Servizi telefonici a pagamento: come disattivarli e chiedere il rimborso

blocco servizi a sovrapprezzo,  barring sms

Navighi su Internet con il tuo smartphone quando improvvisamente senti il suono di un sms in arrivo. Vai alla lettura dell’sms e scopri di aver attivato senza volerlo un abbonamento ad un servizio mai consultato.

I servizi a sovrapprezzo

Si tratta dei cosiddetti servizi a "sovrapprezzo" o "premium" o "a valore aggiunto", che hanno in genere un costo molto superiore rispetto alle semplici telefonate o ai semplici sms ed mms e che vengono attivati a tua insaputa, magari per il semplice fatto di aver sfiorato un banner pubblicitario durante la navigazione.

In pratica al costo di qualche euro a sms o a settimana, ti sei assicurato di ricevere direttamente sul tuo cellulare l’oroscopo o la ricetta della settimana, oppure nuove suonerie, loghi, video, news e servizi informativi, giochi e chi più ne ha più ne metta.

Purtroppo il tuo non è un caso isolato. In taluni casi l’Antitrust ha ravvisato vere e proprie pratiche commerciali scorrette e aggressive da parte delle compagnie telefoniche. Recentemente è anche intervenuta sanzionando talune di esse con pesanti multe per il fatto di aver acquisito implicitamente il consenso del cliente a mantenere attivi i servizi di reperibilità come "Lo sai", "Chiamami ora" e "Recall".

Come difendersi

Intanto ti forniamo alcune utili raccomandazioni da osservare durante la navigazione con il tuo smartphone:
- evita di fornire al tuo operatore di telefonia mobile il consenso al trattamento dei tuoi dati personali da parte di società terze;
- evita di cliccare su banner pubblicitari poco chiari;
- evita di rispondere a sms ricevuti da numeri brevi con testo poco chiaro o ambiguo;
- tieni sempre monitorato il tuo credito telefonico.

Ma raccomandazioni a parte, l’unico modo concreto per difendersi dai servizi a sovrapprezzo via sms o mms consiste nel richiedere l'attivazione del “barring sms”. In pratica si tratta di un servizio che blocca tutti gli sms a pagamento in decade 4x (in particolare 43, 44, 46, 47, 48 e 49), 899, ecc.

A tal fine è sufficiente chiamare il servizio clienti del tuo operatore telefonico e chiedere l’attivazione gratuita del servizio “barring sms”. Questi i numeri delle principali compagnie telefoniche: 119 per la Tim, 190 per la Vodafone, 133 per la Tre e 155 per la Wind.

Subito dopo la chiamata, fai seguire l’invio di questa lettera con cui ribadisci la tua intenzione di bloccare gratuitamente l’utilizzo dei servizi a sovrapprezzo e chiedi la restituzione di quanto indebitamente sottratto.

L'unico inconveniente del servizio di barring sms è quello di bloccare tutti i servizi a sovrapprezzo inclusi, ad esempio, abbonamenti a quotidiani, servizi di notifica transazioni bancarie e carta di credito o acquisti su Google Play Store, in altri termini tutti quei servizi attivati volontariamente.

In caso di mancata risposta

Qualora il tuo operatore telefonico non dovesse prendere in carico la tua richiesta, puoi avviare una procedura di conciliazione con l’assistenza di un’associazione di consumatori, oppure puoi rivolgerti al Corecom (Comitato Regionale per le Comunicazioni) della tua Regione, un organismo istituito dall'Autorità Garante delle Comunicazioni per risolvere le controversie con gli operatori delle telecomunicazioni. Questo il modulo da compilare e spedire.

Documenti correlati
Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata