Patente a punti: tutto quello che c'è da sapere

decurtazione punti patente , patente a punti infrazioni

Il sistema della patente a punti è stato introdotto nell'estate 2003 col fine di contenere le infrazioni alle norme e ridurre il numero di vittime sulla strada.

Quali infrazioni comportano la perdita di punti

Ogni patente ha una assegnazione iniziale di 20 punti che si possono mantenere se non si commettono infrazioni tra quelle indicate nella tabella dell'art. 126 bis del Codice della strada che comportano decurtazione di punti.

Si perdono così 10 punti dalla propria patente se, ad esempio, si superano i limiti di velocità di oltre 60 km/h, se si circola contromano nelle curve, sui dossi o in condizioni di limitata visibilità o su strada divisa in carreggiate separate o se si fa retromarcia o inversione di marcia in autostrada.

Se ne perdono invece 8 di punti, in caso di mancato rispetto della distanza di sicurezza che abbia causato un incidente con lesioni gravi o di inversione di marcia in prossimità o in corrispondenza degli incroci, delle curve o dei dossi.

Passare con il semaforo rosso, non osservare lo stop, oppure superare i limiti di velocità di oltre 40 km/h, comporta la perdita di 6 punti dalla patente, mentre condurre un motociclo senza casco, non allacciarsi le cinture di sicurezza o usare le cuffie o il cellulare mentre si guida equivale a perdere 5 punti.

Le violazioni che comportano la perdita di 2 punti sono ad esempio il sorpasso a sinistra di un tram in fermata in sede stradale non riservata, la sosta nelle corsie riservate al transito degli autobus o veicoli su rotaia, la mancata segnalazione di veicolo fermo sulla carreggiata, fuori dei centri abitati con l'apposito segnale di triangolo o il trasporto di persone in sovrannumero sulle autovetture.

In caso di violazioni commesse nei primi tre anni dal rilascio della patente, la quantità dei punti decurtabili viene raddoppiata.

Qualora vengano contemporaneamente accertate più infrazioni:
- se si tratta di più infrazioni lievi, nessuna delle quali prevede la sospensione o la revoca della patente, i singoli punteggi si sommano ma la decurtazione totale non potrà superare i 15 punti;
- se vengono rilevate più infrazioni, delle quali almeno una comporta la sospensione o la revoca della patente, verrà decurtato il punteggio effettivamente risultante con possibilità di perdita totale di punteggio.

La perdita di punteggio viene annotata sul verbale dall'organo accertatore (Carabinieri, Vigili Urbani, Polizia Stradale, ecc...) che ha contestato l'infrazione e successivamente comunicata all'Anagrafe Nazionale degli abilitati alla guida che provvede a inserire la decurtazione nel sistema informatico e a trasmettere alla residenza dell'interessato la comunicazione della decurtazione.

Quando la decurtazione non è applicabile

La sanzione accessoria della perdita punti dalla patente non è valida se non è riportata nel verbale di accertamento della contravvenzione. È altresì nulla se nel verbale in cui vengono contestate più infrazioni non è indicato a quale infrazione in particolare si riferisce la perdita dei punti.

A chi si applica la decurtazione dei punti

Naturalmente il destinatario della sanzione accessoria è sempre il conducente del veicolo al momento dell’infrazione. Se non è stato identificato tramite fermo, con la contestazione immediata, il proprietario del veicolo deve fornire agli organi di polizia - entro 60 giorni dalla notifica del verbale - i dati personali e della patente del conducente responsabile della violazione. Questi i moduli da compilare a seconda dei casi:
- Comunicazione dati conducente per decurtazione punti patente (a cura del conducente);
- Comunicazione dati conducente per decurtazione punti patente (a cura del proprietario).

Se il proprietario omette di fornire i dati identificativi scatterà per lui una sanzione aggiuntiva variabile da 284 € a 1.133 €, tuttavia non gli verranno decurtati i punti sulla patente.

Sulla base di motivazioni documentate ed attendibili il proprietario dell'auto ha la possibilità di giustificare la sua impossibilità a conoscere, e dunque a comunicare, i dati del conducente. Pertanto nel caso in cui gli fosse stata comunque applicata la sanzione accessoria della perdita dei punti, il proprietario del veicolo può presentare istanza di riattribuzione dei punti sottratti dalla patente. E’ quanto prevede il decreto legge n. 262 - del 3 ottobre 2006 convertito in legge 24 novembre 2006, n. 286, che modifica l'articolo 126-bis del Codice della strada.

Cosa succede in caso di ricorso contro il verbale di contravvenzione

Nel caso in cui venga proposto un ricorso contro la sanzione principale (leggi “Ricorso al Prefetto avverso verbale di contravvenzione” e “Ricorso al Giudice di pace avverso verbale di contravvenzione”) la decurtazione dei punti dalla patente non può essere applicata prima della definizione del giudizio di opposizione.

Se nonostante l’accoglimento del ricorso e, dunque, l’annullamento della sanzione principale, vengono comunque decurtati i punti dalla patente, è bene presentare un ricorso e chiedere la loro immediata riattribuzione. Questo il modello di istanza di riattribuzione punti-patente per annullamento verbale.

In caso di perdita parziale dei punti

Se sono stati persi dei punti, ma il punteggio non è esaurito, per recuperarli è possibile frequentare corsi speciali presso autoscuole o altri centri autorizzati dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, corsi che consentono di recuperare 6 punti a chi ha la patente A o B, 9 punti a chi possiede la patente C, C+E, D, D+E o la patente B con il certificato di abilitazione professionale. Per maggiori informazioni rimandiamo alla lettura dell'articolo "I moduli per i corsi di recupero punti della patente".

Inoltre, sempre nel caso in cui il punteggio non sia azzerato ma sia inferiore a 20, è possibile ripristinare la quota iniziale di 20 se per due anni dall’ultima infrazione non si commettono violazioni che comportano la perdita di punti.

Ai conducenti che hanno almeno 20 punti viene automaticamente attribuito un “bonus” di 2 punti ogni due anni trascorsi senza infrazioni che fanno perdere punti. Con questo sistema si possono raggiungere al massimo 30 punti.

Per i neopatentati, nei primi tre anni, per ogni anno trascorso senza infrazioni che provocano decutrazione di punteggio è attribuito un "bonus" di 1 punto, fino ad un massimo di 3 punti totali.

In caso di perdita totale dei punti

In questo caso per il conducente viene disposta la revisione della patente di guida, che comporta di sottoporsi, entro 30 giorni dalla notifica del provvedimento, ad un nuovo esame di teoria e di guida.
Se l'esame di revisione viene superato, la patente viene ricaricata dei 20 punti iniziali; se l'esame di revisione non viene superato, la patente di guida viene revocata; se il titolare, entro i 30 giorni, non si sottopone all'esame di revisione, la patente viene sospesa a tempo indeterminato dall'ufficio provinciale del DTT e ritirata dagli organi di polizia stradale.

Come conoscere il numero dei punti sulla patente

Il titolare può controllare in tempo reale lo stato della propria patente consultando il sito web "Il portale dell'automobilista", realizzato dal Ministero dei Trasporti. Per accedere all'archivio è necessario registrarsi.

In alternativa è possibile utilizzare il numero 848.782.782 al costo di una chiamata urbana secondo le tariffe del proprio gestore telefonico.

Documenti correlati



46437 - giuseppe
10/08/2016
Salve il 13 gennaio 2016 avevo 20 punti sulla patente ed il 10 luglio avevo 20 punti sulla patente nella stessa giornata mi vengono decurtati 20 punti dalla patente, ho chiesto alla scuola

43590 - Tommaso
13/01/2016
Salve, il giorno 10/01/2016 mi è stata fatta una multa perchè sono passato col rosso, prima della multa ero rimasto con 7 punti, essendo neopatentato la decuratzione è di 12 punti e quindi probabile un azzeramento dei punti con questa ultima multa. Se riuscissi a fare il corso di recupero punti prima dei 60 giorni disponibili per il pagamento, poi mi vengono accreditati i nuovi punti o il corso non risulterebbe valido perchè fatto dopo la data in cui mi è stata fatta la multa? Grazie.

43292 - Gian
21/12/2015
Domanda: se ho 30 punti e a causa infrazione vengono decurtati 5 punti, quindi si arriva a 25, dopo 2 anni senza infrazioni vengono "regalati" 2 punti, quindi si torna a 27 o viene ripristinato il punteggio pieno di 30 punti come nel caso di infrazioni con un punteggio di 20 punti? Grazie.

42474 - Redazione
11/11/2015
Alex, a nostro avviso non ci sono gli estremi per un ricorso.

42466 - alex
11/11/2015
Salve, mi hanno decurtato 20 x il disco cronotacchigrafo... il fatto è che la multa è di luglio 2014 e la decurtazione dei punti è di ottobre 2015. Posso fare ricorso??

41964 - Redazione
13/10/2015
Alfio, si registri al sito "Il portale dell'automobilista" e verifichi in quali occasioni le sono stati decurtati i punti dalla patente.

41955 - alfio
13/10/2015
Ho preso 4 verbali in una volta, e una sospensione della patente per la cilindrata della macchina che stavo guidando .. mi sono stati levati 15 punti (dovevano essere di piu in quanto neopatentato ma mi hanno detto i poliziotti che non potevano levarne piu di 15) ora però mi risultano 0 punti. Com'è possibile?

41887 - luigi
09/10/2015
Egr. per motivi di età ho volontariamente declassato la patente da C a B, mi vengono ridati nella nuova patente tutti i punti che avevo nella precedente patente? Grazie per la risposta e saluto. Luigi.

41278 - Redazione
15/09/2015
Luigi, il codice della strada in proposito stabilisce che l'ente accertatore deve comunicare, entro 30 gg. da quando sono scaduti i termini per il pagamento o per l'opposizione, la decurtazione all'anagrafe nazionale (art. 126 bis). Non essendo previsto altro dalla legge si può pensare che per la comunicazione della decurtazione valga la prescrizione ordinaria di 10 anni.

41263 - Luigi
14/09/2015
A 31/01/2015 ho preso una multa perchè sono passato con il rosso, premetto che sono stato fermato dai vigili, la multa era di € 163,00 e se la pagavo entro 5 giorni diventavano € 114,00 ovviamente ho pagato al secondo giorno, ma la cosa grave è che sul verbale mi hanno levato 6 punti. Oggi 14/09/2015 ho ancora tutti i miei punti e non mi è mai arrivata la raccomandata della decurtazione dei punti, volevo sapere per cortesia se hanno dei limiti, sia nel mandare la raccomandata sia nel levare i punti, credo inoltre che senza essere avvisato non possono procedere con la decurtazione. Grazie

Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata