Pagare una multa a rate: si può, ecco come

rateizzazione multa, pagamento multa a rate

Tra le novità introdotte nel codice della strada dalla Legge 120 del 29 luglio 2010 (leggi anche “I tempi di notifica del verbale: come e quando ricorrere”), segnaliamo la  possibilità di rateizzare quelle sanzioni amministrative che abbiano un importo superiore a 200 € (art. 202-bis).

Quali sono i requisiti

Ai fini della rateazione è necessario che il richiedente versi in condizioni economiche disagiate, in particolare sia titolare di un reddito imponibile ai fini dell'imposta sul reddito delle persone fisiche, risultante dall'ultima dichiarazione, non superiore a € 10.628,16. Se convive con il coniuge o con altri familiari, il reddito è costituito dalla somma dei redditi conseguiti nel medesimo periodo da ogni componente della famiglia, compreso la persona interessata, e i limiti di reddito sono elevati di € 1.032,91 per ognuno dei familiari conviventi.

Il modello di richiesta

La richiesta (questo il fac simile di richiesta di rateazione pagamento multa) va presentata al Prefetto, nel caso in cui la violazione sia stata accertata da funzionari, ufficiali ed agenti dello Stato, nonché da funzionari ed agenti delle Ferrovie dello Stato o delle ferrovie e tranvie in concessione. Va presentata, invece, al presidente della giunta regionale, al presidente della giunta provinciale o al sindaco, nel caso in cui la violazione sia stata accertata da funzionari, ufficiali e agenti, rispettivamente, delle regioni, delle province o dei comuni.

Quando presentare l'istanza

L'istanza di rateazione della multa deve essere presentata entro 30 giorni dalla data di contestazione o di notificazione della violazione. La presentazione dell'istanza implica la rinuncia ad avvalersi della facoltà di ricorso al prefetto e di ricorso al giudice di pace. Entro 90 giorni dalla presentazione dell'istanza l'autorità competente adotta il provvedimento di accoglimento o di rigetto. Decorso tale termine l'istanza si intende respinta.

Accoglimento o rigetto dell'istanza

Sulla base delle condizioni economiche del richiedente e dell'entità della somma da pagare, l'autorità competente dispone la ripartizione del pagamento fino ad un massimo di dodici rate se l'importo dovuto non supera € 2.000, fino ad un massimo di ventiquattro rate se l'importo dovuto non supera € 5.000, fino ad un massimo di sessanta rate se l'importo dovuto supera € 5.000. L'importo di ciascuna rata non può essere inferiore a € 100. Sulle somme rateizzate si applicano naturalmente gli interessi.

In caso di mancato pagamento della prima rata o, successivamente, di due rate, il debitore decade automaticamente dal beneficio della rateazione.

In caso di rigetto dell'istanza, il pagamento della sanzione amministrativa pecuniaria deve avvenire entro 30 giorni dalla notificazione del relativo provvedimento.

Documenti correlati



47311 - Redazione
09/11/2016
Nicolangelo, purtroppo i termini (30 gg. dalla notifica) per per la presentazione dell'istanza di rateazione sono scaduti. Con tutta probabilità fra qualche settimana riceverà un avviso bonario con cui sarà invitato a pagare la multa nel termine di 30 giorni dal ricevimento dell'avviso. All'importo originario si sommerà una sanzione e un importo relativo alle spese di notifica. Se non dovesse pagare neppure in questa occasione, l'importo verrebbe iscritto a ruolo da Equitalia, tramite cartella esattoriale.

47306 - Nicolangelo
09/11/2016
Salve, è possibile rateizzare un verbale emesso dai carabinieri per mancanza copertura R.C.A oltre i 60gg.? Se si come? Se no cosa succede ora?

47044 - Redazione
21/10/2016
Roberto, normalmente la rateizzazione viene concessa in presenza di importi così elevati, ma l'istanza deve essere presentata entro certi termini. Non sappiamo quanto tempo sia intercorso dalla notifica, ma potrebbe comunque fare un tentivo oggi.

47041 - Roberto
20/10/2016
Avendo da pagare delle multe al corpo provinciale di Firenze circa 6500 euro..... venuto a casa uff giudiziario...... mi ha detto che se andavo subito al corpo potevi subito reateizzare l'importo. .....è possibile?

46881 - Redazione
11/10/2016
Alfonso, per accedere alla rateazione è necessario aver dichiarato un reddito non superiore a € 10.628,16 elevabile di ulteriori 1.032,91 euro per ciascuno dei familiari che dovessero convivere con lei. Per il resto basta fare una semplice istanza scritta (questo il fac simile). Trattandosi di un multa particolarmente elevata, nel caso in cui superasse la soglia di reddito prevista, le consigliamo comunque di recarsi presso il comando di polizia per verificare la possibilità di ottenere comunque una dilazione nel pagamento.

46864 - Alfonso Maria T.
08/10/2016
Salve, devo versare nelle casse della polizia una multa di oltre 5mila euro (è possibile richiedere la rateizzazione e se si in che modo???). Grazie

46352 - Redazione
01/08/2016
Angelo, si rechi presso lo sportello di Equitalia a lei più vicino e chieda di parlare con un funzionario della struttura. Oltre alla cartella porti con se tutta la documentazione attestante il suo stato di invalidità.

46339 - angelo chiello
30/07/2016
Mi è arrivata la cartella dell'esatri con il pagamento dei bolli arretrati, per un totale di euro 2.775. Solo ora sono venuto a sapere che gli invalidi al 100%, e con una pensione di invalidità di 280 euro sono esenti dal pagamento del bollo auto. Come devo fare? A chi mi devo rivolgere? Sono costretto a pagare l'intero importo? Come e a chi mi devo rivolgere eventualmente per una rateizzazione? Ringrazio vivamente per la risposta angelo chiello

45209 - Redazione
19/04/2016
Stefano, deve compilare il modello di richiesta (può utilizzare questo fac simile) e inviarlo al Prefetto nel caso in cui la multa le sia stata elevata dalla Polizia o al Sindaco qualora la stessa sia stata elevata dalla Polizia Municipale.

45207 - Stefano
19/04/2016
Salve sono in mobilità e dovrei pagare una multa di 848 euro come posso fare x avere la reatizzazione grazie salve.

Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata