Pagamento canone Rai: con l’F24 entro il 31 Ottobre se non era in bolletta

pagamento canone rai, pagamento canone rai 2016 con f24

Chi non ha chiesto l’esenzione dell’abbonamento tv e non ha ricevuto l’addebito delle prime rate nella bolletta elettrica deve provvedere ad effettuare il pagamento canone Rai compilando adeguatamente il modello F24 entro la fine di ottobre, altrimenti dovrà corrispondere oltre all’importo del canone, anche una spiacevole sovrattassa. In questo articolo riporteremo le avvertenze dell’UNC (Unione Nazionale Consumatori) e le indicazioni per una corretta compilazione del modello F24.

Pagamento canone Rai 2016 con F24

Nel corso del 2016 il Canone Rai ha subito moltissime modifiche, sia riguardanti l’importo, che è stato ridotto a 100 euro, sia riguardanti le modalità di corresponsione dell’imposta da parte dei cittadini italiani. Se la maggior parte ha trovato l’addebito delle prime 7/8 rate nella bolletta elettrica di luglio o agosto, c’è anche una buona percentuale di contribuenti che l’ha versata tramite bollettino, magari corrispondendo il canone 2 volte, e di conseguenza ha dovuto chiedere il rimborso all’Agenzia delle Entrate.

Tuttavia, c’è anche chi non ha ancora ricevuto alcun addebito in bolletta, quindi deve provvedere al pagamento canone rai con F24. Il pagamento canone Rai anno 2016 effettuato tramite il modello F24 deve pervenire all’Agenzia delle Entrate non più tardi del 31 ottobre, pena l’addebito di una penale. D’altra parte, però, il Ministero dello Sviluppo Economico nel decreto n. 94 del 13/5/2016 rende noto che: “Nei casi in cui la tardività non dipenda da cause imputabili all’utente, non si procede all’applicazione di sanzioni e interessi a suo carico”.

A questo proposito l’UNC consiglia agli italiani di verificare il contratto in essere con il proprio gestore elettrico, controllando se l’importo del canone sarà eventualmente addebitato sulla prossima bolletta. Nel frattempo l’Unione Nazionale Consumatori e Udicon (Unione Difesa Consumatori) hanno chiesto alla Rai di diffondere notizia alla fine dei telegiornali, al fine di migliorare la comunicazione e la trasparenza nei confronti dei telespettatori. Sul sito ufficiale dell'Agenzia delle Entrate, nella sezione dedicata all’abbonamento tv, è disponibile una FAQ contenente i principali quesiti raccolti dall’introduzione del nuovo canone rai in bolletta.

Su Moduli.it, invece, è possibile consultare le FAQ relative all’abbonamento tv e l’analisi della variegata casistica italiana.

Pagamento canone Rai: ecco chi può inserirlo nel modello F24

Esistono diverse categorie di contribuenti che pur dovendo corrispondere il canone, non possono riceverne l’addebito nella bolletta elettrica, dunque dovranno pagarlo utilizzando il modello F24. Nello specifico questa modalità è riservata a:

  • le famiglie anagrafiche tenute al versamento del canone, nelle quali non c’è un soggetto titolare dell’utenza elettrica domestica residenziale (ad esempio gli inquilini con utenza elettrica intestata al proprietario, gli studenti fuori sede delle famiglie non titolari di utenza elettrica, i soggetti che risiedono nella seconda casa dei genitori, le abitazioni con diversi appartamenti ma con un solo contatore, i custodi delle scuole, i portieri che vivono dell’alloggio condominiale, ecc.);
  • i residenti delle isole: Capri, Ustica, Ventotene, Giglio, le Tremiti, Levanzo, Favignana, Lipari, Lampedusa, Linosa, Merettimo, Pantelleria, Stromboli, Panarea, Vulcano, Salina, Alicudi, Filicudi, Capraia; ovvero di quei territori insulari non connessi alla rete elettrica nazionale;
  • i soggetti titolari di un’utenza elettrica che è stata modificata da “residente” a “non residente” prima del 30 giugno 2016;
  • i soggetti che hanno disattivato una utenza elettrica residente in corso d’anno e non ne hanno attivato una nuova nel corso del medesimo anno;
  • i soggetti che hanno eseguito la voltura dell’utenza elettrica a terzi, ma non ne hanno ancora attivato una nuova;
  • i soggetti che hanno attivato o volturato un’utenza elettrica nel corso dell’anno ed hanno ricevuto il canone in bolletta con un importo inferiore rispetto alle cifre riportate in questo articolo. In tal caso dovranno integrare la somma mancante utilizzando il modello F24.

Pagamento canone Rai non in bolletta: come si compila il modello f24

La compilazione del modello F24 è molto semplice: basta inserire i codici tributo predisposti dall’Agenzia delle Entrate nella risoluzione n.53/E ed attivati il 1 settembre 2016. Nello specifico, tali codici vanno riportati nella sezione "Erario" specificando l'anno di riferimento in formato “AAAA” (2016) e l'importo a debito versato (100 €).

I contribuenti che possiedono il televisore ma non sono intestatari di alcuna utenza elettrica domestica residenziale (o risiedono nelle isole sopra citate) dovranno inserire il codice “TVRI”, denominato "canone per rinnovo abbonamento TV uso privato - articolo 3, comma 7, decreto 13 maggio 2016, n. 94". Mentre i contribuenti che effettuano il pagamento canone Rai per la prima volta ma non possiedono alcuna utenza elettrica di tipo domestico residenziale (o risiedono nelle isole sopra citate) devono inserire il codice “TVNA” denominato "canone per nuovo abbonamento TV uso privato - articolo 3, comma 7, decreto 13 maggio 2016, n. 94".

Se sei interessato ad approfondire ulteriormente l’argomento leggendo: “Pagamento canone Rai: cosa fare in caso di bolletta senza addebito”.

Documenti correlati



47152 - Redazione
27/10/2016
Riccardo, con quello di sua moglie.

47126 - Riccardo
26/10/2016
Buon giorno; il mio quesito, tra l'altro inoltrato alla RAI senza ricevere alcuna risposta, è il seguente: utenza elettrica intestata a mia moglie, ad oggi 26/10/16, sull'ultima bollletta elettrica con pari data nessun addebito circa il canone. Abbonamento alla rai da sempre intestato a me, ora so bene che dovrò effettuare il pagamento a mezzo F24, ma il dubbio è; se con il, mio codice fiscale con con codice TVRN o con quello di mia moglie con dodice TVRN. Grazie augurandovi una buona giornata e buon lavoro, rimango fiducioso in un vostra gentile risposta chiarificatrice del mio dubbio.

Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata