Come reclamare in caso di disagi occorsi in autostrada

reclamo autostrade, reclamo disagi autostrada

Se vi è capitato di subire disagi in autostrada potete inviare alla società che gestisce quella rete autostradale un reclamo scritto o una richiesta di risarcimento danni. Questo il fac simile che potete utilizzare. Se tuttavia vi ritenete insoddisfatti della risposta e l’ente gestore è Autostrade per l'Italia S.p.A., sappiate che in virtù di un accordo siglato con le Associazioni dei Consumatori Adoc, Adiconsum, Adusbef, Codacons e Federconsumatori, potete risolvere, in via stragiudiziale, in modo semplice, gratuito e rapido alcune tipologie di controversie.

La domanda di conciliazione può essere presentata unicamente compilando questo apposito modulo, indicando la causale oggetto della tipologia di controversia e allegando copia del reclamo inviato ad Autostrade per l'Italia e della relativa risposta ricevuta.

La domanda di conciliazione può essere presentata limitatamente alla soluzione delle seguenti tipologie di controversie:

1. danno causato da urto della sbarra della pista Telepass di accesso/uscita dei caselli autostradali contro il veicolo dell’utente per errore di funzionamento degli impianti 2. sinistro causato da buca o dissesto del manto autostradale ove sia accertata la responsabilità di Soc. Autostrade per l’Italia 3. danno causato da caduta di oggetti distaccatisi da strutture autostradali 4. danno da investimento di animali o oggetti non rimossi tempestivamente dalla rete autostradale a cura di Autostrade per l’Italia rispetto al momento della prima conoscenza dell’evento 5. errato calcolo del pedaggio 6. mancato inserimento di promozione 7. rapporto di mancato pagamento del pedaggio ove sia completata la fase di accertamento controllato da Autostrade per l’Italia per il tramite di Esse di Esse S.p.A. 8. mancata o ritardata registrazione in banca dati della restituzione, furto o smarrimento del Telepass o della Viacard 9. errata assegnazione di Telepass ad un cliente 10. errata revoca del servizio Telepass o Viacard 11. errata apertura conto Telepass Viacard 12. mancata e/o ritardata spedizione del Telepass e/o tessera Viacard

É possibile inviare il modulo tramite le Associazioni dei Consumatori aderenti o direttamente ad Autostrade per l’Italia attraverso: - raccomandata a/r inviata ad Autostrade per l'Italia Ufficio di Conciliazione - Via Bergamini 50 - 00159 Roma - fax al numero 06.43632180 - e-mail all'indirizzo conciliazione@autostrade.it mettendo in allegato tutta la documentazione

Il cliente potrà indicare una delle Associazioni firmatarie del Regolamento di Conciliazione cui conferire il mandato, in assenza di indicazione la pratica sarà assegnata ad una delle Associazioni secondo un criterio di rotazione.

La richiesta di conciliazione viene esaminata da una Commissione di Conciliazione composta da un "Conciliatore" di Autostrade per l'Italia e/o di Telepass S.p.A. e da un "Conciliatore" di una delle associazioni dei consumatori scelto dal cliente ovvero da Autostrade per l'Italia. In caso di accordo tra le parti la conciliazione si conclude con la definizione del relativo rimborso. Il cliente è libero di accettare o di rifiutare la soluzione proposta.

La procedura dovrà avere una durata non superiore a 120 gg.

Documenti correlati



47697 - attilio
05/12/2016
Buona sera vorrei sapere quando cominceranno ad esserci delle sanzioni ai veicoli che viaggiano nelle corsie di sorpasso e anche centrali quando è libera quella di destra. E quando inizierete a scrivere sui tabelloni luminosi che le auto devono avere le luci accese anche posteriori non solo quelli a led che penso non sono sicuramente a norma di legge. Un po piu' di informazione a questi automobilisti che mi sembrano i filosofi delle strade, paghiamo e anche caro un servizio non soddisfacente.

47131 - Marco
26/10/2016
Buonasera io sono un autotrasportatore che sto praticamente fuori tutta la settimana da casa ma è possibile che con quello che paghiamo di autostrada e consumazioni dentro gli autogrill non ci sia mai una fontanella per poter prendere dell'acqua e chi ce l'ha ti dice che non si può prendere oppure tanti tolgono le maniglie dai rubinetti ti a noi trasportatori l'acqua ci serve anche solo per potersi lavare le mani per riempire un bidoncino grazie

46923 - Redazione
14/10/2016
Roberto, se vuole chiarire la questione le consigliamo di recarsi in un Punto Blu.

46908 - Roberto
12/10/2016
Vorrei sapere come fare per risolvere il mio problema: sono arrivato al casello di Valmontone con pagamento automatico, visto l'importo da pagare ho messo il denaro in monete ma sul display risultava che mancava una piccola parte della cifra totale, chiamato aiuto tramite pulsante rosso mi è stato detto di prendere lo scontrino e andare via, dopo qualche metro mi fermo per vedere cosa c'era scritto. Risultato finale? C'era scritto di pagare la differenza quando io avevo già versato l'intero importo.. Vi sembra giusto tutto cio'? Come potrei fare per sapere qualche cosa? Fatemi sapere.

46515 - GIANCARLO
06/09/2016
Quest'estate ho attraversato l'Italia con il camper. Da Milano a Potenza con l'autostrada adriatica e ritorno da Salerno a Milano con A1. Quasi tutte le aree di servizio segnalavano la possibilita' di carico e scarico per il camper. Ho constatato invece che un buon 30-40% delle suddette aree avevano questo servizio di carico/scarico inutilizzabile: senza acqua, con la griglia di scarico intasata completamente, ecc. Visto il prezzo del pedaggio, sarebbe giusto che tale servizio sia messo in funzione, altrimenti toglietelo che fate piu' bella figura.

46478 - Michela
05/09/2016
Oggi stavo procedendo lungo l'autostrada direzone Napoli, arrivati ad uno svincolo una macchina uscendo da un area di servizio (alla guida c'era una persona anziana) si e' messa sulla mia carreggiata senza guardare. Davanti a me c'era un tir e stavo sulla corsia di sorpasso, volevo rientrare sulla corsia di marcia perché il tir mi stringeva la stada x colpa di questa autovettura... quindi togliete le patenti agli anziani...

46400 - Marco Bettocchi
06/08/2016
Oggi, 6 agosto 2016, alle ore 3:15 circa sono entrato al casello di Faenza direzione Bologna dato che dovevo accompagnare una persona all'aeroporto di Bologna, con volo in partenza alle 6. A Imola è stato segnalato un incidente nel tratto Imola/Castel Pietro con RALLENTAMENTI. Abbiamo deciso di proseguire dato che di tempo a disposizione ce n'era ancora. Non l'avessimo fatto: SIAMO RIMASTI FERMI IN UNA CODA PER QUASI DUE ORE. Risultato? Quella persona ha perso l'aereo. A quel dipendente delle autostrade che ha scritto "rallentamenti" invece che CODA auguro di ritrovarsi in una identica situazione (fra parentesi, quella persona doveva andare a Miami al matrimonio del figlio). Tante grazie alla Società Autostrade.

46340 - marisa saldi
31/07/2016
Ieri, 30 luglio, dovevamo immetterci in autostrada a Rimini nord, provenendo da Torre Pedrera. Abbiamo impiegato più di mezz'ora. Perchè? Un solo casello aperto. In verità i caselli in ingresso sono due (uno avrà avuto un guasto?!?) ma abbiamo notato che entrambi hanno la distribuzione del biglietto e la "precedenza telepass". Ma quale precedenza, se bisogna aspettare che chi ti precede ritiri il biglietto? Da notare: il cartello che segnala Stop eccetto telepass. Siamo proprio in Italia!!! Se non funziona una cosa così semplice!

46314 - Vincenzo Tegazzin
28/07/2016
Sono un medico che partito dall'Ospedale di Siena alle 16 dovevo essere a Padova almeno per le 19. Sono rimasto sulla A1 a Firenze per 4,5 ore. Solo una segnalazione che a Calenzano l'Autostrada era chiusa senza assistenza vuoi della polizia stradale che degli addetti. Il Caos più totale anche per chi cercava di uscire a Firenze. Un incendio di un automezzo pesante prima della deviazione di valico non può e non deve creare un disagio simile, un'immagine di un'Italia gestita da incompetenti con ritardi incomprensibili e poi continue interruzioni di careggiata per lavori inesistenti o settorializzati e senza vedere gente che lavora . Ma che razza di paese stiamo diventando. La beffa sarebbe che poi, con l'autostrada libera da Barberino a Bologna-pochissime macchine, dopo più di 4 ore di attesa arrivasse la multa perchè invece di 110 KM/ora facevo i 120-130. Siamo un paese che dovrebbe attrarre il turismo ma non meritiamo neanche gli immigrati.

46250 - PEZZULO SALVATORE
20/07/2016
Sono più di tre anni che l'autostrada A14 è soggetta a lavori di ogni tipo, (terza corsia, rifacimento manto stradale, taglio di pianti e fiori vari, etc.), e non è che gli altri tratti siano messi meglio. La domanda è: visto che costa sempre di più viaggiare in autostrada, anche per via del gasolio, perché dobbiamo pagare sempre noi i disservizi? Siete capaci di programmare i lavori per non chiudere decine e decine di chilometri per molto tempo e senza motivo?

Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata