Modifiche piani tariffari telefonici: come tutelarsi

piani tariffari, modifiche piani tariffari

Dopo un'attenta analisi decidi di aderire ad una delle tante offerte pubblicizzate dalle compagnie telefoniche come "senza limiti", "per sempre", "tutto incluso", "voce e traffico illimitato", "illimitatamente per sempre e per tutti". Passano mesi quando un bel giorno ricevi un sms che ti informa che il piano tariffario a cui hai aderito è cambiato e che entrerà in vigore nel giro di trenta giorni. La domanda che viene da porsi è: può considerarsi lecita questa pratica condotta dalle compagnie telefoniche? E come ci si può difendere?

Modifica piani tariffari: aderire o recedere a costo zero

Come si è accennato può capitare che la compagnia telefonica decida di modificare unilateralmente il piano tariffario collegato al tuo cellulare o al tuo telefono di casa, dunque senza richiedere preventivamente il tuo consenso. In pratica le condizioni economiche e commerciali previste nel piano tariffario della nuova offerta sostituiranno integralmente nel giro di poche settimane quelle precedentemente in vigore e riferite al medesimo servizio.

Nel momento in cui vieni avvisato di questa modifica - generalmente tramite sms o annotazione riportata in fattura, hai due possibilità:
a) accettare le nuove condizioni tariffarie. Chiaramente la modifica proposta deve in qualche modo favorirti, ad esempio offrendoti una riduzione del canone mensile o concedendoti più minuti di conversazione o più giga di traffico sul tuo telefonino;
b) recedere senza costi dal contratto. Già perchè sulla base di quanto previsto dall’art. 70 comma 4 del Codice delle Comunicazioni Elettroniche, qualora tu non accettassi la variazione comunicata dalla compagnia, avresti il diritto di recedere dal contratto o di passare ad altro operatore, senza penali costi di disattivazione, dandone semplice comunicazione con lettera raccomandata A.R. entro 30 giorni dalla data di ricezione dell'avviso. Ciò in quanto il tuo recesso è stato causato dallo stesso gestore telefonico che ha unilateralmente cambiato la propria proposta.

Questo il fac simile di recesso per variazione unilaterale contratto telefonico che puoi scaricare gratuitamente dal nostro portale e adattare al tuo caso specifico. Nel caso in cui ti venissero comunque applicati i costi di disattivazione puoi sempre inoltrare una contestazione e chiedere l'immediato storno dell'importo addebitato.

Un'ultima raccomandazione: se la proposta commerciale a cui hai aderito prevedeva anche l'acquisto di uno smartphone o di un tablet, attraverso pagamenti rateali in bolletta, sappi che nel momento in cui deciderai di recedere dal contratto la compagnia telefonica provvederà ad addebitarti l'importo residuo relativo al costo di tali dispositivi, somma tra l'altro che dovrà essere pagata in un'unica soluzione.

Modifica piani tariffari: pratiche commerciali scorrette

C'è da dire che in alcuni casi queste modifiche proposte e imposte dalle compagnie telefoniche ai propri clienti rappresentano delle vere e proprie pratiche commerciali scorrette. Non è un caso che in passato l'AgCom, l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, sia intervenuta in più di una occasione per rimarcare il comportamento scorretto assunto da talune compagnie telefoniche. Infatti se è vero che queste ultime hanno il pieno diritto di modificare i propri piani tariffari, è altrettanto vero - sostiene l'AgCom - che non è lecito "adescare" i consumatori con proposte pubblicizzate come "per sempre" o "illimitatamente per sempre e per tutti" e cambiare a distanza di qualche mese le carte in tavola.

Si è detto che nel momento in cui si riceve una comunicazione di uno sfavorevole cambio di piano tariffario, pur avendo aderito ad un’offerta che veniva pubblicizzata ad esempio come “per sempre”, si ha la possibilità di recedere senza costi dal contratto. Ma se volessimo restare con l'attuale gestore telefonico? In altri termini di fronte a questi comportamenti ci si deve rassegnare e chinare il capo oppure è possibile far valere le proprie ragioni?

In situazioni del genere il consiglio è di inoltrare una diffida scritta per chiedere direttamente al proprio operatore telefonico il ripristino del vecchio piano tariffario e il rimborso della differenza pagata in più in seguito agli aumenti. Questo il modulo di diffida per variazione unilaterale del piano tariffario telefonico da utilizzare.

Se non la diffida cade nel vuoto e il vecchio piano tariffario non viene ripristinato nell'arco dei successivi 45 giorni, il consiglio è di rivolgersi ad una Associazione per la difesa dei consumatori e dare avvio ad una procedura di conciliazione. In alternativa è possibile rivolgersi al Co.Re.Com, Comitato Regionale per le Comunicazioni, un ente funzionale dell'AgCom che offre una soluzione rapida ed economica per risolvere le controversie con gestori di servizi telefonici e pay-tv. Per sapere passo passo qual'è la procedura da seguire e la modulistica da utilizzare, consigliamo di leggere "CoReCom: cos’è e quando è possibile farvi ricorso".

Dopo 30 giorni senza che sia stata fissata un'udienza dal Corecom, ci si può rivolgere al Giudice di Pace competente per il territorio. In questo caso all'istanza occorre allegare due fotocopie di tutta la documentazione, compresa la raccomandata inviata al Corecom.

Il cancelliere, acquisiti ed esaminati i documenti, fissa un'udienza. A questo punto si possono attivare le seguenti procedure:
a) contenzioso: una vera e propria causa a cui devono partecipare le parti obbligatoriamente;
b) conciliazione: in questo caso il Giudice ha la funzione di "paciere" e tenta di mediare il problema.

Documenti correlati



47243 - Redazione
04/11/2016
Giuseppe, la compagnia può liberamente modificare i propri piani tariffari, a patto di concedere all'utente un periodo (30 giorni) durante il quale può esercitare il diritto di recesso dal contratto senza sopportare il pagamento di alcuna penale.

47237 - Giuseppe
03/11/2016
Chiedevo cortesemente, se fosse lecito aumentare la tariffa unilaterale da un mese all'altro, anche se con preavviso, come mi è successo; avendo acquistato un piano tariffario con WIND con il telefono incluso, l'aumento mensile è stato pari ad 1 euro in più, rispetto alla precedente tariffa che era di 9 euro. Alla mia protesta l'addetta mi ha risposto che avrei potuto cambiare l'operatore pagando per intero il cellulare. è corretto?

45179 - massimo calcia
16/04/2016
Buon giorno, ho un piano tariffario con l'operatore Tre per cui dispongo di 30 minuti la settimana di telefonate verso "tutti". In data 9/4 ho chiamato il call center di Tim e mi sono visto addebitare 42 cent. Non mi sembra molto logico nè corretto. Che ne pensate ?

32649 - Redazione
20/10/2014
Rolando, è possibile che il contratto prevedesse una variazione unilaterale del piano tariffario da parte della compagnia, ma in questi casi è sempre prevista la facoltà del cliente di rescindere il contratto.

32609 - Rolando Palmieri
18/10/2014
Dal 15 ottobre 2014 dalla 3 sono passato a Wind, perché la compagnia 3 mi ha aumentato del 50% il costo settimanale della ricarica del mio n.333....832. Costo settimanale €1 aumentato a €1,50.Non credo che sia un comportamento lecito. Attendo una cortese risposta.

28082 - riccardo soliera
21/12/2013
ottimo servizio per la pubblica utilita'

Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata