Quando e come chiedere il rimborso del ticket sanitario

rimborso ticket sanitario, rimborso ticket sanitario non dovuto

Per ogni tipo di prestazione fornita dal Servizio sanitario pubblico, come visite specialistiche, analisi cliniche, ecografie, risonanze, radiografie, terapie fisiche e riabilitative, ecc., è previsto il pagamento di un ticket (contributo fisso), salvo i casi di esenzione.

Il costo varia a seconda della regione italiana dove ci si trova e a seconda della prestazione richiesta dal cittadino-paziente. E' dovuto anche nel caso in cui il cittadino non dovesse ritirare i referti relativi alle prestazioni ricevute.

In quali casi si può chiedere il rimborso del ticket sanitario

E' possibile chiedere il rimborso parziale o totale del ticket sanitario nei seguenti casi:
- quando è stato effettuato un versamento per il quale l’Azienda USL ha riconosciuto un errore nella determinazione dell'importo;
- per mancata fruizione della prestazione per motivi personali (disdetta), per motivi sanitari oppure per motivi organizzativi e/o tecnici del servizio;
- quando la prestazione è stata regolarmente erogata, ma l'utente è risultato esente;
- quando il cittadino ha usufruito solo di parte delle prestazioni per le quali ha pagato il ticket;
- quando è stato rilevato un errore nella registrazione dei dati (omonimia, residenza, prestazione).

È importante che il cittadino disdica l’appuntamento della prestazione sanitaria anticipatamente telefonando al numero indicato sul documento rilasciato dal centro di prenotazione.

Come chiedere il rimborso

Questo il fac simile per la richiesta di rimborso del ticket sanitario. Una volta compilato va trasmesso alla Direzione Amministrativa della struttura o all'ufficio cassa/CUP in cui è stato effettuato il pagamento, allegando l'originale del documento di pagamento del ticket.

Il cittadino può fare richiesta di rimborso entro 5 anni dalla data in cui è stato effetuato il pagamento iniziale.

Il rimborso può avvenire tramite bonifico bancario presso il conto corrente indicato dall'utente, presso il servizio di tesoreria dell'Azienda o tramite assegno di traenza non trasferibile da inviare all'indirizzo specificato dall'utente.

Documentazione da allegare

Nel caso in cui la domanda di rimborso sia presentata da persona diversa dall’interessato, allegare la delega del diretto interessato e gli estremi di un documento di riconoscimento della persona delegata.

Qualora la prestazione sia a favore di un minore, il rimborso del ticket può essere richiesto da un genitore oppure da chi ne ha la potestà, oppure da persona delegata dagli stessi.

Se il cittadino risulta esente, occorre allegare alla domanda di rimborso la certificazione sull’impegnativa da parte del sanitario del punto erogatore se si tratta di esenzione per patologia o esenzione parziale, oppure il certificato di esenzione rilasciato dalla Asl per gli altri casi di esenzione.

Infine nel caso ci sia stato un errore di prenotazione, ai fini del rimborso è opportuno allegare la lettera della Asl con cui la stessa riconosce il proprio errore nella prenotazione.

Documenti correlati



47298 - Redazione
08/11/2016
Diego, presentando un'istanza scritta di rimborso alla Direzione Amministrativa della struttura o all'ufficio cassa/CUP. Può utilizzare il nostro fac simile.

47289 - Diego P.
08/11/2016
Salve, all'ospedale di Lecco mi hanno fatto pagare per delle lastre in quanto il dottore del pronto soccorso si era dimenticato di scrivere sulle impegnative il codice di esenzione, perché dovuto ad infortunio. Come posso chiedere il rimborso? Nella struttura ospedaliera non sono stati in grado di darmi soluzioni. Grazie

47246 - Redazione
04/11/2016
Arianna, si rechi al Cup dell'ospedale, sicuramente sapranno dirle l'importo dovuto e le modalità con cui effettuare il pagamento.

47241 - Arianna
04/11/2016
Salve ho ritirato un esame, dopo qualche giorno mi chiama l'ospedale e mi dice che devo pagarlo. Cosa dovrei fare per pagarlo anche se l'ho già ritirato?

47191 - Redazione
31/10/2016
Felicia, dipende molto dall'organizzazione della struttura in questione, dai carichi di lavoro del singolo ufficio, ecc. Se fossimo in lei faremmo una chiamata all'ufficio di competenza per avere chiarimenti in merito.

47177 - Felicia B.
30/10/2016
Nel mese di luglio dovevo fare una risonanza, ma come sono entrata nello studio non c'è lo fatta a farla visto che soffro di claustrofobia. Il giorno dopo sono andata alla usl raccontando l'accaduto, quindi ho chiesto il rimborso del ticket. Ancora a tutt'oggi non ho ricevuto nulla. Quali le tempistiche per il pagamento del rimborso? Grazie

46524 - massimo p.
07/09/2016
Nel 2014 ho fatto richiesta di invalidità civile che mi è stata riconosciuta a novembre con decorrenza da aprile con conseguente esenzione dal ticket; nel frattempo ho fatto visite e medicazioni oltre ad un intervento. Posso chiedere il rimborso dei ticket pagati dopo aprile 2014 visto che avevo diritto esenzione.

46467 - Roberta
02/09/2016
Buongiorno. In Lombardia ho esenzione E12 (disoccupati) e E15 (reddito inferiore 18000€). Ero a Bologna e mi sono recata al PS per una sospetta trombosi (codice verde) e il giorno successivo in angiologia per visita ed ecodoppler. Mi hanno fatto pagare il ticket perché le esenzioni sono regionali. Posso chiedere rimborso (e come) alla Asl Lombardia dato che, oltre ad avere le esenzioni, sono stata costretta a fare quella visita, richiesta da PS? Grazie

46304 - anna
27/07/2016
Buongiorno... io ho compiuto 65 anni il 10 marzo di quest'anno... ho dovuto eseguire raggi e visite ortopediche per 150 euro circa e nessuno mi aveva detto che avevo diritto all'esenzione... scrivo da treviso ulss numero 8... ad oggi 26/07 scopro che ho i requisiti.. posso richiedere il rimborso delle spese sostenute nei tre mesi precedenti?... come?

46196 - stefania
11/07/2016
Buongiorno lo scorso anno ho pagato il ticket per una mammografia che non ho effettuato, in quanto avendo effettuato la prenotazione 2 anni prima ho sbagliato ospedale. L'infermiera ha subito avvertito dell'errore l'ospedale in cui sarei dovuta andare, e annullato la visita. Mi hanno ridato l'appuntamento a dopo un anno dicendo che avrei poi ripresentato la ricevuta pagata allora. Ora mi chiedo posso chiedere il rimborso? Grazie

Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata