Curriculum vitae e colloquio: è tutta questione di marketing

curriculum vitae, colloquio di lavoro

Nonostante le voci in circolazione riguardanti una ipotetica ripresa economica, trovare lavoro in Italia resta un'impresa alquanto difficile, ma di certo non impossibile. Se state cercando un impiego svolgendo colloqui e interviste sappiate che molto del vostro futuro dipende dalla prima impressione che date al responsabile delle risorse umane o al vostro futuro datore di lavoro.

Quest’ultimo, infatti, si aspetta di trovare in voi l’elemento distintivo che lo induca a scegliervi, a credere nelle vostre capacità e offrirvi il tanto agognato posto di lavoro. A questo fine sono indispensabili due cose: redigere un ottimo curriculum vitae e prepararvi al meglio per il colloquio. In questo articolo vi diremo come fare.

Il Curriculum Vitae vincente

Il Curriculum Vitae è il vostro biglietto da visita, il documento che inviate presso l’azienda in cui vi piacerebbe lavorare, al fine di ottenere il posto. Esso perciò deve essere impeccabile. Se non avete idea di come scriverlo potete seguire le nostre indicazioni leggendo “Come scrivere un Curriculum vitae”.

È molto importante che il vostro Curriculum Vitae contenga un messaggio implicito: ASSUMIMI! Ecco perché possiamo considerarlo un testo pubblicitario. Pensate che di media avete non più di due minuti per fare la differenza agli occhi del vostro datore di lavoro, che non vi conosce, non sa niente di voi ma aspetta solo di trovare tra le centinaia di curricula che riceve, quello che lo colpisca e lo convinca ad alzare la cornetta del telefono e convocarvi per un colloquio.

A questo fine è importantissimo che il vostro Curriculum Vitae sia leggibile, chiaro, completo ma non troppo prolisso. Ad aiutarvi nell’impresa esistono vari modelli che potete scaricare e compilare. Il più famoso e accreditato è il modello Europass (si legga in proposito "Come scrivere un Curriculum Vitae Europeo").

Durante la compilazione del documento è molto importante che:
1. Esso sia personalizzato ed adattato al contesto, ovvero all’azienda presso la quale dovrete presentarlo. Evitate di includere informazioni che il vostro datore di lavoro possa non ritenere interessanti.
2. Siate concentrati sulle esigenze del vostro datore di lavoro, piuttosto che sulle vostre. Ponetevi delle domande, quali “Come essere il candidato perfetto per questo impiego?” o “Cosa distingue un candidato eccezionale da uno buono?”, date le vostre risposte e scrivete di conseguenza.
3. Risaltino le vostre migliori qualità, la vostra istruzione, la vostra professionalità e la vostra competenza alle mansioni che vi saranno affidate.
4. Evitate di dire tutto, soprattutto di scrivere frasi o elencare competenze che non abbiano un senso pratico, specifico e concreto. Gli errori da evitare quando si redige un documento come il Curriculum sono tanti, per questo puoi leggere “Curriculum Vitae: gli errori da evitare”.

Colloquio di lavoro: come affrontarlo

È molto importante prepararsi al colloquio di lavoro, poiché consiste in un’intervista nella quale voi dovrete dimostrare di essere l’insieme di tutte le qualità e le competenze descritte nel vostro Curriculum vitae. Cercate di essere il più possibile professionali, presentarvi in perfetto orario, vestire in maniera adeguata, tenere un tono di voce medio e guardare il vostro intervistatore negli occhi: in questo modo dimostrerete di essere sicuri di voi e di quanto state dicendo.

Oltre a parlare della vostra formazione e delle esperienze di lavoro pregresse (se ne avete) è bene fare dei riferimenti circa l’azienda interessata, dimostrerete così di conoscere il lavoro che svolge e il profilo delle persone che la rappresentano. In questo studio vi saranno molto d’aiuto i social network come Linkedin, Facebook e Twitter: cercate informazioni online, ma soprattutto visitate il loro sito web o scaricate la loro app sullo smartphone e dimostrate di averla usata almeno qualche volta.

Solitamente prima della conclusione del colloquio seguono delle domande su di voi, domande che il datore di lavoro utilizza per conoscere qualcosa in più sulle vostre motivazioni, sulle vostre attitudini ma soprattutto sui vostri punti deboli. In questo caso è importante che voi facciate dei vostri difetti degli innegabili pregi, in questo modo la testardagine diventerà determinazione, la pignoleria diventerà precisione e così via.

Documenti correlati
Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata