Con la SCIA più facile e rapido avviare un'attività d'impresa

Con la legge n° 122/10, entrata in vigore il 31/7/2010, è stato modificato l’articolo 19 della legge n° 241/90, sostituendo alla “dichiarazione di inizio attività” (D.I.A.), la “segnalazione certificata di inizio attività” (S.C.I.A.). In pratica dal 31 luglio 2010 un aspirante imprenditore può intraprendere un’attività economica soggetta a verifica dei requisiti subito dopo aver presentato la Segnalazione Certificata di Inizio Attività (S.C.I.A.) al Registro Imprese della Camera di Commercio.

La S.C.I.A. deve:
- essere presentata al Registro Imprese della Camera di Commercio di competenza nel giorno dell'inizio dell'attività economica;
- essere allegata ad un modello di Comunicazione Unica e di iscrizione/variazione al Registro Imprese (Mod. S1, S2, S5, I1, I2);
- contenere le autocertificazioni necessarie per documentare il possesso dei requisiti, professionali, morali e personali previsti dalle normative.

La nuova disciplina si applica a tutte le attività economiche soggette a verifica dei requisiti:
- agente di affari in mediazione;
- agente e rappresentante di commercio;
- autoriparazione;
- commercio all'ingrosso;
- facchinaggio;
- impiantistica;
- mediatore marittimo;
- pulizia;
- spedizioniere.

Di seguito alcuni modelli:
- Fac simile segnalazione certificata di inizio attività (S.C.I.A.) per imprese di pulizia;
- Fac simile segnalazione certificata di inizio attività (S.C.I.A.) per agente e rappresentante di commercio (ditta individuale);
- Fac simile segnalazione certificata di inizio attività (S.C.I.A.) per agente di affari in mediazione (società).

Dopo aver presentato la SCIA il nuovo imprenditore può iniziare a svolgere l'attività senza aspettare i 30 giorni previsti dalla normativa precedente. Le amministrazioni hanno a disposizione 60 giorni dalla presentazione della segnalazione per esercitare i controlli e prendere i provvedimenti necessari.

In caso di accertata carenza dei requisiti e dei presupposti richiesti dalla legge le amministrazioni consentono all'interessato di provvedere a conformare alla normativa vigente l'attività ed i suoi effetti entro un termine, in ogni caso non inferiore a 30 giorni, e soltanto ove ciò non sia possibile, adottano motivati provvedimenti di divieto di prosecuzione dell'attività e di rimozione degli eventuali effetti dannosi di essa.

Nulla è innovato relativamente a diritti di segreteria, bolli e tasse di concessione governativa.

Documenti correlati
Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata