Furto in albergo: quali tutele per il cliente

furto in albergo, furto in hotel

Al ritorno dalla spiaggia ti accorgi che in camera manca l’orologio, la macchina fotografica oppure un altro tuo effetto personale. Come comportarsi in questi casi? Devi sapere che in caso di furto in albergo sussiste una precisa responsabilità della proprietà o direzione della struttura. L’albergatore, infatti, ha non solo il dovere di assicurare i servizi pubbicizzati, prenotati e pagati dal cliente(leggi "Disservizi in hotel: come reclamare e farsi rimborsare"), ma anche di garantire la sicurezza delle cose portate in albergo da quest’ultimo. E' per questo motivo che in questo articolo ti spiegheremo quale condotta assumere nel caso in cui si dovesse subire un furto in albergo.

Furto in albergo: risarcimento

Come abbiamo già anticipato, secondo la legge l’albergatore è responsabile del furto, deterioramento o distruzione di tutto ciò che il cliente ha portato con sé in camera o più in generale all’interno dell’albergo, incluse quelle cose di cui l’albergatore ha preso in custodia al di fuori dell’albergo. Quindi se in camera o in qualunque altra parte dell’albergo trovi cartelli del tipo “La Direzione non risponde per eventuali furti di oggetti lasciati nelle stanze … o di oggetti non lasciati in custodia.”, sappi che sono avvisi ingannevoli e che di fatto non hanno alcun valore legale. Basta leggere quanto riportato dall’articolo 1785 quater del Codice Civile.

Dunque in caso di furto in albergo, il cliente ha diritto al risarcimento dei danni. Naturalmente l'entità del risarcimento dipende dal grado di responsabilità dell'albergatore, che non sempre può essere giudicata illimitata. Ma vediamo di approfondire la questione.

Prima si è detto che l'albergatore è responsabile di ogni deterioramento, distruzione o sottrazione delle cose portate dal cliente in albergo. Ma cosa si intende esattamente per cose "portate in albergo"? Con questa locuzione si fa riferimento a quelle cose che (art. 1783 c.c.):
- si trovano in albergo durante il periodo in cui il cliente dispone della camera. A tal proposito va detto che sono da considerare "in albergo" le cose lasciate non solo in camera o nella hall dell’albergo, ma anche nei locali accessori come magazzini, rimesse, giardini, parchi, piscine, ma non invece nei locali estranei al complesso alberghiero;
 - sono prese in custodia dall'albergatore o dal personale dell'hotel durante il periodo di tempo in cui il cliente dispone della camera;
- sono prese in custodia dall'albergatore o dal personale dell'hotel, sia fuori che dentro l'albergo, durante un periodo di tempo precedente o successivo a quello in cui il cliente dispone dell'alloggio (ad esempio il bagaglio lasciato dal cliente dopo il check out e prelevato prima di ripartire).

In tutti questi casi la responsabilità dell'albergatore è "limitata", nel senso che l'albergatore è tenuto a risarcire il danno di quanto deteriorato o sottratto, fino a 100 volte la tariffa giornaliera della camera d'albergo. Per fare un esempio, se il costo dell'alloggio è di 60 euro, il limite massimo del risarcimento sarà pari a 6.000 euro (Euro 60 x 100).

Naturalmente è necessario provare che il furto sia stato commesso e fornire prova del valore degli oggetti rubati (ad es. attraverso fatture, scontrini, garanzie o perizie nei casi in cui si tratti di oggetti antichi e di valore).

La responsabilità dell'albergatore diventa, invece, illimitata nel caso in cui:
- il cliente abbia affidato al direttore o al personale dell’albergo degli oggetti affinché fossero custoditi ad esempio in cassaforte;
- il direttore o il personale dell’albergo si rifiutano di ricevere in custodia cose che avevano l'obbligo di accettare (ad esempio carte di credito, contanti, oggetti di valore, ecc.).

L’albergo, tuttavia, può rifiutarsi di ricevere oggetti di valore eccessivo o di natura ingombrante o pericolosi quando le condizioni di gestione dell'albergo non glielo consentono.

La responsabilità risulta altresì illimitata qualora per il furto in albergo risulti la colpa ad esempio del titolare dell’albergo, dei suoi familiari o collaboratori (ad es. omessa vigilanza sulle chiavi delle camere). E ciò anche quando il cliente che ha subito il furto non abbia affidato le cose in custodia all'albergatore. È quanto stabilisce appunto l’art. 1785-bis del Codice Civile. Per fare un ulteriore esempio, la Cassazione aveva ritenuto responsabile per colpa grave un albergatore, poiché il cliente aveva dimostrato che le camere d'albergo potevano essere aperte con una qualsiasi delle chiavi a disposizione dei clienti.

Furto in albergo: limiti della responsabilità

L'albergatore, al contrario, non assume alcuna responsabilità quando il deterioramento, la distruzione o la sottrazione sono imputabili al cliente (lascia ad es. il portafoglio al bar o nella hall dell’albergo oppure si dimentica di chiudere la porta della propria camera), ad eventi non prevedibili (una rapina o un evento naturale come un’alluvione) o alla natura della cosa.

Questi principi sulle responsabilità si applicano non solo agli alberghi ma anche agli imprenditori di case di cura, stabilimenti balneari, bar, trattorie, ristoranti, palestre, discoteche e via dicendo.

Furto in albergo: cosa fare

In caso di furto in albergo questo è il fac simile che puoi utilizzare per chiedere il risarcimento dei danni. Naturalmente ti consigliamo di sporgere denuncia anche alle forze dell'ordine locali. Se sei all’estero e il valore degli oggetti smarriti o deteriorati è consistente mettiti in contatto con il consolato italiano.

Attenzione: il cliente non potrà avvalersi del diritto al risarcimento se, dopo aver constatato il deterioramento, la distruzione o la sottrazione, denuncia il fatto all'albergatore con un ritardo ingiustificato.

Furto in albergo: consigli utili

Se prenoti una camera d'albergo, ricorda di:
- non lasciare mai in camera denaro od altri oggetti di valore;
- rivolgerti al personale dell'albergo per la loro custodia nelle cassette di sicurezza di cui quasi la totalità degli alberghi oggi è fornita;
- affidare detti oggetti direttamente all'albergatore, in quanto questi è obbligato a custodire carte valori, denaro ed oggetti di valore.

Documenti correlati



47567 - Redazione
28/11/2016
Giovanni, è vero che è prevista una precisa responsabilità dell’albergatore per l’eventuale furto di cose portate in albergo, tuttavia tale responsabilità è esclusa nel caso in cui il furto avvenga negli spazi comuni come il ristorante o la hall. Ci sono sentenze in tal senso per le quali le persone derubate si sono viste respingere le proprie istanze di risarcimento perchè - secondo il giudice - avevano lasciato incustodite le proprie borse nello spazio aperto al pubblico (sala colazione, ristorante, ecc.) senza affidarle alla custodia del personale dell'albergo. In altri termini secondo il giudice tali persone non avevano fatto uso della normale diligenza per evitare i furti.

47545 - Giovanni
25/11/2016
Buongiorno, vorrei un parere riguardo la responsabilità dell'albergatore e se ho diritto a un rimborso per il furto subito. Nel soggiorno presso un albergo a Milano mi reco al mattino con moglie e figlio in sala colazione dove sono presenti cameriera che prende ordinazioni e smarca la camera, mia moglie lascia la sua borsa al tavolo e andiamo verso il buffet. Dopo pochi minuti tempo di ritornare al tavolo non troviamo la borsa. Abbiamo subito un furto dentro l'albergo in presenza di altre persone documentato dalle telecamere di sorveglianza. Il direttore declina da responsabilità, noi abbiamo sporto denuncia ai carabinieri volevo sapere se abbiamo diritto al rimborso e come procedere per via legale. Grazie per eventuale risposta.

47522 - Redazione
24/11/2016
Domenico, ai fini del risarcimento, deve denunciare il furto in primis all’albergatore ed eventualmente all’agenzia di viaggi o al tour operator che ha organizzato la vacanza

47493 - Domenico C.
23/11/2016
Buongiorno, durante un soggiorno all'estero (Santo Domingo) acquistato presso un'agenzia ed un tour operator italiano, ho subuto un furto di valori nella camera d'albergo. Vorrei sapere se valgono le stesse regole italiane (quindi risponde solo la struttura) oppure avendo acquistato il pacchetto soggiorno in Italia mi devo rivolgere al tour operator. La struttura si ritiene responsabile di quanto accaduto e mi ha comunicato che se voglio fare valere il mio diritto di rimborso devo farlo attraverso il tour operator. E' corretto?

47245 - Redazione
04/11/2016
Elisabetta, per furti di questo tipo non si attenda l'arrivo della scientifica per il rilevamento delle impronte digitali, ad ogni modo la denuncia alle forze di polizia andava fatta, così come una richiesta di indennizzo al direttore dell'albergo.

47240 - elisabetta
04/11/2016
Buon pomeriggio a settembre 2016 mi sono recata 4 giorni a Madrid con alcune amiche. Una mattina dopo aver fatto colazione siamo salite in camera a riprendere alcune cose per poi uscire e andare a vedere Palazzo Reale. Al momento del pagamento dei biglietti d'ingresso nel portamonete comune non c'erano più i soldi che ognuna di noi aveva messo come cassa. Al rientro in albergo abbiamo parlato con il direttore che ci ha mostrato da lontano la lista delle entrate e uscite dalla camera con gli orari.... Lo stesso ci consigliava di andare dai carabinieri a sporgere denuncia e nel frattempo ci ha dato un'altra stanza. Le persone che erano con me hanno preferito evitare di fare la denuncia lasciando correre il tutto.... La mia domanda però è questa: Non era meglio denunciare il tutto e farci risarcire il danno subìto? Inoltre il direttore saprà sicuramente se il personale è entrato nella stanza visto che sono dotati di una chiave elettronica da dare al personale per le pulizie!! Ora mi sorge un dubbio perchè se uscivano i carabinieri sicuramente avrebbero cercato delle impronte e magari saremmo state risarcite

42036 - Redazione
15/10/2015
Rachele, la compagnia assicurativa farà una sua valutazione in merito al valore di mercato degli oggetti smarriti e le farà di conseguenza un'offerta di risarcimento. Consideri che il risarcimento può arrivare fino a 100 volte il prezzo di una notte di soggiorno. Ad esempio se l'alloggio è pari a 80 euro al giorno, il limite massimo del risarcimento euro 80 x 100 = euro 8.000), anche se non può superare il valore di quanto deteriorato, distrutto o sottratto.

42025 - Rachele
15/10/2015
Buonasera, un mese fa circa ho subito il furto della mia valigia nel deposito bagagli dell'albergo dove sono stata (la prima sera in cui sono arrivata). L'albergo nonostante prima sosteneva di non avere responsabilità, dopo la mia denuncia ai carabinieri mi ha detto che ci avrebbe pensato l'assicurazione dell'albergo stesso a risarcirmi. Poiché i carabinieri non mi hanno fatto dichiarare nella denuncia il valore di ciò che avevo in valigia (in quanto sarebbe stata l'assicurazione a decidere il valore hanno detto) volevo sapere su cosa si baserà l'assicurazione per il risarcimento? E quanto tempo passerà?

41927 - Redazione
12/10/2015
Sara, il Codice Civile sancisce, in caso di furto, una precisa responsabilità dell'albergatore per tutte le cose che il cliente porta con sé e lascia, ad esempio, nella camera, negli spazi comuni e, in generale, nei locali dell’albergo. Il risarcimento in questi casi può arrivare al valore di centro volte il prezzo pagato per il pernottamento di una notte nella camera scelta dal cliente.

41905 - sara santinato
10/10/2015
Buongiorno. La mattina del 30 settembre 2015 faccio il check out nell'albergo in cui mi trovo per lavorare come hostess in un evento e metto i bagagli nella hall, sotto il desk registrazione che abbiamo predisposto fuori dalle sale. Sotto la tovaglia. Durante la giornata vado e vengo dal desk e mi accorgo che è sparita borsa e zaino pc. Contenuto totale del valore di circa 2000 euro. L'hotel mi propone un risarcimento al massimo di 1200 ribadendo che in realtà non è tenuto ad alcun risarcimento. E' proprio cosi? Non voglio guadagnaci da questa vicenda ma nemmeno rimetterci visto che le spese che dovro' sostenere vengono coperte solo per la meta' dall'offerta fattami, senza contare i danni non risarcibili per i dati che non recuperero' mai

Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata