Mutuo: l'estinzione anticipata

In precedenza il mutuatario che decideva, ad un certo punto dell'ammortamento, di chiudere il contratto, restituendo il capitale ancora dovuto, era soggetto al pagamento di commissioni e penali.

Con l'entrata in vigore della Legge 40/2007 (Bersani), chiunque

  • abbia stipulato con una banca un mutuo per l’acquisto dell’abitazione principale  a partire dal 2 febbraio 2007;
  • abbia stipulato con qualsiasi soggetto (banca, finanziaria...) per l’acquisto o la ristrutturazione dell’unità immobiliare adibita allo svolgimento della propria attività economico/professionale a partire dal 3 aprile 2007

può estiguere il suo debito nei confronti dell'istituto anticipatamente rispetto alla scadenza prevista nel contratto senza essere soggetto al pagamento di penali, commissioni o altre prestazioni a favore del soggetto mutuante.

Per usufruire di tale riduzione è necessario compilare e depositare alla propria banca una specifica richiesta corredata di una dichiarazione sostitutiva.

Per i mutui stipulati, con le finalità sopra descritte, prima del 2 febbraio o del 3 aprile 2007 (a seconda dei casi), banche e associazioni di consumatori si sono accordate per fissare penali più eque, che variano a seconda se il tasso è fisso o variabile e in funzione del tempo che manca all’estinzione naturale del prestito.

Per maggiori informazioni, si rimanda alla lettura dell'articolo "Mutuo: confermata l'estinzione anticipata senza penali".

Documenti correlati