Cambio di residenza: a chi comunicarlo

cambio di residenza, cambio di domicilio

Se ti sei appena trasferito ti sarà utile leggere questo articolo, nel quale troverai un piccolo vademecum con tutte le indicazioni utili per effettuare le dovute comunicazioni del cambio di residenza ad amici, parenti, collaboratori, professionisti ed enti. Se non conosci le differenze tra un cambio di domicilio e un cambio di residenza, ti invitiamo a consultare l'articolo “Residenza, domicilio e dimora: ecco le differenze” prima di continuare la lettura.

Cambio di residenza: cosa fare prima di tutto

Innanzitutto il cambio di residenza va registrato all’Ufficio Anagrafe del Comune dove dovranno essere compilati gli appositi moduli previsti per la registrazione.

Coloro che posseggono una patente di guida devono compilare anche un apposito modello con cui gli uffici comunali provvederanno ad effettuare la comunicazione della variazione della residenza all'Ufficio Centrale Operativo del Ministero dei Trasporti a Roma, aggiornando in questo modo l'anagrafe nazionale degli abilitati alla guida. E' importante sapere, infatti, che dal 2013 il Ministero non effettua più la stampa e la spedizione all'interessato del tagliando adesivo in cui è indicata la nuova residenza da apporre sulla patente di guida.

Nell'Ufficio Tributi del Comune devono essere presentate le comunicazioni relative al cambio di residenza che influiscono sull'applicazione della tassa sui rifiuti. Nello specifico deve pervenire la disdetta della vecchia casa e la denuncia per la nuova, specificando i metri quadri dell’abitazione stessa e il numero di persone che la abitano.

Sia che tu abbia effettuato un cambio di residenza nello stesso comune, sia che il trasloco ti abbia portato da tutt’altra parte, è necessario avvisare l'Agenzia delle Entrate. Infatti l'Agenzia, secondo quanto stabilito dall’articolo 60 del DPR 600/73, deve essere informata sulla modifica dei dati relativi al tuo domicilio. Le comunicazioni possono essere inviate tramite modalità telematica, accedendo al sito dell’Agenzia delle Entrate, oppure tramite documento cartaceo, da redigere e inviare all’ufficio dell’Agenzia delle Entrate competente nel territorio del tuo nuovo domicilio, attraverso lettera raccomandata con avviso di ricevimento.

Informazioni approfondite e modulistica necessaria sono reperibili nell'articolo "Come comunicare il proprio domicilio per la notifica degli atti fiscali".

Cambio di residenza: assicurazione auto, banca e ASL

La comunicazione sul cambio di residenza deve pervenire anche all'Azienda Sanitaria Locale, ma solo nei casi in cui ci si sposti in un territorio coperto da un distretto diverso rispetto a quello originale.

Anche la compagnia assicurativa deve essere informata del tuo cambio di residenza o domicilio, di modo da poterti recapitare le dovute comunicazioni, ma non solo: cambiando zona potrebbe cambiare anche la classe di rischio, modificando di conseguenza anche il premio assicurativo.

Se possiedi una polizza sulla casa, sarà necessario modificarla al momento stesso del trasferimento, di modo da adattarla alle caratteristiche della nuova abitazione.

Per continuare a ricevere notizie dalla tua banca, come avvisi ed estratto conto, è necessario anche in questo caso comunicare il cambio di indirizzo. Solitamente, basta recarsi in filiale e presentare un’autocertificazione di residenza che attesti il tuo spostamento, ma è possibile che la banca, essendo un ente privato, non accetti dichiarazioni sostitutive e pretenda il certificato rilasciato dal Comune.

Cambio di residenza: canone Rai e abbonamenti

Entro 30 giorni dal trasferimento è necessario informare il Servizio Abbonamenti RAI. Questo il modulo per comunicare il cambio di residenza. Se invece ti trasferisci in un’abitazione con un nucleo familiare già contribuente, devi compilare e inviare alla Rai questo modulo.

Se stai pagando un cellulare a rate, è necessario modificare l’indirizzo presso il quale arriva la fattura. Su ciascuna fattura è presente il modello cartaceo per comunicare il cambio di residenza o domicilio, quindi ti basterà seguire le indicazioni riportate su di esso e compilarlo a dovere.

Se sei abbonato a riviste e giornali, invece, devi provvedere ad informare chi di dovere del cambio di residenza, di modo che non arrivino più al vecchio indirizzo, bensì al nuovo. Spesso le informazioni relative al cambio di indirizzo presso cui recapitare il prodotto è indicato sul sito web del giornale, o nella copia cartacea stessa. Altrimenti puoi usare questo modulo di variazione recapito corrispondenza disponibile su Moduli.it.

Il tuo indirizzo è riportato anche sull’abbonamento ai mezzi pubblici, ma non è necessario modificarlo se non al rinnovo, ossia dopo la loro naturale scadenza. Stesso discorso per Carta d'Identità e Passaporto, sui quali i dati vengono modificati solo al rinnovo successivo.

Cambio di residenza: medico di base, datore di lavoro e professionisti

È bene comunicare il cambio di residenza anche a tutti i professionisti a cui di solito ci rivolgiamo, come l’avvocato e il commercialista. Anche il datore di lavoro deve essere informato del tuo spostamento, così da modificare i documenti previdenziali che ti riguardano. Leggi qui come fare: “Come comunicare al datore di lavoro il cambio di residenza”.

Nel caso in cui il trasferimento comporti uno spostamento sostanziale, sarà necessario modificare anche il medico di famiglia.

Durante il cambio di residenza o di domicilio da un’abitazione all’altra è naturale effettuare anche il trasferimento delle utenze domestiche come gas, luce, telefono, adsl e quant’altro. Al contrario, se usufruisci dei sussidi statali per gas e luce, può esserti utile il modulo per variazione residenza per bonus elettrico e bonus gas.

Infine, anche amici e parenti vanno informati sul vostro spostamento, per questo potrebbe essere comodo mandare loro una e-mail o un sms: in questo modo potrai raggiungere un grande numero di persone risparmiando molto tempo.

Cambio di residenza: modulistica utile per effettuarlo in tempo record

Per effettuare il cambio di residenza senza incappare in problemi di natura burocratica, può esserti utile scaricare la modulistica che fa al caso tuo. Il nostro portale conta moduli specifici per ogni esigenza, ad esempio questo è il modulo  da presentare in Comune entro 20 giorni dalla data del trasferimento effettivo.

Se provieni da uno stato estero, devi allegare alla dichiarazione per il cambio di residenza o abitazione uno tra questi due documenti, rispettivamente se lo stato di provenienza appartiene o non appartiene all’Unione Europea.

Al contrario, se sei un cittadino Italiano che necessita di spostare la propria residenza all’estero, ti sarà utile questo modulo di dichiarazione per trasferimento residenza all'estero.

Tutte le informazioni sulle modalità da seguire per inoltrare i moduli al giusto destinatario le trovi qui, mentre se ti interessa effettuare comunicazione del cambio di residenza a terzi puoi usare questo modulo. Infine, se a trasferirsi è la sede dei tuoi affari, puoi utilizzare questo modulo per effettuare la comunicazione formale.

Documenti correlati



47197 - Andrea A.
02/11/2016
Buonasera, ho vissuto ad Ancona fino al 1999 e poi mi sono trasferito a Pescara, ho comunicato all'anagrafe, alla MCTC, medico ecc. e mi sono appena accorto che alll'INPS risulta ancora il mio vecchio indirizzo e presumo altrettanto per la tessera sanitaria in quanto risulta essere della regione marche. Come posso risolvere la questione? Grazie per la cortese attenzione.

43854 - Massimo
26/01/2016
Interessante come sempre... Cordiali saluti

Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata