi.

Nel momento in cui riceverà la domanda, l’Inps avrà cura di avviare una nuova istruttoria effettuando tutte le verifiche necessarie. Se il processo di revisione si conclude con un provvedimento di accoglimento della tua istanza, l’assegno ti verrà corrisposto con tutte le mensilità arretrate spettanti.

Variazione e stato della domanda

L’Inps chiarisce anche che, accedendo con il PIN dispositivo sul sito web istituzionale alla stessa procedura di invio delle domande, è a disposizione la funzione di comunicazione delle variazioni delle domande già inviate (ad esempio variazione o correzione del codice iban, variazione della modalità di pagamento, variazione di recapiti e così via).

Questo il percorso da seguire: -> Servizi per il cittadino -> Autenticazione con PIN -> Invio domande di prestazioni a sostegno del reddito -> Assegno di natalità - Bonus Bebè -> Invio comunicazioni.

Inoltre sarà presto disponibile la funzione “Stato della domanda” grazie alla quale saranno visualizzabili i motivi per i quali è necessario un approfondimento istruttorio (ad esempio permesso di soggiorno non trovato, permesso di soggiorno scaduto, evento adozione, ecc.).

Documenti correlati



45791 - Redazione
26/05/2016
Tiziana, purtroppo non vengono erogate somme per i mesi arretrati.

45783 - Tiziana
26/05/2016
Ringrazio per la risposta, ma c'è la possibilità di recuperare le mensilità perse visto che l'errore non è stato mio ma del funzionario del caf?

45555 - Redazione
12/05/2016
Tiziana, no. Purtroppo deve riformulare la domanda.

45524 - Tiziana
10/05/2016
Mio figlio è nato a luglio 2015 e la domanda presentata nei termini previsti è stata accolta. A gennaio ho fatto il nuovo ISEE presso un Caf e purtroppo hanno sbagliato la compilazione facendo risultare un valore superiore ai 25.000 euro. L'ho fatto correggere ma ormai la domanda risulta decaduta. Alla sede INPS competente mi hanno detto di rifare la domanda, ma così perdo le mensilità arretrate. Posso fare la richiesta di riesame?

44600 - Redazione
10/03/2016
Antonella, il direttore purtroppo le ha dato una comunicazione corretta.

44589 - Antonella Scarfone
10/03/2016
Buonasera sono andata all'inps di competenza e il direttore mi ha detto che sono stati persi gli arretrati dato che con la domanda iniziale è stato presentato un isee sbagliato senza il bimbo incluso. Non è assolutamente giusto perdere gli arretrati.. a me non è arrivato nessun messaggio. Il bimbo è nato il 15 maggio, la domanda è stata presentata l'11 giugno ok l'errore è stato presentato l'isee ma non è giusto perdere gli arretrati. Aspetto una vostra risposta grazie.

44477 - Redazione
03/03/2016
Alessandra, se dispone del Pin dispositivo può comunicare la rettifica direttamente attraverso il sito dell'Inps; in caso contrario può rivolgersi ad un patronato o recarsi personalmente all'ufficio Inps di zona.

44474 - Alessandra
03/03/2016
Salve una domanda io ho fatto la richiesta per bonus bebè, solo che ho sbagliato a comunicare il codice IBAN della carta dove mi devono arrivare soldi. In questo caso cosa devo fare? Grazie

44081 - Redazione
08/02/2016
Antonella, l'Inps ha chiarito con il messaggio n. 5145 del 3 agosto 2015 che nel caso in cui la domanda viene respinta per motivi inerenti al mancato rilevamento di ISEE, il richiedente può far riesaminare la richiesta. Nel caso in cui il riesame si concluda con un esito positivo, il bonus bebè includerà anche tutte le mensilità arretrate spettanti. Dunque il nostro consiglio è di recarsi presso la sede Inps competente territorialmente con la copia della domanda e chiaramente dell'Isee.

44060 - Antonella Scarfone
05/02/2016
Non so più cosa fare. Mio figlio è nato il 15 mag 2015. Ho presentato la domanda l'11 giugno. Solo ora mi è stato comunicato che l'isee non era presente il bimbo. Quindi adesso cosa devo fare? Il caf non lo sa non sa cosa fare... Non voglio perdere gli arretrati spero tanto in una vostra risposta

Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata