© Costituzione di servitù

Descrizione
Contratto per la costituzione del diritto di servitù.

Tags:  servitù reale costituzione diritto contratto

Formati
PDF interattivo
Note
Attenzione:
la servitù è un diritto reale di godimento consistente nel peso imposto su di un fondo (servente) per l'utilità di un altro fondo (dominante) appartenente ad un diverso proprietario.
Il rapporto tra i fondi si traduce, dal punto di vista giuridico, in una situazione di vantaggio per il proprietario del fondo dominante ed in una di svantaggio, con correlativa restrizione della facoltà di godimento, per il proprietario del fondo servente.
L'utilità può consistere in un qualsiasi vantaggio, anche non economico, che si traduca in una migliore utilizzazione del fondo e può essere diretta a soddisfare qualunque bisogno del fondo dominante.
Le servitù presentano i seguenti caratteri essenziali:
- la predialità, nel senso che la servitù è posta a vantaggio del fondo e non del proprietario, sicchè questi riceve il vantaggio della servitù appunto attraverso il suo bene;
- l'ambulatorietà attiva e passiva nel senso che le servitù si trasferiscono congiuntamente al trasferimento del fondo dominante o servente cui accedono;
- la servitù deve riguardare fondi appartenenti a diversi proprietari per il principio nemini res sua servit;
- servitù non può consistere in un facere da parte del proprietario del fondo servente, ma solo in un suo non facere o pati in base al principio servitus in facendo consistere nequit;
- la vicinanza tra i fondi la quale, tuttavia, non va'intesa in senso assoluto, ma solo in senso relativo, con la conseguenza che la materiale contiguità tra i fondi non necessariamente assurge a carattere essenziale della servitù (come avviene per esempio, nella servitù di presa d'acqua o nella servitù d'acquedotto);
- l'indivisibilità: essendo una qualità del fondo, la servitù si estende ad ogni parte di esso art.1071 c.c.
Le servitù si estinguono per:
- confusione che consiste nella riunione nella stessa persona della proprietà del fondo dominante e del fondo servente;
- prescrizione estintiva ventennale (non uso);
- scadenza del termine e verificarsi della condizione risolutiva previsti nel titolo;
- abbandono del fondo servente a favore del titolare del fondo dominante (art. 1070 c.c.) da parte del proprietario che voglia così sottrarsi alle spese per la servitù, cui è tenuto in forza di legge o del titolo.
 
Social
 
 
 
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa e di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo del portale

Utilità