Carte di credito: come bloccarle in caso di perdita o furto

Come le carte di debito (bancomat) offrono notevoli vantaggi in termini di praticità, convenienza e di sicurezza, anche se negli ultimi anni con l'aumento delle transazioni si è registrato un numero sempre crescente di truffe (furto, clonazione, alterazione del Pos, ecc.)

Ai fini di un corretto e sicuro utilizzo della propria carta di credito si raccomanda di:

- non cedere mai la vostra carta e il vostro PIN ad altre persone (cameriere, rifornitore di carburante, ecc.);
-
controllare sempre che l'importo riportato sulla ricevuta d'acquisto sia giusto;
- controllare con attenzione le operazioni registrate sugli estratti conto mensili, se si riscontrano transazioni sospette comunicare subito la cosa all'emittente della carta e alla propria banca;
-
controllare che l'estratto conto arrivi regolarmente tutti i mesi;
-
non custodire mai il PIN insieme alla carta;
-
verificare, nel caso di acquisti sul web, se la pagina del sito sia sicura (ossia sia posto un lucchetto in basso a sinistra del browser e compaia sulla barra dell'indirizzo https:// anziché http:// );
- non rispondere alle email che invitano per un qualsiasi motivo ad inserire i propri dati personali e quelli relativi alla tua carta di credito in una pagina web (phishing);
-
verificare che lo sportello ATM non presenti anomalie e modifiche (presenza di microtelecamere nascoste, pannelli applicati in corrispondenza della fessura dove si inserisce la tessera Bancomat, tastiera non fissa, ecc.);
- assicurarsi di non essere osservati mentre si digita il pin presso un esercente o presso un distributore automatico.

Se le propria carta di credito viene smarrita o rubata rivolgersi alla propria banca dando notizia del furto o dello smarrimento della carta e chiedendone il blocco. Sarà poi la banca che procederà a comunicare la cosa ai numeri verdi di riferimento. Diversamente si può telefonare direttamente alla società emittente la carta utilizzando i numeri che questa mette a disposizione dei propri clienti.  Di seguito alcuni dei principali numeri telefonici da chiamare:

Servizi interbancari: 800 151616 Visa: 800.15.16.16 American Express: 800.86.40.46 Barclaycard: 800 90.80.69 Agos Itafinco: 800 82.20.56 Banca Fineco: 800 52.52.52 Banca Sella: 800 82.20.56 Carta Sì: 800.15.16.16 Citibank: 800 40.77.04 Deutschebank: 800 20.71.67 Diner's: 800 86.40.64 Findomestic: 800 86.61.16 Top Card: 800 90.09.10

Contestualmente sporgere denuncia alle forze dell'ordine verso ignoti, quindi confermare (entro i 2 gg. lavorativi successivi) con lettera raccomandata AR la richiesta di blocco alla società emittente, allegando una copia della denuncia e dell'estratto conto.

Ma in questi casi quali rischi corre in concreto il titolare della carta? Con il recepimento nel nostro ordinamento della Direttiva Europea sui servizi di pagamento, meglio nota come “PSD” (Payment Services Directive), in caso di furto della carta di credito la somma massima che potrà essere addebitata al titolare per spese effettuate con la stessa carta prima del blocco sarà di 150 euro.

Naturalmente la banca o l'istituto emittente potrà sempre addebitare al titolare tutte le somme, se dimostra che l'uso fraudolento è derivato da una sua grave negligenza.

Per smascherare le truffe alcune società emittenti hanno attivato un servizio di alert: inviano un sms sul cellulare del cliente ogni volta che la carta viene utilizzata. Può essere richiesto al gestore del proprio circuito di pagamento.

Leggi anche questi altri articoli su GuidaFinanza:
- "Come disdire la carta di credito";
- "Carte revolving: come chiedere il rimborso";
- "Carta di credito: come contestare una transazione".

Documenti correlati