Come richiedere il passaporto mortuario

richiesta passaporto mortuario

Per il trasporto di una salma o di ceneri dall'Italia al paese di appartenenza o di origine del defunto per la sepoltura è necessario ottenere l'autorizzazione all'estradizione (detta anche passaporto mortuario) previa richiesta documentata all'Ufficio di Stato Civile del comune del defunto o del comune ove il cadavere è stato rinvenuto.

Analoga autorizzazione devono richiedere coloro che, avendone titolo, desiderino introdurre in Italia la salma o le ceneri di un familiare deceduto all'estero per la sua sepoltura in un cimitero del territorio comunale.

Il passaporto mortuario viene rilasciato dal Sindaco del Comune dove è avvenuto il decesso su istanza:
- di uno dei congiunti del defunto;
- del convivente del defunto;
- del delegato dei congiunti/del convivente del defunto;
- di una persona informata della morte (generalmente la Impresa di Onoranze Funebri autorizzata dai soggetti di cui sopra).

Sia l'istanza che il passaporto sono soggetti ad imposta di bollo.

Se il trasporto è diretto in Paesi aderenti alla Convenzione di Berlino del 10 Febbraio 1937 (Italia - Germania - Belgio - Cile - Egitto - Portogallo - Francia - Svizzera - Cecoslovacchia - Turchia - Austria - Zaire - Messico - Romania) la documentazione da predisporre è la seguente:
- istanza (in bollo) al Sindaco del Comune dove è avvenuto il decesso;
- permesso di seppellimento rilasciato dal Comune in cui è avvenuto il decesso;
- estratto dell'atto di morte;
- certificato dell'Azienda Sanitaria Locale attestante che la salma è stata sottoposta a trattamento antiputrefattivo, che l'incassatura della salma è stata effettuata a norma di legge e che il decesso non è avvenuto per malattia infettiva;
- passaporto mortuario.

Se il trasporto è diretto in Paesi non aderenti alla predetta Convenzione di Berlino la documentazione da predisporre è la seguente:
- istanza (in bollo) al Sindaco del Comune dove è avvenuto il decesso;
- permesso di seppellimento rilasciato dal Comune in cui è avvenuto il decesso;
- estratto dell'atto di morte;
- certificato dell'Azienda Sanitaria Locale attestante che la salma è stata sottoposta a trattamento antiputrefattivo, che l'incassatura della salma è stata effettuata a norma di legge e che il decesso non è avvenuto per malattia infettiva;
- nulla osta all'ingresso della salma nel paese estero di destinazione, rilasciato dall'Autorità consolare straniera in Italia su istanza dei parenti del defunto o di persona o ditta da essi incaricata;
- passaporto mortuario;
- comunicazione di rilascio del passaporto alla Prefettura di frontiera attraverso cui il feretro esce dal territorio nazionale.

Questa la modulistica:

Documenti correlati
Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata