I modelli da utilizzare in caso di trasferimento del lavoratore

domanda di trasferimento, lettera di trasferimento

Sappiamo che il datore di lavoro può trasferire un proprio dipendente solo in presenza di "comprovate ragioni tecniche organizzative o produttive" (art. 2103 c.c.), quindi nei casi in cui possa dimostrare, ad esempio, l'inutilità del suo impiego in quella determinata sede oppure la necessità della sua specifica professionalità nella sede di destinazione.

Se l’azienda non formalizza i motivi del trasferimento (o vi comunica motivazioni generiche) il lavoratore può richiederli espressamente e per iscritto attraverso questo fac simile.

Resta inteso che se il datore si rifiuta di fornire adeguate giustificazioni non potrà licenziare il proprio dipendente nel caso in cui questi si opponga al cambio di sede.

E il lavoratore può chiedere il trasferimento presso un’altro stabilimento o ufficio dell’azienda?

Si può farlo in qualsiasi momento senza però vantare un preciso diritto all'accoglimento della propria domanda. Il datore potrà quindi accettare (anche a tempo) o rifiutare, senza dover fornire alcuna spiegazione (a voce o per iscritto).

Il lavoratore in questo caso deve inoltrare un’apposita richiesta al proprio datore specificando le ragioni del trasferimento: la necessità di assistere una persona malata in famiglia, la vicinanza di quella determinata sede alla propria abitazione, ecc.

Vi offriamo in proposito un paio di modelli:
- fac simile (a);
- fac simile (b).

Documenti correlati