Quando e come chiedere il rimborso del ticket sanitario

rimborso ticket sanitario, rimborso ticket sanitario non dovuto

Per ogni tipo di prestazione fornita dal Servizio sanitario pubblico, come visite specialistiche, analisi cliniche, ecografie, risonanze, radiografie, terapie fisiche e riabilitative, ecc., è previsto il pagamento di un ticket (contributo fisso), salvo i casi di esenzione.

Il costo varia a seconda della regione italiana dove ci si trova e a seconda della prestazione richiesta dal cittadino-paziente. E' dovuto anche nel caso in cui il cittadino non dovesse ritirare i referti relativi alle prestazioni ricevute.

In quali casi si può chiedere il rimborso del ticket sanitario

E' possibile chiedere il rimborso parziale o totale del ticket sanitario nei seguenti casi:
- quando è stato effettuato un versamento per il quale l’Azienda USL ha riconosciuto un errore nella determinazione dell'importo;
- per mancata fruizione della prestazione per motivi personali (disdetta), per motivi sanitari oppure per motivi organizzativi e/o tecnici del servizio;
- quando la prestazione è stata regolarmente erogata, ma l'utente è risultato esente;
- quando il cittadino ha usufruito solo di parte delle prestazioni per le quali ha pagato il ticket;
- quando è stato rilevato un errore nella registrazione dei dati (omonimia, residenza, prestazione).

È importante che il cittadino disdica l’appuntamento della prestazione sanitaria anticipatamente telefonando al numero indicato sul documento rilasciato dal centro di prenotazione.

Come chiedere il rimborso

Questo il fac simile per la richiesta di rimborso del ticket sanitario. Una volta compilato va trasmesso alla Direzione Amministrativa della struttura o all'ufficio cassa/CUP in cui è stato effettuato il pagamento, allegando l'originale del documento di pagamento del ticket.

Il cittadino può fare richiesta di rimborso entro 5 anni dalla data in cui è stato effetuato il pagamento iniziale.

Il rimborso può avvenire tramite bonifico bancario presso il conto corrente indicato dall'utente, presso il servizio di tesoreria dell'Azienda o tramite assegno di traenza non trasferibile da inviare all'indirizzo specificato dall'utente.

Documentazione da allegare

Nel caso in cui la domanda di rimborso sia presentata da persona diversa dall’interessato, allegare la delega del diretto interessato e gli estremi di un documento di riconoscimento della persona delegata.

Qualora la prestazione sia a favore di un minore, il rimborso del ticket può essere richiesto da un genitore oppure da chi ne ha la potestà, oppure da persona delegata dagli stessi.

Se il cittadino risulta esente, occorre allegare alla domanda di rimborso la certificazione sull’impegnativa da parte del sanitario del punto erogatore se si tratta di esenzione per patologia o esenzione parziale, oppure il certificato di esenzione rilasciato dalla Asl per gli altri casi di esenzione.

Infine nel caso ci sia stato un errore di prenotazione, ai fini del rimborso è opportuno allegare la lettera della Asl con cui la stessa riconosce il proprio errore nella prenotazione.

Documenti correlati



49316 - ANGELA
12/05/2017
Buongiorno mi sono accorta solo oggi che mia madre, nonostante avesse il codice di esenzione E01 dal 2012, probabilmente per un errore di aggiornamento dati del medico, ha pagato tutto il tiket di una gastroscopia, come posso fare per avere il rimborso visto che l'esenzione era già in atto al momento della compilazione della ricetta? Grazie Risposta urgente

49106 - Martina
20/04/2017
Buongiorno, nei giorni scorsi sono stata molto male e son stata in pronto soccorso nel mio paese e dimessa la mattina successiva. Poiché il giorno successivo continuavo a star male, sono stata dal mio medico ke dopo una visita ha valutato di mandarmi nuovamente al pronto soccorso, ma questa volta di Treviso. Li ho ricevuto visite x 6 ore x escludere la meningite e 2 neurologi hanno valutato di farmi fare anche una tac xke non erano convinti di dimettermi vista la modalità e intensità del problema ke ho avuto. Alla fine mi hanno dimesso dicendo ke non avevo grossi problemi e mi hanno presentato un ticket di 145 euro (ho 1 mese x pagarlo anche se non c'è scritto da nessuna parte). Io non l'ho ancora pagato, anche perchè mi hanno addebitato anche esami ke non ho fatto (x es urinocoltura senza aver un campione delle mie urine?!). Inoltre ho verificato ke la dichiarazione x riduzione x reddito inferiore a 29mila euro era scaduta da qualke giorno e con ogni probabilità non è stata considerata. Come posso chiedere di rivedere l'importo alla luce di questi errori/lacune?

49062 - Sara
16/04/2017
Buongiorno, Ho notato solo ora che nelle prestazioni prenotate attraverso CUP la mia residenza risulta quella precedente alla mia residenza attuale. Ho cambiato residenza 6 anni fa, diversa provincia e stessa regione. La carta servizi invece è regolare, quindi i pagamenti effettuati attraverso la carta servizi risultano con la residenza esatta. Chi devo contattare per risolvere la situazione?

49000 - Simona
10/04/2017
Buongiorno, da pochi giorni ho ottenuto l'esenzione per prestazioni sanitarie, in quanto terremotata. Ma l'anno scorso ho prenotato due visite, una per me e una per mia figlia rispettivamente a maggio e novembre prossimo, quindi quando non era successo ancora niente e le impegnative riportano la spunta "non esente". Quando andrò alla visita che cosa devo dire? Sono obbligata a pagare? Oppure devo disdire ed effettuare nuove prenotazioni con il codice esenzioni (ma a questo punto chissà quando andranno a finire...)?

48990 - Redazione
08/04/2017
Cinzia, predisponga una richiesta scritta di rimborso e la inoltri alla direzione sanitaria della Asl di competenza (alleghi copia di un documento di indentità e della ricevuta di versamento effettuato).

48975 - Cinzia
07/04/2017
Salve, nel mese di febbraio mi reco al mio sportello ASL per prenotare una vaccinazione antimengite per mia figlia di 16 anni. Mi dicono di pagare un ticket di circa 44 euro e mi danno un appuntamento per la vaccinazione al 7 di marzo 2017. Dopo aver pagato il ticket in anticipo ed essermi recato all'Asl per la vaccinazione, vengo a sapere che la regione lombardia ha dato la possibilità di effettuare la vacinazione antimeningococco gratuitamente. Chiedo informazioni, a questo punto, come ottenere il rimborso del ticket pagato in precedenza ma nessun addetto sa darmi una risposta. Come posso ottenere un eventuale rimborso? Grazie

48604 - Redazione
02/03/2017
Paolo, se la ricetta non riporta alcun codice di esenzione e quindi il relativo ticket viene pagato e la prestazione eseguita, non sarà possibile successivamente richiedere il rimborso del ticket pagato in quanto la ricetta che non riporta il codice esenzione non può essere modificata.

48594 - Paolo
02/03/2017
Io ho 70 anni e nel biennio 2014/2015 ho pagato vari ticket, perchè pensavo di non avere diritto all'esenzione E01. Pensavo, erroneamente, che nel "reddito familiare" rientrassero anche i redditi dei figli conviventi. Ora ho scoperto che, invece, già all'epoca avevo diritto all'esenzione. Vorrei chiedere se nel mio caso avrei diritto al rimborso dei ticket pagati o se, avendo io sbagliato a calcolare il reddito familiare sono "in torto" e quindi non ne ho diritto. Preciso che sulle prescrizioni mediche non era indicato il codice di esenzione.

48506 - Redazione
22/02/2017
Lalla, rientrano nel codice di esenzione ticket E99, i soggetti disoccupati/inoccupati, iscritti ai Centri per l’Impiego (ex Uffici di Collocamento) all'atto della prescrizione delle prestazioni, appartenenti ad un nucleo familiare con un reddito complessivo lordo inferiore ai tetti massimi stabiliti. In questi casi se la persona interessata ha pagato il ticket, può chiedere il rimborso rilasciando una dichiarazione scritta in merito alle motivazioni per le quali ha diritto all’esenzione.

48494 - lalla
21/02/2017
Buongiorno, per tre anni ho usufruito dell'esenzione per disoccupazione (E02), ora ho qualche problema perchè sono stata rimessa a carico dei miei genitori già dall'anno scorso e quindi molto probabilmente dovrò pagare i ticket dovuti. Quello che mi domando io è:' come mai allo sportello nessuno mi ha mai chiesto se ero a carico di qualcuno?' Come mai nessuno mi ha mai detto dell'esistenza del codice e99 che non riguarda il reddito? Ora è possibile chiedere a ritroso il rimborso dei ticket per esenzione E99? Grazie

Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata