Ecco come partire per le vacanze con il cane

vacanze con il cane, vacanze con il cane dove andare

Con l’arrivo dell’estate torna anche il fenomeno dell’abbandono degli animali d’affezione, ovvero cani, gatti, tartarughe, furetti, conigli e così via. Il Ministero della Salute ha da poco lanciato la campagna contro l’abbandono degli animali, intitolandola “Non ti abbandoniamo. Il tuo posto è sempre accanto a noi” ricordando ai cittadini italiani in possesso di un animale d’affezione che è possibile condividere anche il momento delle vacanze, come per tutto il resto dell’anno. Ecco perché, con questo articolo, ti invitiamo ad essere un padrone responsabile oltre che un cittadino rispettoso della legge, considerando l’idea di partire per le vacanze con il cane, il gatto, o qualsiasi tipo di animale domestico tu abbia in casa.

Sì alle vacanze con il cane e gatto, No all’abbandono

Abbandonare gli animali d’affezione è prima di tutto un reato sancito dall’articolo 727 del Codice Penale, nel quale si stabilisce che “Chiunque abbandona animali domestici o che abbiano acquisito abitudini della cattività è punito con l’arresto fino ad un anno o con l’ammenda da 1.000 a 10.000 euro. Alla stessa pena soggiace chiunque detiene animali in condizioni incompatibili con la loro natura, e produttive di gravi sofferenze”.

In secondo luogo è un atto di inciviltà e irresponsabilità, in quanto i cani, come gli altri animali, in situazioni di randagismo tendono a riprodursi più velocemente, a veicolare diverse malattie (alcune trasmissibili anche all’uomo), arrecare danni al bestiame e alle persone, causare un numero sempre maggiore di incidenti stradali.

Se sei a conoscenza di un episodio di abbandono, ti invitiamo a segnalarlo alle autorità competenti con questo fac simile. Per ulteriori informazioni leggi “Come denunciare il maltrattamento o l'abbandono di animali”.

Adottare un animale domestico è una decisione che va presa con estrema razionalità, scegliendo con cura la tipologia di animale e la razza in base alle sue caratteristiche etologiche e al contesto al quale dovrà adattarsi. Anche il contesto familiare, il tempo che le persone potranno dedicargli, è estremamente importante, in quanto non si può lasciare che un animale viva in un ambiente degradato, senza le giuste attenzioni e le cure di cui ha bisogno.

Vacanze con il cane: consigli e suggerimenti per padroni responsabili

Portare con sé i propri animali domestici non è difficile come può sembrare a primo impatto, infatti il cane è l’unica tipologia di animale d’affezione (nonché la più diffusa) che necessita di documenti e permessi specifici prima di poter partire con te. Partire per le vacanze con il cane implica portare con sé i suoi “documenti d’identità” ovvero il Certificato d’iscrizione all’Anagrafe degli animali d’affezione e i suoi oggetti, in primis la sua museruola, che il cane deve tenere nei locali pubblici e a bordo dei mezzi di trasporto.

È buona regola anche effettuare un check up dal veterinario prima di partire ed informarsi sugli obblighi sanitari del luogo nel quale si trascorreranno le vacanze. In seguito, potrebbe essere utile anche identificare la struttura veterinaria più vicina ad esso, di modo da non andare in panico qualora si verificassero delle impellenti necessità.

Vacanze con il cane: dove andare

Il numero delle strutture ricettive che accolgono gli animali sta crescendo di anno in anno, molte delle località costiere italiane sono provviste di spiagge in cui l’accesso ai cani è permesso, nonché stabilimenti balneari che consentono ed incoraggiano i clienti a portare al mare i propri amici animali. Se hai prenotato un soggiorno e hai intenzione di portare con te il tuo animale domestico, contatta la struttura per maggiori informazioni e non dimenticare di informarti anche sui regolamenti di compagnie aeree, marittime e ferroviarie.

Chi, invece, ha intenzione di spostarsi all’estero, godendosi una vacanza con il cane, il gatto e più in generale con il proprio animale d’affezione, prima di partire deve provvedere al passaporto: il proprio e quello del proprio animale. A questo proposito ti invitiamo a leggere l’articolo “Il passaporto per animali: quando occorre e come richiederlo”.

Vacanze con il cane: cosa portare

La prima cosa da non dimenticare quando si porta a spasso il cane, in qualsiasi luogo ci si trovi, è il guinzaglio e le bustine di plastica che devono essere usate per raccogliere le deiezioni che naturalmente l’animale depositerà a terra. Pulire dove il cane sporca è un dovere, un segno di rispetto e un atto di civiltà che non è possibile trascurare, nemmeno in vacanza. Inoltre potrebbe essere utile portare con sé detergenti specifici, ciotole, il suo cibo abituale e i suoi giochi, di modo da aiutarlo a rilassarsi nel momento in cui ne avrà bisogno.

Documenti correlati
Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata