Cosa fare in caso di furto o smarrimento del libretto di risparmio

smarrimento libretto risparmio, smarrimento libretto risparmio postale,

Come comportarsi nel momento in cui ci si accorge di aver smarrito un buono fruttifero, il proprio libretto di risparmio, un certificato o un qualsiasi altro documento nominativo o al portatore, rappresentativo di un titolo o valore depositato presso un'azienda di credito?

Smarrimento o furto di titoli nominativi

Va detto che trattandosi di titoli nominativi non esiste il rischio che una persona diversa dall'intestatario possa effettuare operazioni su di esso. Detto questo se vuoi ottenere un duplicato di un buono fruttifero, di un libretto di risparmio nominativo o più in generale di un titolo di credito nominativo che ritieni di aver smaritto o essere stato oggetto di un furto, devi come prima cosa denunciare il fatto alla sportello della tua banca o dell'ufficio postale di riferimento. Questo il fac simile di denuncia di furto/smarrimento del titolo credito nominativo che puoi utilizzare.

Ricevuta la denuncia, l'istituto emittente appone un avviso nei propri locali in cui diffida chiunque fosse in possesso del titolo di restituirlo oppure di notificare all'istituto stesso la propria opposizione entro 90 giorni dalla pubblicazione dell'avviso, con avvertenza che in difetto, il buono o il libretto sarà considerato inefficace.

Se nei 90 giorni successivi non accade nulla, ossia non viene presentata opposizione oppure il titolo non viene recuperato o rinvenuto, hai il diritto di ottenere dall'istituto emittente il rilascio del duplicato.

Smarrimento o furto di titoli al portatore

Se invece hai smarrito un libretto di risparmio o di deposito al portatore, oltre alla denuncia all'istituto presso il quale il libretto è pagabile (indicando possibilmente il numero, l'eventuale intestazione e la somma iscritta a credito, unitamente a quelle altre notizie che possano contribuire ad identificare il libretto, a legittimare il diritto del denunciante ed a stabilire le circostanze della perdita) devi, entro 15 giorni dalla presentazione della denuncia stessa, presentare anche un ricorso al Presidente del Tribunale (dove fa capo giuridicamente la filiale bancaria di riferimento), corredato da tutte le prove che ne dimostrino il possesso e allegando copia della denuncia di furto/smarrimento all’autorità giudiziaria.

La presentazione dell'istanza di ammoratamento del titolo di credito richiede il pagamento di una marca da bollo di € 27,00 per diritti forfettari di notifica ed il versamento del contributo unificato nella misura di € 77,00. Il contributo unificato può essere pagato presso le tabaccherie; si può anche versare presso le succursali di Poste Italiane o istituti di credito utilizzando il modello F23 ed utilizzando come codice tributo il 941T.

Una copia in carta libera del ricorso devi trasmetterla all'istituto bancario o postale presso il quale il libretto è pagabile, mediante lettera raccomandata con ricevuta di ritorno; in caso contrario, l'annotazione di fermo si ha per non avvenuta.

Se il Presidente ritiene attendibili i fatti esposti e convincenti le prove addotte dal ricorrente, emette un decreto con cui pronuncia l'inefficacia del libretto e autorizza l'istituto emittente a rilasciarne un duplicato (decreto di ammortamento).

Il decreto di ammortamento deve essere notificato dal ricorrente all’istituto bancario o postale. Quindi, trascorso il termine di 90 giorni senza che sia stata proposta opposizione, l’interessato deve farsi rilasciare dalla cancelleria del Tribunale una certificazione attestante la circostanza della mancata opposizione, e col suddetto certificato, potrà ottenere dall’istituto il duplicato del libretto. Questo il fac simile per la richiesta del certificato di non opposizione al decreto di ammortamento del titolo di credito.

Documenti correlati



46031 - Redazione
23/06/2016
Angela, le consigliamo di parlare con il direttore dell'ufficio postale per sollecitargli con forza e decisone l'emissione del duplicato.

46017 - Angela
22/06/2016
Salve, ho smarrito un buono postale che mi ha regalato nonna 4 anni fa. Anche se mi reco all'ufficio postale da dove è stato emesso dicono che al momento non riescono a trovarmelo oppure di aspettare mi dicono che arriverà a casa tramite posta dopo 3 mesi di attesa ancora niente. è già un anno che sto aspettando ma niente mi hanno fatto compilare il modulo di smarrimento e ho anche pagato dei bollettini per effettuare le ricerche ma nulla, cosa mi consiglia di fare? Grazie.

45886 - carla bianchi
07/06/2016
Salve ho smarrito due libretti intestati a me ed ho iniziato la procedura, denuncia ecc, ma poi mi sono ammalata e sono decorsi i 15 giorni per proporre il ricorso al tribunale. Cosa posso fare per non perdere i soldi in essi depositati? Grazie

45677 - Redazione
17/05/2016
Paola, per richiedere il duplicato di buoni fruttiferi postali smarriti, è necessario prima espletare la procedura di ammortamento. In particolare deve recarsi presso l'ufficio postale e compilare la denuncia di perdita (Mod. W136355) sulla quale devono essere riportati gli estremi necessari per l’identificazione del buono e gli estremi della denuncia presentata agli Organi di Pubblica Sicurezza. La richiesta deve essere fatta dall’intestatario. Trascorsi 30 giorni consecutivi nel caso di buoni dal valore nominale inferiore a 516,46 euro (1.000.000 di lire) o 90 giorni consecutivi nel caso di buoni dal valore nominale uguale o superiore a 516,46 euro (1.000.000 di lire), l'ufficio postale rilascia un duplicato. La duplicazione del buono cartaceo ha un costo di euro 1,55.

45668 - Paola
17/05/2016
Buongiorno, mia nonna nel lontano 1984/85/86 (sta qui il problema) ha donatao a noi nipoti lire 1.000.000 sotto forma di buoni postali. Purtroppo li ho perduti (sono sicura che sono in casa ma non li trova) cosa potrei fare per rintracciarli? Mi hanno detto che si puo' fare la richiesta ad uno sportello postale per la ricerca territoriale? Ci sono i moduli? Grazie per una cortese risposta.

44661 - Redazione
15/03/2016
Giovanna, al di là dell'Isee è necessario che lei richieda il duplicato di Buoni Fruttiferi Postali smarriti, previo espletamento della procedura di ammortamento. La duplicazione può essere richiesta presso qualunque ufficio postale mediante compilazione e sottoscrizione della denuncia di perdita (Mod. W136355). Ha un costo di 1,55 euro.

44655 - giovanna
15/03/2016
Buongiorno devo fare l'Isee ma ho smarrito tre buoni fruttiferi a nome dei miei tre figli, cosa devo fare? Grazie mille e buona giornata

42894 - Redazione
01/12/2015
Domenica, se si tratta di un libretto nominativo deve denunciarne lo smarrimento o la distruzione all'ufficio postale.

42867 - Domenica
30/11/2015
Buongiorno, vorrei un' informazione, devo fare l'isee e dovrei inserire la giacenza del libretto postale ma avendo iniziato le pratiche di chiusura del libretto io convinta che ormai non servisse piu' l'ho distrutto adesso ho scoperto che non e' stato chiuso e in posta me lo hanno chiesto ma come faccio visto che l'lo distrutto? Grazie

42718 - giuseppe
20/11/2015
Buonasera, per cortesia avrei un dubbio in merito a dei buoni fruttiferi, nello specifico, mia madre il 20 settembre si è rivolta alle poste del paese di residenza per segnalare lo smarrimento di alcuni buoni postali sottoscritti con loro 3 anni prima e scaduti da poco tempo, gli stessi hanno avviato la procedura di duplicazione a seguito di smarrimento, ma ieri dopo che abbiamo effettuato alcuni lavori in casa, per caso abbiamo ritrovato i buoni di cui in precedenza era stata fatta la richiesta di duplicato, adesso alla luce dei nuovi sviluppi, volevo cortesemente sapere se si puo' procedere con la denuncia/segnalazione di rinvenimento del titolo allo stesso ufficio postale il quale credo dovra' procedere a bloccare la duplicazione ed a riabilitare il buono rinvenuto per il successivo incasso, è giusta la procedura? Quanti giorni occorrono solitamente per riabilitare il titolo/buono a seguito di rinvenimento? Grazie per la cortese risposta che vorrete fornirmi!

Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata