66746_3177.jpg

Moduli.it social

I contratti telefonici e il diritto di ripensamento

Una compagnia telefonica un bel giorno vi contatta a casa proponendovi una nuova offerta. Ci pensate un po' su ma alla fine, convinti della bontà della proposta, decidete di accettarla fornendo il vostro consenso alla registrazione della telefonata. Qualche giorno dopo vi arriva a casa la documentazione e rileggendo il contratto vi accorgete che le condizioni del piano tariffario in realtà non sono le stesse proposte a telefono. Come comportarsi in questi casi?

Va detto che per i contratti conclusi telefonicamente, c.d. contratti a distanza, è prevista una particolare forma di tutela e garanzia nei confronti del consumatore: il c.d. diritto di ripensamento, ossia il diritto dell'utente di ripensare al contratto concluso a distanza e di liberarsi dal vincolo contrattuale manifestando una volontà in tal senso nei giorni immediatamente successivi alla sottoscrizione del contratto.

Il diritto di "ripensamento" si può esercitare senza alcuna penalità e senza specificarne il motivo entro 14 giorni solari che decorrono, per i contratti relativi alla fornitura di servizi, dal giorno della conclusione del contratto.

Se tuttavia il venditore non ha fornito al consumatore le informazioni sull’esistenza e sulle modalità di esercizio del diritto di recesso, il termine per esercitarlo diventa di 12 mesi decorrenti dalla fine del periodo di recesso iniziale (quindi, in totale, 14 giorni più 12 mesi), mentre in precedenza il termine era di 90 gg.

Il diritto di recesso si esercita inviando una raccomandata a/r all'operatore entro i termini sopra indicati. Questo il fac simile.

Entro gli stessi termini la comunicazione può eventualmente essere inviata per telegramma, fax o posta elettronica, purché confermata con lettera raccomandata nelle 48 ore successive.

Il diritto di ripensamento vale anche nel caso in cui l'adesione alla proposta sia avvenuta tramite il sito Internet o con l'intervento di un agente presso la vostra abitazione. Al contrario non è applicabile qualora il contratto sia stato sottoscritto presso l’esercizio commerciale della compagnia telefonica.

Pubblicato il 26/06/2012    129 Commenti
Tags: diritto ripensamento contratto telefonico annullamento contratto disdetta telefonica acquisto a distanza acquisto su internet recesso acquisto vendita per corrispondenza
Documenti correlati



37436 - Redazione
25/03/2015 09:28
Alberto, siamo certi che non accadrà stante la raccomandata ar inviata, ma qualora dovesse verificarsi potrà agire legalmente e pretendere il risarcimento dei danni subiti.

37423 - Alberto
24/03/2015 18:52
Buongiorno. Ieri ho stipulato un contratto telefonico con Fastweb, dando l'autorizzazione alla migrazione. Quando però ho ricevuto la documentazione ho visto che alcune cose nella proposta contrattuale non tornavano. Oltretutto non mi era stato inviato il contratto integrale relativo al profilo richiesto con relativi costi. Dato che il servizio clienti si è rifiutato di fornirmi la documentazione ho deciso così di esercitare il diritto di recesso o ripensamento, inviando una raccomandata. Il mio dubbio é: se Fastweb dovesse comunque procedere all'attivazione del servizio, come mi comporto?

36785 - Redazione
09/03/2015 09:20
Mauro, per esercitare il diritto di ripensamento può utilizzare questo fac simile. Una volta compilato, può trasmetterlo via fax al numero 06.5799 6818.

36690 - mauro
06/03/2015 22:12
Salve, avrei bisogno di sapere come posso fare a disdire un contratto stipulato al telefono con acea energia, perché pentito. Il contratto è stato fatto il 04/03/2015...

36280 - Redazione
24/02/2015 18:37
Francesco, il diritto di "ripensamento" (14 gg e non 10) può essere esercitato solo relativamente ai contratti conclusi a distanza (telefono, internet, ecc.) o fuori dai locali commerciali (a domicilio, per strada, ecc.). Nel caso di vendita in negozio o in altri locali del venditore, il diritto di ripensamento, e quindi di recesso, non può essere esercitato, a meno che non lo consenta il venditore stesso.

36278 - Francesco
24/02/2015 17:43
Ma se il contratto è stato fatto in negozio... è possibile disdirlo entro 10 giorni?

35647 - Redazione
09/02/2015 11:03
Gianluca, certo può recedere dalla proposta e, dunque, evitare di pagare quei 20 euro; consideri tuttavia che con l'adesione alla proposta Telecom, Wind le addebiterà i costi di disattivazione (legga in proposito questo articolo), che nel caso specifico ammontano ammontano a 35 euro.

35644 - Gianluca
07/02/2015 20:52
Buongiorno. Desidero portare alla vostra attenzione quanto segue: da più di due anni ho stipulato un contratto adsl-telefono con il gestore Wind. Il giorno 02-02-2015 ho contattato Wind per chiedere un cambio tariffario che mi è stato accordato per un costo di euro 20 da pagare una tantum. Dopo tre giorni sono stato contattato da Telecom proponendomi di cambiare gestore ad un prezzo conveniente. La domanda è: devo comunque pagare i 20 euro a Wind o posso avvalermi del diritto di recesso per il nuovo piano tariffario? In caso affermativo come devo comportarmi? Grazie.

34865 - Redazione
13/01/2015 12:48
Fabio, consideri che i 14 gg. decorrono dalla data di sottoscrizione del contratto.

34852 - Fabio
12/01/2015 21:02
Salve. Io ho stipulato in data 6 dicembre un contratto telefonico con sky (riattivazione di un vecchio contratto abbondantemente scontato); ad avvenuta attivazione vedo che quanto proposto dall'operatore non corrisponde alla telefonata intercorsa tra le parti e quindi decido entro il termine di 14 giorni di avvalermi del diritto di recesso/ripensamento. Vorrei sapere se sky a questo punto può pretendere una somma di circa € 110 euro per chiusura contratto anticipato spese operatore ticket annuale e via dicendo. Grazie


Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata