Tassa sui rifiuti: come e quando farsi rimborsare l'IVA

Ci risiamo. Dopo quella della Corte Costituzionale (n° 233 del 2009), una nuova sentenza, la n. 3756 del 9 marzo 2012, con cui la Corte di Cassazione riafferma in modo inequivocabile che gli enti non possono applicare l'IVA sul servizio di gestione dei rifiuti urbani trattandosi di una tassa e non di una tariffa.

Una sentenza che di fatto autorizza tutti coloro che sono residenti nei comuni dove si è passati da tempo dalla Tarsu alla "T.I.A."(d.lgs.22/97, art.49) a chiedere il rimborso dell'IVA versata e non dovuta (retroattivamente fino a 10 anni, in pratica dal 2002) e contestualmente la sospensione dalla prossima bolletta utile dell'applicazione dell'imposta stessa.

Per richiedere il rimborso basta compilare un semplice modulo in autotutela. Questo il fac simile.

L'istanza va inviata al gestore del servizio pubblico che ha applicato la tariffa e addebitato l'Iva, che non necessariamente coincide con il comune.

Possono presentare istanza solo i privati e non anche le imprese che hanno provveduto alla detrazione dell'IVA in sede di liquidazione periodica (salvo la quota pro-rata di indetraibilità).

Va precisato, tuttavia, che la richiesta di rimborso può essere avanzata solo nei confronti di quegli enti che nel passaggio dalla Tarsu alla Tia hanno applicato su quest’ultima l'IVA al 10%. Questo significa che non tutti i contribuenti ne hanno diritto. E’ importante, dunque, disporre di tutte le fatture pagate a partire dall’anno in cui il proprio comune è passato dalla tassa (Tarsu) alla TIA e accertarsi che nelle relative bollette sia stata effettivamente addebitata l'Iva.

Purtroppo non c'è certezza di ottenere il rimborso. La sentenza della Cassazione, infatti, non ha valore di legge, dunque il rimborso non sarà automatico, ma certamente conferisce maggior peso e rilevanza alla richiesta.

Documenti correlati



20715 - Redazione
19/01/2013
Luisa, il modulo lo trova linkato nell'articolo, ma prima verifichi che il suo Comune abbia applicato la Tia (e non la Tarsu) e dunque l'Iva al 10%. Sulle altre utenze (gas, elettricità, ecc.) l'IVA va pagata.

20714 - luisa
19/01/2013
io vivo in trentino e pago l'iva sui rifiuti,che moduli devo compilare,e dove li trovo? E l'iva sulle altre bollette va pagata?grazie.

19747 - Lidia Zanotelli
10/12/2012
grazie per le info, se le sentenze non sono state impugnate, dovrebbero essere esecutive nei rapporti che regolano cittadino e stato. Non occorre che abbiano effetto di legge, le sentenze.In uno stato serio, dovrebbero essere immediatamente esecutive.......

18254 - Redazione
19/09/2012
Alex, le consigliamo di acquisire informazioni presso gli appositi uffici del suo comune di residenza.

18245 - alex
19/09/2012
Dalle bollette, come posso evincere che il gestore del mio paese è passato da tarsu a tia?grazie anticipatamente.

16821 - Redazione
17/04/2012
No Giampaolo.

16817 - Giampaolo
17/04/2012
se il mio paese ha ancora la TARSU e non la TIA posso richiedere il rimborso della E.C.A.? anticipatamente ringrazio la redazione per la risposta.

16671 - m.g.
03/04/2012
l'addizionale erariale e il tributo provinciale che complessivamente ammontano al 13% nelle mia bolletta, c'entrano con l'iva?

16622 - Redazione
29/03/2012
Direi che non è necessario Giovanni, magari verifichi se nella sua città ci sono associazioni dei consumatori che stanno portando avanti azioni collettive di rimborso.

16620 - Giovanni
29/03/2012
Ma conviene far intervenire un legale?

Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata