Come organizzare lotterie, tombole o banchi di beneficenza

Per organizzare lotterie, tombole o banchi di beneficenza è necessario che i rappresentanti legali degli enti organizzatori inoltrino, almeno trenta giorni prima dalla data di svolgimento, una comunicazione al Prefetto competente per territorio, al Sindaco del Comune in cui si svolgerà la manifestazione e agli Uffici regionali dei Monopoli di Stato. A seconda del tipo di manifestazione alla comunicazione dovrà essere allegata la seguente documentazione:

a) per le lotterie il regolamento e recante quantità e natura dei premi assegnati, quantità e prezzo dei biglietti da vendere, luogo di esposizione dei beni, nonché luogo e tempo fissati per l’estrazione e la distribuzione dei premi ai vincitori. Su Moduli.it è possibile trovare:
- un fac-simile di verbale di estrazione della lotteria;
- una scheda di estrazione dei premi della lotteria;
- una lettera di accompagnamento al verbale di estrazione della lotteria da trasmettere a Sindaco e Prefetto.

b) per le tombole  oltre ad un regolamento contenente la descrizione analitica dei beni assegnati e l’indicazione del prezzo della singola cartella, gli enti organizzatori devono depositare la documentazione comprovante l’avvenuto versamento di una cauzione in misura pari al valore complessivo dei premi messi in palio, determinato in base al loro prezzo di acquisto o, in mancanza, al valore normale degli stessi.  Detta cauzione, che può essere fornita mediante deposito in denaro, titoli di Stato o fideiussione bancaria/assicurativa in bollo con autentica della firma del fideiussore, deve essere prestata a favore del Comune nel cui territorio viene svolta la tombola e deve avere validità non inferiore a tre mesi decorrenti dalla data di estrazione. Su Moduli.it è possibile trovare:
- un fac-simile di verbale di estrazione della tombola;
- una scheda di estrazione dei premi della tombola;
- una lettera di accompagnamento al verbale di estrazione della tombola da trasmettere a Sindaco e Prefetto.

c) per le pesche e banchi di beneficenza va allegata la comunicazione di svolgimento, il numero e prezzo dei biglietti da emettere. Su Moduli.it è possibile trovare:
- un fac-simile di verbale di estrazione della pesca o banco di beneficenza;
- una lettera di accompagnamento al verbale da trasmettere a Sindaco e Prefetto.

Il D.P.R. 26/10/2001, n. 430 stabilisce che:
- i biglietti delle lotterie possono essere venduti esclusivamente nel territorio provinciale dove si svolge la manifestazione e il loro ammontare complessivo non può superare la somma di euro 51.645,69;
- per quanto riguarda la tombola, la vendita delle cartelle, contrassegnate da serie e numerazione progressiva, deve avvenire esclusivamente nel comune in cui la tombola si estrae e nei comuni limitrofi e i premi posti in palio non devono superare, complessivamente, la somma di euro 12.911,42;
- i biglietti di pesche e banchi di beneficenza possono essere venduti esclusivamente nel territorio comunale ove si effettua la manifestazione. Il ricavato massimo consentito per singola manifestazione è pari ad euro 51.645,69.

I premi delle pesche nonché quelli delle lotterie devono consistere in servizi e in beni mobili, ad esclusione del denaro, dei titoli pubblici e privati, dei valori bollati, carte di credito e metalli preziosi in verghe.

Lotterie, tombole e pesche o banchi di beneficenza possono essere promosse da:
- enti morali, associazioni, fondazioni, onlus e comitati senza fini di lucro, aventi scopi assistenziali, culturali, ricreativi e sportivi e da organizzazioni non lucrative di utilità sociale, purché le manifestazioni siano necessarie per far fronte alle esigenze finanziarie degli enti stessi;
- da partiti o movimenti politici purché le stesse vengano svolte nell'ambito di manifestazioni locali organizzate dagli stessi.

Il controllo sul loro regolare svolgimento è rimesso al Comune, il cui incaricato, designato dal Sindaco, presenzia alle operazioni di chiusura, delle quali redige processo verbale inviato, in copia, al Prefetto.

Eventuali variazioni delle modalità di effettuazione della manifestazione debbono essere segnalate al Prefetto e al Sindaco in tempo utile per consentire l'effettuazione dei controlli.

Gli importi pagati dai partecipanti alle tombole, lotterie, banchi e pesche di beneficenza sono esclusi da IVA. Gli incassi derivanti dalle manifestazioni a sorte non sono assoggettate ad imposte sui redditi a condizione che:

  • le manifestazioni a sorte abbiano il carattere di occasionalità e saltuarietà;
  • i proventi siano conseguiti nell’ambito di due manifestazioni per periodo d’imposta;
  • i proventi non superino il limite di € 51.645,69 per  periodo d’imposta.
Documenti correlati



45010 - Giandomenico
07/04/2016
Buongiorno, vorrei fare una sorta di estrazione del lotto abbinare i numeri estratti ad una ruota, sottoscrizione gratuita, che come premio abbia un buono omaggio per un trattamento viso. Che documenti dovrei presentare? Grazie

40312 - Redazione
03/07/2015
David, occorrerebbe vedere cosa prevede il regolamento che disciplina le manifestazioni di sorte locale che si svolgono nel territorio del Comune cui lei fa riferimento.

40310 - David Ripanti
03/07/2015
Buongiorno, vorrei organizzare una lotteria a premi comunale ed ho sentito che se non si superano i 5000 biglietti non si è soggetti ad alcun tributo? Potreste confermarmelo o meno?

38207 - Alessandro
16/04/2015
Buongiorno, se si volesse organizzare una lotteria nazionale? Nel senso di dare la possibilità a chiunque sul territorio nazionale di comprare i biglietti? Inoltre, se volessi superare il limite di euro 51.645,69? Grazie

37772 - Redazione
01/04/2015
Hasna, visto che la lotteria si è praticamente conclusa, riteniamo inutile presentare una comunicazione tardiva al Prefetto. In teoria potrebbe esserle comminata una sanzione, anche se crediamo di lieve entità visto che ha comunque informato Comune e Monopolio.

37737 - HASNA
31/03/2015
Buongiorno, Ho saputo solo adesso, ad estrazione avvenuta, che avrei dovuto inviare la domanda di richiesta 30 giorni prima dell'evento anche alla prefettura. Io però ho inviato tutto solo al Monopolio e al comune. Cosa posso fare adesso? La prego di rispondermi in giornata se riesce. Grazie mille

37728 - Redazione
31/03/2015
Hasna, non deve comunicare i risultati delle estrazioni al Monopolio di Stato, ma deve impegnarsi a svolgere la manifestazione nelle forme e secondo le modalità, nonché provvedendo a tutti gli adempimenti, di cui agli artt.13 e 14 del D.P.R.430/2001 ed, in particolare, ai commi 6 e seguenti dell’art.14 del richiamato D.P.R.430/2001, con special riferimento alle pubblicazioni ed alle verbalizzazioni ivi previste, alla pubblicità delle estrazioni, da svolgere alla presenza di un incaricato del Sindaco, ed alle formalità di chiusura della manifestazione.

37683 - HASNA
30/03/2015
BUONA SERA, VOLEVO SAPERE SE UNA VOLTA SVOLTA L'ESTRAZIONE DELLE LOTTERIA, BISOGNAVA RIMANDAR I RISULTATI AL MONOPOLIO. GRAZIE

37155 - Redazione
18/03/2015
Loredana, il rischio è che la Guardia di Finanza commini agli organizzatori una sanzione pecuniaria.

37151 - loredana
18/03/2015
Buongiorno in quali problematiche si incorre se non si segue alcuna procedura per fare una lotteria? Grazie

Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata