fondo credito nuovi nati

Moduli.it social

Fondo credito nuovi nati: cos'è e come fare domanda

Il Fondo di credito per i nuovi nati è stato prorogato dal Governo per gli anni 2012 e 2013. Partendo dal presupposto che l'arrivo in famiglia di un figlio comporta nuove e maggiori spese, si è introdotto questo strumento con l'obiettivo di fornire un aiuto concreto in un momento particolarmente critico per la famiglia dal punto di vista economico.

Il Fondo, in particolare, è volto a favorire l'accesso al credito da parte dei genitori di figli nati o adottati durante gli anni sopra indicati, attraverso il rilascio di garanzie alle banche e agli intermediari finanziari. In pratica lo Stato, tramite il Fondo, garantisce la banca in caso di insolvenza del beneficiario nella restituzione del prestito, fino al 50% dell'ammontare del finanziamento.

I finanziamenti ammissibili alla garanzia hanno un importo massimo per nuovo nato pari a 5.000 €, devono essere restituiti in un periodo massimo di 5 anni e possono essere utilizzati per qualunque tipo di spesa.

E' bene ribadire comunque che non c’è alcun diritto alla concessione del prestito, ma è rimessa alla banca la valutazione circa l'ammissione al prestito del genitore richiedente.

La domanda può essere presentata alle banche, indipendentemente dal reddito disponibile, entro il 30 giugno dell'anno successivo (sino a giugno 2015) a quello di nascita o di adozione del figlio per cui si richiede il prestito.

Alla domanda è necessario allegare la documentazione che normalmente le banche richiedono per la concessione di un prestito (es. busta paga, dichiarazione dei redditi, ecc.). Va precisato che in caso di ISEE inferiore a 15.000 €, la garanzia dello Stato si eleva dal 50 al 75%. Nel caso specifico, dunque, va allegato anche il modello ISEE.

La Banca/Intermediario finanziario, accertata l'ammissione alla garanzia del Fondo, delibera autonomamente sull'erogazione del finanziamento e provvede ad accreditare al beneficiario l'importo corrispondente in base alle modalità concordate con il beneficiario.

È possibile estinguere il debito in un'unica soluzione o con rate da concordarsi al momento della sottoscrizione del contratto di finanziamento. L'arco temporale di restituzione del finanziamento deve essere concordato con la Banca/Intermediario finanziario.

Per le adozioni nazionali si fa riferimento alla sentenza di affidamento preadottivo o di adozione definitiva. Per le adozioni internazionali si fa riferimento al provvedimento di autorizzazione all'ingresso e alla residenza permanente del minore rilasciato dalla Commissione per le adozioni internazionali, sia per le adozioni pronunciate all'estero che per quelle pronunciate in Italia a conclusione del periodo di affidamento preadottivo.

Nel caso di bambini affetti da malattia rara, dovrà essere prodotto anche il certificato di una struttura sanitaria pubblica attestante la patologia sofferta.

L'elenco delle banche aderenti è disponibile sul sito www.fondonuovinati.it e sul sito www.abi.it.
Al 30 giugno 2012 le banche (141 istituti) hanno confermato la concessione di finanziamenti per complessivi 127.266.226,70 € con il rilascio di 25.986 garanzie.

Pubblicato il 03/09/2012    17 Commenti
Tags: sostegno famiglie bonus bebè garanzie nuovi nati finanziamenti prestiti credito
Documenti correlati



25528 - Redazione
01/08/2013 09:24
Domenico, purtroppo no, il termine è scaduto lo scorso 30 giugno.

25501 - palmieri domenico
30/07/2013 09:02
Salve Mio figlio e' NATO il 27 12 2012 posso ancora fare richiesta al fondo nuovi nati x il finanziamento? Grazie.

25200 - Elena
12/07/2013 22:08
Vorrei sapere se posso fare la domanda sul fondo credito nuovi nati con un isee a zero .. Grazie

24471 - Redazione
11/06/2013 17:32
Stefy, in bocca al lupo.

24469 - stefy
11/06/2013 17:23
Salve, intanto la ringrazio per l'attenzione che mi ha prestato in questi giorni, stamane grazie ai suoi consigli mi sono rivolta ad un altra banca che pare voglia addirittura il modello isee come diceva lei...e la prossima settimana presenteremo la domanda....speriamo bene!! Cmq resta il fatto che tutta la situazione è gestita male, è abbastanza strano che una banca se non hai il reddito minimo non ti fa il finanziamento ed un altra con lo stesso reddito ti chiede addirittura l'isee per maggiori agevolazioni. Penso non sia giusto che la valutazione finale per la concessione del prestito spetti alle banche, visto che ognuno interpreta il regolamento come meglio le conviene!! "Della serie fatta la legge trovato l'inganno"!! scusate ancora per lo sfogo e grazie per gli utilissimi consigli...vi farò sapere come finirà.

24456 - Redazione
11/06/2013 11:03
Stefy, non troverà nessuna banca che le concederà un prestito "a prescindere dal reddito". Il fattore su cui si discuteva è che l'istituto in questione avesse fissato impropriamente un "reddito di 30.000 euro" come condizione per accedere al Fondo, mentre il regolamento stabilisce che l'accesso è consentito addirittura in caso di ISEE (e non di reddito) inferiore a 15.000 euro. Le consigliamo di rivolgersi ad altri istituti.

24454 - stefy
11/06/2013 10:07
Purtroppo i fatti dicono altro....anch'io ho letto il regolamento sul sito ma il direttore della banca non ha voluto sentire ragione!!Lei sa di banche che lo fanno a priscindere dal reddito?Se mi puoi indirizzare mi farebbe una grande cortesia visto che mi rimangono pochi giorni per la presentazione della domanda. grazie

24450 - Redazione
11/06/2013 09:17
Stefy, fermo restando che la concessione del prestito è rimessa comunque alla valutazione della banca, che a tal fine potrà chiedere anche il modello ISEE, c'è da dire che non è stata definita una soglia minimo di reddito per accedere al Fondo. Anzi il Regolamento del Fondo prevede, a vantaggio del richiedente, che in caso di ISEE inferiore a 15.000 euro, la garanzia dello Stato si eleva dal 50 al 75%, proprio al fine di facilitare l'accesso al credito a fasce di reddito che altrimenti ne sarebbero escluse.

24446 - stefy
10/06/2013 18:15
io ho provato a fare la domanda alla monte dei paschi di siena e mi è stata rifiutata per il reddito basso...allora perchè sul sito fondo nuovi nati è precisato che non ci sono limiti di reddito!!! Inoltre se io avessi un reddito di 30000 € andrei in banca a chiedere 5.000€??

24398 - Redazione
10/06/2013 09:19
Stefy, perchè lo Stato garantisce solo il 50% dell'ammontare del finanziamento.


Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata