Reclamo Wind

reclamo wind, reclamo Wind Infostrada

Sulla Carta dei servizi Wind e nelle Condizioni Generali del Contratto che l’azienda mette a disposizione dei propri clienti è possibile trovare tutti i casi di inadempienze di fronte alle quali si può inoltrare un reclamo e richiedere un’indennità.

Come inviare un Reclamo Wind Infostrada

Le problematiche riguardanti la linea telefonica Wind Infostrada possono essere segnalate in molteplici modi:
- RECLAMO WIND TELEFONICO: contattando il numero verde 155 o il 1928 che è gratuito per tutti i cellulari Wind, i fissi Infostrada e Telecom Italia; è attivo 7 giorni su 7 dalle ore 8:00 alle ore 20:00;
- RECLAMO WIND FAX (servizio attivo solo per i clienti con partita iva) al numero 800901928;
- RECLAMO WIND ONLINE: accedendo all’area clienti del sito www.wind.it o ww.windbusiness.it;
- RECLAMO WIND E-MAIL: il disservizio va segnalato all’indirizzo Servizio_Clienti_Wind-Infostrada@155.it;
- RECLAMO WIND SCRITTO: tramite posta semplice o inviando una raccomandata con avviso di ricevimento a questo indirizzo: WIND TELECOMUNICAZIONI SPA - Ufficio Reclami Casella Postale 14155 - Ufficio Postale Milano 65 20152 MILANO.

I reclami scritti, per essere davvero efficaci, devono contenere delle informazioni precise circa il problema che il cliente ha riscontrato. Nel testo in particolare non devono mancare:
- Nome e cognome del titolare della linea telefonica interessata;
- Numero telefonico;
- Tipo di problema o disservizio riscontrato;
- Data di inizio del problema o disservizio;
- Località in cui ha luogo il problema.

Per facilitarti le cose abbiamo pensato di inserire sul nostro portale il modulo di reclamo Wind, un fac simile da scaricare e compilare comodamente dal pc.

Diversamente puoi affidarti ai documenti specifici che Moduli.it ti offre: ad esempio, se ti è arrivata una bolletta esageratamente alta, puoi contestarla usando il modello di lettera di contestazione bolletta telefonica.

Oppure è possibile che Wind abbia attivato a tua insaputa dei servizi a pagamento; in questo caso ti consigliamo di leggere l’articolo che abbiamo dedicato all’argomento: “Reclamo per servizi telefonici non richiesti”, all'interno del quale troverai anche il modulo di contestazione per servizi telefonici non richiesti. Sempre sul nostro portale trovi il modulo di diffida per variazione unilaterale del piano tariffario. Per le indicazioni sulla modalità di invio della diffida puoi leggere questo articolo.

Se il tuo problema consiste invece in una connessione ADSL troppo lenta, puoi scaricare l’apposito modulo di reclamo, seguendo le indicazioni contenute in questo articolo.

Ogni reclamo, di qualsiasi natura esso sia, sarà provvisto di un codice identificativo. Wind si impegna a fornire un riscontro immediato al reclamo wind qualora esso pervenga telefonicamente, mentre i reclami scritti verranno presi in esame e risolti entro 45 giorni dalla data di ricevimento. Ai clienti che hanno inviato un reclamo wind particolarmente complesso, il quale necessita di una tempistica maggiore per essere risolto, sono riservate delle comunicazioni circa l’avanzamento della pratica e la data di risoluzione finale del problema.

I reclami relativi agli importi addebitati in fattura devono essere inoltrati a Wind entro 45 giorni dalla data di emissione della fattura oggetto di contestazione. In questo caso Wind sospende l'applicazione dell'indennità di mora fino alla comunicazione al cliente dell'esito del reclamo. Se il reclamo viene respinto, il cliente è tenuto a pagare tale indennità di mora a decorrere dalla data di scadenza riportata in fattura.

Reclamo Wind: gli indennizzi

La Carta dei Servizi Wind prevede che, nei casi di ritardo nell'attivazione dei servizi o nel trasloco dell'utenza, di sospensione o cessazione amministrativa di un servizio in assenza dei presupposti di legge o di un congruo preavviso, al cliente spetti un indennizzo di 2 euro al giorno per una cifra massima non superiore a 100 euro. Naturalmente deve trattarsi di un'inadempienza imputabile all’azienda stessa.

I clienti possessori di tre o più linee telefoniche potranno ricevere una cifra mensile massima di indennizzo pari a 250 euro. Fanno eccezione i reclami dovuti ad esempio ad un malfunzionamento del servizio, per i quali si possono ricevere indennizzi superiori, fino ad arrivare a 5 euro al giorno, per ogni giorno di ritardo, per una cifra complessiva non superiore a 100 euro.

Al contrario, non sarà concesso alcun indennizzo per i ritardi relativi a problematiche causate dal cliente o legate a cause di forza maggiore, e quindi non direttamente imputabili a Wind. Così come non sono previsti indennizzi per i ritardi dipesi da problematiche particolari, che sono stati già segnalati e comunicati al cliente.

Altra circostanza particolare è rappresentata dai casi di ritardo nella portabilità del numero telefonico, per i quali Wind corrisponde un indennizzo di 2.50 euro al giorno per una cifra massima di 50 euro, solo per ritardi che partono dal terzo giorno lavorativo successivo alla data di attivazione comunicata dall’azienda stessa.

Gli indennizzi possono essere corrisposti al cliente sotto forma di assegni o credito telefonico, nel caso di carte prepagate. Rientra nei diritti del cliente chiedere un ulteriore risarcimento per il maggior danno subito.

Reclamo Wind associazione consumatori

Cosa accade se al Reclamo Wind non segue una risposta soddisfacente? Una volta trascorsi 45 giorni puoi rivolgerti alle Associazioni dei Consumatori e presentare una domanda di conciliazione, secondo quanto previsto dalle normative vigenti. La procedura di conciliazione viene avviata dal momento in cui l’Associazione scelta invia questo Domanda di conciliazione Wind. La richiesta verrà poi sottoposta alla Commissione di Conciliazione Paritetica, che si compone da un Conciliatore interno all’azienda telefonica e un Conciliatore dell'Associazione scelta. Consulta in proposito il Regolamento di conciliazione Wind.

Le Associazioni di Consumatori che che aderiscono alla procedura di Conciliazione Paritetica sono: Acu, Adiconsum, Adoc, Adusbef, Altroconsumo, Arco, Assoutenti, Casa del Consumatore, Centro Tutela Consumatori Utenti, Cittadinanzattiva, Codacons, Codici, Confconsumatori, Federconsumatori, Lega Consumatori Acli, Movimento Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino, Unione Nazionale Consumatori.

Reclamo Wind Co.Re.Com

Anche i Comitati Regionali per le Comunicazioni offrono un servizio di supporto e assistenza ai cittadini che decidono di intraprendere la procedura di Conciliazione Paritetica dopo aver effettuato un reclamo. La procedura è semplice: basta individuare e contattare il Co.Re.Com. della tua regione di appartenenza, inoltrando un reclamo attraverso la Compilazione del Formulario UG.

È possibile reperire il modulo di conciliazione Co.Re.Com. direttamente sul nostro portale. Per ulteriori approfondimenti si consiglia la lettura dell'articolo "CoReCom: cos’è e quando è possibile farvi ricorso".

Reclamo Wind Giudice di Pace

Se non ottieni alcun risultato dalla Conciliazione paritetica (ricordiamo che devono trascorrere come minimo trenta giorni dalla presentazione dell’istanza), puoi appellarti al Giudice di Pace che opera nel tuo territorio. Procurati due copie di tutta la documentazione raccolta fino a quel momento e presentala all’ufficio preposto, allega al plico anche la lettera raccomandata al Corecom e il Modulo di conciliazione stragiudiziale presso il Giudice di Pace.

Reclamo Wind AGCOM

Puoi sottoporre il problema anche all'Autorità Garante delle Comunicazioni (AgCom) attraverso la compilazione del Modello D. È importante tenere a mente che l’Autorità Garante non opera a supporto della tua causa: essa infatti può servirsi della tua esperienza per controllare i comportamenti della compagnia e sanzionarla qualora rilevi una grave inosservanza della normativa vigente. Sull’argomento puoi leggere anche: “Il nuovo modello D in materia di telecomunicazioni”.

Disdetta Wind

Anche se davvero rari, ci sono casi in cui nessuna delle prassi risolutive va a buon fine e l’utente deve arrendersi all’evidenza di un disservizio per il quale non ha ricevuto né indennizzi né il riconoscimento di eventuali danni. Se questo è uno di quei casi, puoi scegliere di cambiare operatore telefonico, revocando il contratto in essere. Sul nostro portale puoi scaricare e compilare il Modulo di disdetta Wind Infostrada.

Prima di effettuare la disdetta ti consigliamo di leggere questo articolo “Telefonia: in caso di recesso i costi di disattivazione sono dovuti?”. E se dopo la disdetta ti è arrivata una bolletta riportante dei costi di disattivazione che non ritieni conformi a quanto riportato nelle condizioni del contratto, puoi reclamare usando questo modulo.

Documenti correlati



51924 - Redazione
11/04/2018
Giuseppina, inoltri un reclamo scritto, se non ottiene risposta si rivolga al Corecom.

51903 - Alessandro
11/04/2018
Cari Utenti cibernauti Dal 24 marzo wind mi ha staccato tutto... per la nuova linea FIBRA. Che poi non e' collegato direttamente alla fibra ma bensi' allo stesso cavo analogico di cui in precedenza arrivava l'adsl, il classico Doppino. Un bleff il tutto si svolge in un piccolo apparecchio alimentato a 12 volt 3 amper di cui pago 2 euro al mese per il Noleggio. Corrente assorbita 40watt ora in un giorno 500watt come il frigorifero di casa. Ma non e' questo il punto. E' che dopo 15 giorni di attesa non mi arriva il segnale pulito per la linea Voce; la voce va e viene cosi' come i video per il Web. Non solo la parte wifi cioe' il trasmettitore interno al router e' di una potenza ridicola.. a 5 metri il segnale e' gia' fluttuante e... cade. Mi dite Voi Che caxxo ho cambiato a fare la vecchia e cara adsl che era una BOMBA! per miseri 10euro mensili in meno ed incappare in tutti questi problemi. Alessandro Tecnico Napoli.

51870 - Giuseppina
04/04/2018
Ho scoperto che é da anni che mi viene trattenuto sulla carta di credito il canone per una SIM scaduta e non riesco a mettermi in contatto con nessun operatore wind per fermare questo indebito prelievo mensile, oltre a farmi restituire le cifre non dovute. Che devo fare?

51868 - Andrea
04/04/2018
Circa 15 giorni fa per ben 5 giorni nel mio paese non c'era linea per niente e per poter chiamare ero costretto a prendere la macchina e spostarmi di qualche chilometro.... All'enesima chiamata mi è stato risposto che il sabato e la domenica i tecnici non lavorano! Sono rimasto senza parole! Ora è dalle 20 che provo a chiamare per parlare con un'operatore e mi dice sempre (siamo spiacenti ma in questo momento tutti i nostri operatori sono impegnati)vorrei tanto sapere in cosa? Perché ci credo poco che alle 00:15 di martedì notte ci sia così tanta gente che chiama la wind! Mi dispiace ma al più presto cambierò operatore! Non è possibile che ci sia sempre un problema!

51796 - Gianluca
24/03/2018
Sto provando ad inviare una mail di reclamo per una fatturazione wind errata ma senza risultato. Ad agosto mi viene proposto il passaggio alla fibra al costo di 24.90 mensili (ero già cliente wind con l'adsl), purtroppo accetto e a dicembre ricevo una prima fattura di 115.00 euro circa. Nel dettaglio costi di quest'ultima, mi ritrovo un importo di euro 57.85 di offerta unlimited voce (credo sia la precedente offerta che avevo) + 23.97 di unlimited fibra (l'attuale) + vari addebiti per una somma totale di 115.00 euro circa. Come è possibile che su una stessa fattura vengano addebitate due diverse offerte con lo stesso gestore? Nello stesso periodo di fatturazione io parlavo al telefono con un'offerta e navigavo con un'altra? Non la capisco questa cosa... Parlando anche con vari operatori call center, abbiamo convenuto che è presente un'anomalia nella fatturazione, non capisco perché Voi avete risposto alla mia mail del 22/01/2018 dicendo che è corretta. Ad ogni modo, avendo l'addebito diretto su c/c, la suddetta fattura è stata saldata. Nel frattempo però, ho fatto il passaggio ad altro gestore ed ho bloccato il RID con Voi per cui, la fattura che avete emesso con scadenza 12/02/2018, non è stata saldata. Quest'ultima fattura presenta un importo di 114.00 euro circa, 82.69 euro di abbonamento unlimited fibra (ribadisco che mi era stata venduta a 24.90 al mese) + vari altri costi. Vi chiedo di ricalcolare le fatturazioni di entrambe le fatture e di procedere allo storno della prima fattura erroneamente saldata così che io possa procedere con il pagamento della seconda fattura (febbraio 2018). Sto provando ad inviarvi questa comunicazione, in risposta alla vostra mail del 27/02/2018, dal 02/03/2018 ma senza risultato, gli operatori call center continuano a non vederla registrata. Vi chiedo di darmi info più dettagliata, non mi accontento di un semplice: "è corretta". Il mio Codice Cliente è: 34......67. Saluti, Gianluca C.

51722 - Sabrina I.
10/03/2018
É assurdo come gestite le problematiche. A dicembre siamo rimasti 10 giorni senza telefono e senza internet. Dal 3 marzo altri 5 giorni senza servizi e da stanotte ancora senza servizi. Rasentate il paradossale. Vi citerò per danni.

51706 - aldo
08/03/2018
Buongiorno volevo cambiare il piano passando da adsl a fibra. Ma gli operatori mi dicono di essere in BLACK LIST. Sebbene i miei pagamenti risultano regolari da anni. Non vorrei fosse uno stratagemma per bloccare i clienti e non farli migrare ad altre compagnie o fargli fare altre operazioni. Mi sento preso in giro.

51649 - Mauro
26/02/2018
Non ricevo bolletta telefonica da sei mesi, Ho fatto solleciti e segnalazioni con l'operatore del 155.. non ho mai ricevuto una telefonata, una mail, un segnale di volontà dell'azienda di voler risolvere il problema.. cambieremo operatore, mi sembra il minimo che possa fare

51400 - SILVANA
25/01/2018
E' dal 20 dicembre 2017 che non posso effettuare telefonate dal mio apparecchio telefonico fisso, mentre posso, sia utilizzare internet che ricevere. Ho effettuato non so quante chiamate per cercare di risolvere il problema, ma il risultato è stato solo quello di assistere ad un un rimpallo di responsabilità tra L'Italia e la Romania senza riuscire a risolvere il problema. Mi pare evidente che il mancato servizio per tutto questo periodo mi dovrà essere defalcato in bolletta e comunque se il problema non si dovesse risolvere entro breve mi rivolgerò ad un altro operatore.

51397 - Redazione
23/01/2018
Vincenzo, certo può farne richiesta. Può anche provare a registrarsi al portale, nella sua area riservata l'azienda dovrebbe rendere disponibili anche le fatture.