Come reclamare se hai una sim PosteMobile

sim PosteMobile

Effettuare un reclamo per problemi legati alla gestione di una linea telefonica mobile è molto più comune e molto più semplice di quanto credi. Grazie ai servizi e alle indicazioni che ti forniremo, poi, sarà ancora più veloce ed efficace. Spesso e volentieri le procedure di reclamo sono lente e farraginose, perché non si hanno a disposizione tutti i mezzi per effettuarle; proprio per questo ti consigliamo di scaricare gratuitamente dal nostro portale il modulo di reclamo PosteMobile, che ti consentirà di spedire alla compagnia tutte le informazioni di cui ha bisogno per avviare una pratica di reclamo, risolvendo così il problema legato alla tua sim PosteMobile.

Come effettuare il reclamo per la tua sim Postemobile

È possibile contattare l’azienda ed effettuare un reclamo attraverso molteplici modalità: innanzitutto è possibile chiamare il Servizio Clienti Sim PosteMobile 160 attivo sette giorni su sette, dalle ore 7.00 alle ore 24.00 o inviare un fax al numero verde 800242626.

In alternativa è possibile segnalare il problema legato alla sim PosteMobile direttamente sul sito www.postemobile.it, cliccando in basso a destra, sul talloncino giallo e blu dedicato all’assistenza clienti. Gli utenti non udenti, invece, possono inviare una mail all’indirizzo: servizioclienti_nonudenti@postemobile.it.

Infine, è possibile contattare l’azienda, inviando loro una raccomandata con avviso di ricevimento all’indirizzo: Postemobile S.p.a, Casella Postale 3000 - 37138 Verona (VR). Questo il fac simile da utilizzare.

Postemobile ti assicura una risposta entro 45 giorni (solari) dal ricevimento della segnalazione, a meno che il problema non riguardi i servizi SMD, che necessitano di una tempistica maggiore, per cui l’azienda garantisce una risposta entro 60 giorni dal ricevimento dell’istanza.

PosteMobile, in caso di mancato rispetto dei tempi previsti nell’evasione dei reclami pervenuti, riconosce al cliente un indennizzo di 2 euro per ogni 5 giorni lavorativi di ritardo fino a un massimo di 145 giorni. L’indennizzo perverrà entro 90 giorni dall’invio della richiesta, che deve essere inviata in azienda secondo le medesime modalità previste per il reclamo.

Sim PosteMobile: motivi del reclamo

La linea telefonica collegata alla sim PosteMobile può riscontrare problemi di diversa natura, ai quali puoi ovviare inviando all’azienda un modulo di reclamo specifico, in modo da snellire ulteriormente le procedure di risoluzione. Sul nostro portale sono presenti moduli che rispondono a queste diverse esigenze.

Se, per esempio, vuoi contestare all’azienda l’attivazione di alcuni servizi a pagamento che non hai richiesto personalmente, puoi usare il modulo di contestazione per servizi telefonici non richiesti e leggere le indicazioni presenti nell’articolo “Reclamo per servizi telefonici non richiesti”.

Una problematica altresì molto diffusa è quella della linea Adsl molto lenta. Per segnalare il problema a Postemobile puoi compilare il modulo della richiesta di indennizzo per adsl lenta e reperire le indicazioni per l’invio nell’articolo “Connessione Adsl lenta? Ecco come reclamare”.

Se, invece, la tua intenzione è quella di chiedere un indennizzo immediato a seguito di un disservizio imputabile a PosteMobile, puoi scaricare dal nostro portale il modello di richiesta indennizzo automatico per disservizi telefonici e informarti sulle modalità di invio leggendo “Disservizi telefonici: come chiedere l'indennizzo automatico”.

Sim Postemobile: tariffe di indennizzo

Se PosteMobile non rispetta gli standard di qualità previsti dalla propria Carta dei Servizi, deve riconoscere al cliente un indennizzo di entità commisurata alla durata del disservizio. In particolare se il disservizio sulla sim PosteMobile riguarda il tempo di attivazione del servizio voce, il tempo di rinnovo del credito, la sospensione del servizio senza preavviso o più in generale malfunzionamenti del servizio imputabili a PosteMobile, il cliente può richiedere un indennizzo nella misura di 2 euro al giorno per ogni giorno lavorativo di ritardo, fino ad un massimo di 100 giorni. L'indennizzo non è comunque dovuto per ritardi non superiori a due giorni lavorativi.

Se hai attivato un abbonamento, riceverai l’indennizzo sotto forma di sconto nella fattura del mese successivo, mentre se ricarichi il credito telefonico attraverso carte prepagate, l’indennizzo ti sarà corrisposto sotto forma di quote di traffico.

Risoluzione delle controversie: la Conciliazione Paritetica

Se il reclamo inviato a Postemobile non ottiene risposta entro le tempistiche descritte sulla Carta Servizi di Postemobile, o nel caso in cui la risposta al reclamo non ti soddisfi, puoi rivolgerti alle Associazioni di Consumatori e chiedere di avviare la Conciliazione Paritetica: una pratica di risoluzione delle controversie, prevista dall’articolo 13 comma 2 della Delibera 173/17/CONS.

Questa pratica prevede che il conciliatore dell’Associazione scelta (il quale opera in tua difesa) invii a Postemobile una Domanda di conciliazione. Successivamente, la richiesta verrà analizzata dalla Commissione Paritetica, composta da un conciliatore di Postemobile e un conciliatore dell’Associazione di Consumatori alla quale ti sei rivolto. L’esito della conciliazione dipenderà dalle analisi svolte in questa sede.

Le Associazioni di Consumatori disposte ad assisterti sono: Acu, Adiconsum, Adoc, Adusbef, Altroconsumo, Arco, Assoutenti, Casa del Consumatore, Centro Tutela Consumatori Utenti, Cittadinanzattiva, Codacons, Codici, Confconsumatori, Federconsumatori, Lega Consumatori Acli, Movimento Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino, Unione Nazionale Consumatori.

La Conciliazione Paritetica può avere un esito positivo e portarti alla risoluzione del problema riscontrato sulla sim Postemobile, oppure portare ad un esito negativo, riconoscendo la legittimità del comportamento della compagnia telefonica.

Per maggiori informazioni sull'argomento, ti consigliamo la lettura di questo articolo: "Per i reclami con Poste Mobile c'è la conciliazione".

Ricorso al Corecom

Se non vuoi affidarti all'Associazione dei Consumatori per la risoluzione stragiudiziale della controversia, puoi rivolgerti al Comitato Regionale per le Comunicazioni (Co.Re.Com) della tua zona, utilizzando il Formulario UG, che puoi scaricare gratuitamente dal nostro portale.

Ricorso al Giudice di Pace

Entro 30 giorni dall’invio della richiesta di conciliazione al Co.Re.Com dovresti ricevere risposta dal Comitato e attendere la data dell’udienza. Se ciò non accade, o non porta ai risultati desiderati, puoi rivolgerti al Giudice di Pace, un’autorità che può, in ultima istanza, trovare una soluzione tra te e la compagnia telefonica.

Per intraprendere questa procedura occorre presentare, presso l’ufficio deputato nella tua zona, tutti i documenti riguardanti il reclamo a Postemobile che hai inviato e ricevuto fino a quel momento, in duplice copia. Inoltre, dovrai compilare e presentare anche il Modulo di conciliazione stragiudiziale presso il Giudice di Pace.

Disservizi sim Postemobile: la segnalazione all’Autorità Garante delle Comunicazioni

Qualora a Postemobile siano imputabili comportamenti scorretti e non conformi a quanto stabilito sulla Carta Servizi, è possibile inviare una segnalazione all’AGCOM, l’Autorità Garante delle Comunicazioni, che provvederà ad analizzare il comportamento dell’azienda, ascrivendo sanzioni laddove sia necessario.

A tal fine ti consigliamo di scaricare il Modello D e seguire le indicazioni che riporta l’articolo: “Il nuovo modello D in materia di telecomunicazioni”.

Disdetta Postemobile

Nonostante riceva il tuo reclamo, Postemobile non è autorizzata al distacco della linea telefonica; dunque se intendi cambiare operatore, dovrai essere tu a comunicare il recesso dal contratto in essere. Puoi richiedere la disdetta del contratto attraverso il modulo disdetta contratto Postemobile, ma ricorda di osservare i 30 giorni di preavviso previsti dalle Condizioni Generali di Contratto. PosteMobile si riserva in tal caso di applicare un costo per le attività strettamente connesse alla disattivazione della sim PosteMobile. Sull'argomento puoi leggere questo articolo: “Telefonia: in caso di recesso i costi di disattivazione sono dovuti?”. Nel caso in cui riscontrassi un addebito anomalo, puoi inviare all’azienda un reclamo per applicazione penali.

Documenti correlati
Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata