Quando e come contestare i lavori dell'autofficina

reclamo interventi meccanico,  riparazioni auto contestazioni

Quando ci rechiamo dal carrozziere per riparare la nostra auto, per il tagliando o per la prassi obbligatoria di revisione, dovremmo porre maggiore attenzione ad alcuni aspetti , per evitare di incorrere in spiacevoli sorprese: fatture con importi spropositati, addebiti per lavori eseguiti ma da voi non richiesti, interventi eseguiti non a regola d'arte e così via. Moduli.it vi fornirà degli utili consigli per affrontare al meglio queste situazioni.

Prima della riparazione auto

Tanto per cominciare, per la riparazione auto è indispensabile la scelta dell’officina. A questo proposito, sappiate che tutte le officine devono esporre le proprie tariffe come suggerite dalle associazioni di categoria e depositate presso la Camera di Commercio. Inoltre, le officine sono tenute a rispettare le tempistiche pattuite con il cliente, sia per le riparazioni auto che per la restituzione.

Ovviamente, devono sempre rilasciare fattura o ricevuta fiscale. Detto questo, quando vi rivolgete ad un’officina per le riparazioni auto, dovreste richiedere sempre un preventivo scritto nei dettagli. Nel caso in cui questo venga negato, recatevi in altre autofficine, magari più attente e semsibili ad una corretta informazione del consumatore.

Può succedere, talvolta, che per stabilire un preventivo sia necessario smontare alcune parti dell’auto. In questo caso, acconsentite solo a condizione che vi rilascino una scheda tecnica con la descrizione degli interventi da fare (condizione dell’auto prima dell’intervento, tipologia di guasto, materiali necessari alla riparazione, ore di manodopera, costi e tempistiche).

Confrontate, se possibile, più preventivi. Occhio a non lasciare troppa iniziativa al meccanico che, al di là della riparazione necessaria all’auto, potrebbe dare una “sistemata” anche ad altro.

Dopo la riparazione auto: quando e come reclamare

Purtroppo, può capitare che alcuni meccanici ci riservino addebiti in fattura un po’ troppo elevati, con importi diversi da quelli che ci aspettavamo. Per non parlare di lavori extra non preventivati e pezzi di ricambio dai costi esorbitanti.

Reclamo per interventi non richiesti

A questo proposito vi forniamo un utile modulo di contestazione della fattura nei confronti di un'officina che ha effettuato interventi su sua esclusiva iniziativa e non richiesti dal proprietario del veicolo.

Con tale modello, quindi, potrete chiedere:
- l’immediata rettifica della fattura e contestualmente il rimborso della somma relativa ai lavori non commissionati;
- che nell'auto sia ripristinato lo stato anteriore dei fatti.

Quando non siete soddisfatti delle riparazioni e volete contestare l’eccessivo importo in fattura ma l’autofficina cui vi siete rivolti esige il saldo immediato, per tutelarvi al meglio vi conviene pagare inserendo una dicitura nella fattura con su scritto “con riserva di reclamo”. Ricordatevi di firmare entrambe le copie delle fatture contenenti questa clausola. Dopodichè, entro 60 giorni dalla scoperta del difetto, potrete contestare l’esecuzione dei lavori e l’importo, anche per vie legali.

Nel momento in cui scoprite il difetto, evitate di farvelo riparare altrove per poi portare il conto all’officina in questione.

Reclamo per interventi mal eseguiti

Questo invece il modello di reclamo nei confronti di un'officina che ha effettuato una riparazione non a regola d'arte del veicolo, tanto che il difetto persiste anche dopo il ritiro del mezzo.

Con tale modello, quindi, si chiede:
- l’immediata riparazione del veicolo senza ulteriori costi aggiuntivi;
- (eventualmente) il noleggio gratuito di un'auto sostitutiva per il periodo in cui tratterrete l'auto in officina.

È importante sapere che il termine di garanzia per la riparazione o sostituzione è di 24 mesi e che l’autofficina ha il dovere di non ignorare il vostro reclamo. Per maggiori approfondimenti sul tema della "garanzia" segnaliamo questi due articoli:
- "Prodotti difettosi: come far valere i propri diritti";
- "La richiesta di risarcimento danni per prodotti difettosi".

E in caso di revisione dell'auto?

In caso di revisione valgono le stesse considerazioni fatte sopra. C'è da dire che la revisione dell’auto può essere effettuata presso gli uffici della Motorizzazione Civile o presso le officine di riparazione meccanica autorizzate dalla Provincia (l’elenco è presente sul sito web del Ministero dei Trasporti).

La prima revisione deve essere sostenuta 4 anni dopo la prima immatricolazione, mentre le successive revisioni devono essere effettuate ogni 2 anni. Fanno eccezione i veicoli destinati al trasporto di persone con numero di posti superiore a nove, le autovetture adibite al servizio taxi, noleggio con conducente, autobus, ambulanze, ecc., per i quali la revisione è prevista con cadenza annuale.

Per effettuare la revisione presso un ufficio della Motorizzazione Civile occorre:
- presentare domanda su apposito modello TT 2100;
- allegare attestazione di versamento di 45,00 euro sul c.c.p. 9001 intestato al Dipartimento Trasporti Terrestri;
- prenotare la visita e prova del veicolo;
- presentare la carta di circolazione del veicolo ("Cosa fare in caso di smarrimento o furto della carta di circolazione").

Documenti correlati



47452 - Gianluca
19/11/2016
Salve, allora sabato scorso 12/11/2016 dopo essermi fermato per un caffè presso un'area di servizio sul G. R. A. a Roma, risalgo in macchina, metto in moto, ingrano la retromarcia stacco la frizione ma la macchina non si muove. Detto questo chiamo un'officina per far venire il carro attrezzi per portare la macchina alla loro officina, perché mi avevano detto che portandola alla loro officina non avrei pagato il soccorso !! Classico gioco sporco che fanno. Da una loro prima ispezione della macchina mi avevano detto che il guasto era la frizione € 400, allora io gli risposi di lasciar perdere che avrei ripreso la macchina perché al momento non disponevo di quei soldi. Poco dopo mi telefonano sempre dall'officina e mi dicono che si erano accorti che il danno non era la frizione ma il 1000righe del semiasse con il giunto € 250. Acconsento per farmela riparare, mando una persona di fiducia a riprendere la macchina e saldare. Quando io riprendo la macchina noto una profonda ammaccatura sotto il faro posteriore sinistro e il paraurti spaccato, danno che assolutamente non c'era prima di quando io lasciassi la macchina in officina. Torno da loro molto impacciati hanno comunque negato tutto. C'è qualcuno in grado di consigliarmi sul da fare? Considerando che lunedì torno da loro per discutere del fatto e se non si trova una soluzione bonaria sono deciso di andare a denunciare l'accaduto. Premetto che non mi è stata rilasciata neanche una ricevuta per l'importo pagato. Ringrazio chi avrà la pazienza di leggere tutto e di darmi qualche buon consiglio !!!

46146 - Redazione
05/07/2016
Filippo, si ma sulla base di che cosa? Avete sottoscritto un accordo? Potrebbe essere la sua parola contro quella del suo "amico" carrozziere.

46135 - Filippo
05/07/2016
Mi sono accordato con un amico carrozziere per uno scambio, lui mi ha chiesto il telaio di una moto ape 50 in cambio della manodopera per riverniciare il telaio di una vespa pk. Ho dato a lui i telai sia del ape che del pk e tutto il materiale (€270,00 comprato da me) che occorreva con la promessa che nel tempo di un mese avrebbe fatto il lavoro. Dopo un anno e mezzo di reclami mi ha detto che devo aggiungere €450. Posso contestare il fatto? Grazie

45697 - Bazdaga cristinel
18/05/2016
Ho portato la mia macchina in una officina per metterla a posto. Ho parlato con il meccanico e mi ha fatto un preventivo di 2.200 euro per rettifica testata e poca pressione sui due pistoni. Hanno svolto il lavoro, dopo mi chiama e mi dice che il motore non parte; abbiamo visto che la macchina non si alimenta causa la pompa bloccata. Così un altro preventivo di 600 euro, devo pagare? Grazie.

44428 - Redazione
01/03/2016
Vasilica, se non ha contestato il lavoro al momento del ritiro, può farlo adesso inoltrando all'autofficina una lettera di reclamo (questo il fac simile che può utilizzare). Le ricordiamo in proposito che la garanzia vale anche per gli interventi di riparazione e dura 24 mesi.

44425 - vasilica popa
01/03/2016
Buongiorno, sono Vasilica Popa di Rovigo. Il 24 febbraio ho portato la macchina in officina per cambio del parafango sinistro che era danneggiato. Cosa possa fare visto che il lavoro è stato fatto male e danneggiato anche il fanale che si muove e non illumina bene? Non mi hanno dato lo scontrino, ho fattura per 285 euro. Grazie infinite.

Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata