I tempi di notifica del verbale: quando e come ricorrere

Nel caso in cui la violazione sia immediatamente contestata, la notifica avviene tramite consegna nelle mani del trasgressore e, se presente, della persona obbligata in solido, del verbale originale. Oltre alla consegna a mano, il verbale deve essere notificato entro cento giorni dall’accertamento della violazione, ad uno dei soggetti solidalmente obbligati (il proprietario del veicolo, l'usufruttuario, l'utilizzatore a titolo di noleggio o leasing, l'imprenditore per la violazione commessa dal rappresentante o dal dipendente).

Qualora la violazione non possa essere immediatamente contestata (ad esempio impossibilità di raggiungere un veicolo lanciato a forte velocità o che passa con il rosso, assenza del trasgressore o del proprietario del veicolo nel caso di veicolo in sosta, rilevamento del superamento dei limiti di velocità tramite autovelox o transito in ZTL), il verbale, con gli estremi precisi e dettagliati della violazione e con l'indicazione dei motivi che hanno reso impossibile la contestazione immediata, deve essere notificato al trasgressore entro 90 giorni dalla data di accertamento dell'infrazione (in precedenza il termine era di 150 gg.).

È bene precisare che il termine di 90 giorni va computato dal giorno successivo (a quello dell'accertamento), fino al 90esimo giorno incluso. Se il 90° giorno è festivo, il termine decade il primo giorno feriale successivo.

Per i residenti all’estero tale termine è esteso a 360 giorni.

Dunque la notifica effettuata oltre i 90 giorni è da ritenersi inefficace. Per questo il destinatario del verbale di infrazione può proporre ricorso al Prefetto o al Giudice di Pace e chiederne l'annullamento.

Ma da quando iniziano i 90 giorni?

Il giorno da cui partire col conteggio dei 90 giorni non è sempre il medesimo perché può variare a seconda dei casi specifici. L'ipotesi più frequente è quella secondo cui il termine decorre dalla data in cui è stata commessa l'infrazione. Ma non è sempre così.

Può capitare, infatti, che l'organo accertatore non sia nelle condizioni di conoscere immediatamente i dati dell'effettivo trasgressore oppure dei soggetti solidalmente obbligati (il proprietario del veicolo, il locatore o il noleggiatore).

Ciò accade ad esempio quando i dati anagrafici relativi all'effettivo proprietario del veicolo così come risultano al P.R.A. (Pubblico Registro Automobilistico) o all'archivio nazionale dei veicoli immatricolati non sono aggiornati, perché non è stato annotato il cambio di proprietà o di residenza o perché sono stato trascritti in maniera errata la targa o le generalità del proprietario.

In questi casi la notifica deve essere fatta  entro 90 giorni dall'identificazione di tale soggetto, ossia  da quando l’organo accertatore é "posto in grado di provvedere alla sua identificazione", così come dispone l'art.201 c. 1 del C.d.S.

Così se il soggetto che riceve la notifica del verbale dichiara di non essere più il proprietario del veicolo incriminato (ad esempio perché il mezzo è stato nel frattempo venduto), l'organo accertatore può procedere a nuova notificazione.

La stessa cosa accade quando il proprietario del veicolo è una società di leasing o di noleggio. In questi casi l'organo accertatore ha 90 giorni per notificare il verbale al proprietario del mezzo (società di leasing o di noleggio), che poi comunicherà le generalità del conducente.

In tutti questi casi, dunque, il verbale viene notificato una seconda volta e il conteggio dei 90 giorni riparte nel momento in cui all’ufficio accertatore perviene la comunicazione sui dati dell’effettivo trasgressore.

Come si può vedere il termine per la notifica non sempre decorre dalla data dell'infrazione, ma più spesso dalla data del suo accertamento.

Questa discrepanza tra la data dell'infrazione e quella del suo accertamento si verifica anche quando l'infrazione è "registrata" attraverso dispositivi elettronici di controllo (per es. autovelox, photored ecc.), oppure quando è necessario ricostruire la dinamica dell'incidente stradale al fine di accertare l’infrazione ed identificare di conseguenza il trasgressore.

E il termine di scadenza qual è?

A tal proposito va detto che per le multe notificate a mezzo posta, il termine coincide con il giorno in cui l'organo di polizia consegna materialmente il verbale all'ufficio postale (o agli uffici comunali preposti alla notifica) per effettuare la spedizione (o la consegna).

Questo giorno viene riportato sul verbale di accertamento con la dicitura "si attesta che il presente verbale è stato spedito in data …….". Ciò significa che il destinatario della contravvenzione potrebbe ricevere la raccomandata ben oltre i 90 giorni e la notifica ritenersi comunque valida ai fini della legge.

Ricordiamo che le spese di accertamento e di notificazione sono poste a carico di chi è tenuto al pagamento della sanzione amministrativa pecuniaria.

Come e a chi presentare ricorso

In conclusione, valutati tutti questi aspetti, se si ritiene che il termine di 90 gg. non sia stato rispettato, si può presentare ricorso e chiedere l'annullamento del verbale direttamente al Prefetto del luogo in cui è stata commessa la violazione con lettera raccomandata con ricevuta di ritorno, oppure all'ufficio o al comando che ha elevato la multa (ad esempio Vigili urbani, Polizia stradale ecc.).

Il ricorso va inoltrato entro 60 giorni dalla notifica utilizzando questo fac simile.

In alternativa è possibile presentare ricorso al Giudice di Pace. In questo caso il ricorso va proposto entro il termine di 30 giorni dalla data di contestazione della violazione o di notificazione del verbale di accertamento (entro 60 giorni se il ricorrente risiede all'estero).

Pubblicato il 15/09/2012    812 Commenti
Tags: notifica contravvenzioni stradali termine notifica contravvenzioni prescrizione notifica multa a mezzo posta notifica verbale di accertamento tempi notifica multe mancata notifica verbale notifica verbali codice della strada notifica verbale 90 giorni notifica verbale cds art. 201 cds
Documenti correlati



27220 - MIRNA
29/10/2013 00:04
E' possibile che un verbale riporti la dicitura "si attesta che il presente verbale ... è stato notificato mediante invio con Raccomandata AR consegnata all'ufficio postale il 27/09/2013" e venga consegnato l'avviso per il ritiro della raccomandata in data 17/10/2013?

27205 - Redazione
28/10/2013 10:35
Giuseppe, se i dati sono riportati correttamente con la correzione, seppure a penna, non ci pare che questo sia un motivo sufficiente per ricorrere. Naturalmente si tratta di una nostra valutazione.

27198 - Giuseppe
27/10/2013 19:37
Salve, vorrei sapere se è possibile ricorrere contro un verbale in cui si intravvedono stampati tutti i dati anagrafici di una persona, con relativa targa dell'auto; dico si intravvedono perchè sono stati depennati con un tratto a mano e, sempre a mano, vengono scritti solo nome e cognome miei e targa rettificata della mia auto. In realtà c'era quindi una somiglianza di targa. Chiedo: è valido questo verbale? Oppure è da considerare falso (o meglio, alterato in tempi diversi), perciò da invalidare? Non sarebbe stato più regolare rifarlo ex novo, o annotare la rettifica fatta a mano? Grazie a chi vorrà rispondermi.

27183 - Redazione
26/10/2013 16:23
Antonio, se non si riscontrano situazioni particolari (l'auto era a noleggio o in leasing, lei nel frattempo ha modificato la sua residenza, etc.) ci sono decisamente gli estremi per un ricorso.

27177 - Antonio
26/10/2013 09:45
Buongiorno, il 25/10/2013 ho ricevuto notifica di un verbale per eccesso di velocità commessa il 29/05/2013 ed accertata il 31/05/2013 giorno in cui è stato scritto il verbale. Posso fare ricorso? Grazie

27170 - Redazione
25/10/2013 19:42
Maurizio, non ci sono gli estremi per un ricorso dal momento che nulla può essere imputato all'organo di polizia che ha notificato nei tempi il verbale consegnandolo in data 22.08.2013 all'ufficio postale.

27160 - maurizio
25/10/2013 11:51
In data 16.10.2013 ho ricevuto la notifica con messo comunale, di un accertamento di violazione del c.s. (divieto di sosta) violazione commessa in data 14.06 2013. Nel verbale si evince che precedentemente era stato consegnato all'ufficio postale in data 22.08.2013 (di fatto nei termini), nella copia in archivio all uff. verb. risulta che il postino restituisce la racc. perché l'indirizzo risulta non sufficiente, anche se abitando in una contrada ricevo regolarmente la posta. Secondo voi i termini per la notifica sono scaduti?

27089 - Redazione
22/10/2013 15:16
Antonello, non ci pare possano essere classificati come "vizi di forma" tali da rendere nullo un verbale

27077 - antonello
21/10/2013 22:27
Buonasera, faccio riferimento alla Vs risposta n. 26847. Mi sono informato presso l'agenzia di noleggio, e i tempi per la notifica a questo punto rientrano nei 90 giorni. VI chiedo allora: l'assenza della famosa dicitura "il presente verbale è stato spedito il" è ancora motivo per eventuale annullamento? Parlo a questo punto di vizio di forma. Posso eventualmente fare ricorso per assenza di specifiche circa la postazione mobile o fissa? non è menzionato, altro vizio di forma che so essere motivo di annullamento. Grazie infinite.

27032 - Redazione
21/10/2013 11:37
Spiridione, è così purtroppo e la norma non lascia alcun appiglio, il termine per la notifica decorre non dalla data dell’infrazione, ma da quella del suo accertamento. Ciò capita soprattutto quando l’infrazione viene rilevata e registrata attraverso i dispositivi elettronici di controllo. Accade così che le amministrazioni facciano spesso leva su questo aspetto per guadagnare tempo evitando che la notifica avvenga oltre i termini.


Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata