Detrazione cucina 2021: limiti, regole, condizioni

Il bonus cucina è stato prorogato per tutto il 2021. Si tratta in breve di una agevolazione che consente al cittadino di recuperare negli anni il 50% di quanto speso per l'acquisto di una nuova cucina. L'obiettivo di questo post è spiegarti in che modo è possibile rientrare delle spese sostenute, quali condizioni occorre soddisfare, con quali modalità pagare il commerciante, quali documenti conservare nel cassetto.

Bonus cucina 2021: in cosa consiste

Si è detto che il cittadino ha la possibilità di recuperare il 50% dell'importo speso per l'acquisto della nuova cucina. Ma come esattamente? Sotto forma di detrazione fiscale. Cos'è una detrazione fiscale? Semplice: un importo che il contribuente ha il diritto di sottrarre all’imposta lorda (calcolata sul totale dei redditi dichiarati al fisco) per stabilire l’imposta netta dovuta. In pratica si tratta di uno sgravio sull'Irpef o se vogliamo di uno sconto sulle tasse da pagare.

Chiaramente è possibile beneficiare delle detrazioni ficali, conteggiate e documentate in sede di dichiarazione dei redditi, solo se l’importo relativo alle tasse da pagare è superiore alla somma da portare in detrazione (capienza fiscale).

Chiarito questo concetto, veniamo alla detrazione mobili cucina. In pratica si applica il 50% su un tetto massimo di spesa di 16.000 euro per ogni singolo immobile. Il risultato è da spalmare su un arco temporale di 10 anni

Facciamo un esempio: nel 2021 il Sig. Rossi acquista uno nuova cucina spendendo la cifra complessiva di 14.000 euro. Grazie al bonus mobili cucina il Sig. Rossi avrà la possibilità, per il periodo 2022 - 2031, di beneficiare di una detrazione annuale pari a 700 euro.

La detrazione non utilizzata in tutto o in parte non si trasferisce

  • agli eredi in caso di decesso del contribuente
  • in caso di vendita dell'immobile.

Bonus mobili cucina: cosa rientra nella detrazione

Rientrano nel bonus tutte le spese sostenute per l'acquisto del piano cottura, forno, lavandino, dispensa, tavolo, sedie. Ma anche di elettrodomestici di classe energetica non inferiore alla A+ come frigoriferi, congelatori, lavastoviglie, forni a microonde, piastre riscaldanti elettriche, forni (questi ultimi di classe A o superiori).

Non solo. Il contribuente ha la possibilità di recuperare anche parte delle spese sostenute per l'acquisto di poltrone (leggi il post sul bonus divani), madie, tappeti, lampade, specchi da collocare magari in soggiorno. È escluso invece l’acquisto di porte, di tende e tendaggi e di altri complementi di arredo.

Possono essere ricompresi nel calcolo della detrazione anche le spese di trasporto e montaggio.

Detrazione cucina: condizioni da soddisfare

La prima fondamentale condizione è che la cucina sia destinata ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione. In particolare

  • la ristrutturazione edilizia (realizzazione di una mansarda o di un balcone, apertura di nuove porte e finestre, ecc.)
  • la manutenzione straordinaria (realizzazione dei servizi igienici, realizzazione di recinzioni, muri di cinta e cancellate, ecc.)
  • il restauro e il risanamento conservativo (ripristino dell’aspetto storico-architettonico di un edifici, ecc.)

possono riguardare la singola unità immobiliare oppure le parti comuni di un edificio, sempre residenziale (guardiole, appartamento del portiere, ecc.).

In quest'ultimo caso valgono anche i lavori di manutenzione ordinaria come tinteggiatura pareti e soffitti, sostituzione di pavimenti, sostituzione di infissi esterni, rifacimento di intonaci, ecc.

Per le parti condominiali i condòmini hanno diritto alla detrazione, ciascuno per la propria quota, solo per i beni acquistati e destinati ad arredare queste parti.

Ecco 7 cose importanti da ricordare:

  1. per le cucine acquistate nel corso del 2021, la detrazione può essere richiesta solo da chi ha dato avvio ai lavori a partire dal 1° gennaio 2020. Invece per gli acquisti effettuati nel 2020 è possibile fruire della detrazione solo se l’intervento di ristrutturazione è iniziato a partire dal 1° gennaio 2019;
  2. la detrazione cucina spetta unicamente al contribuente che usufruisce della detrazione ristrutturazione edilizia. Per cui se le spese per ristrutturare l’immobile sono state sostenute da Mario e quelle per l’arredo dalla coniuge Valeria, il bonus cucina non spetta a nessuno dei due;
  3. il bonus cucina spetta anche quando si è provveduto ad effettuare un intervento edilizio che non riguarda strettamente la cucina (ad es. la modifica della facciata o la realizzazione di una mansarda o di un balcone);
  4. la data dell’inizio dei lavori di ristrutturazione deve precedere quella in cui si acquista la cucina. Non è fondamentale, invece, che le spese di ristrutturazione siano sostenute prima di quelle per la cucina;
  5. si ha diritto alla detrazione solo se la cucina è nuova di fabbrica, dunque nessun beneficio per acquisti da privati, mercatini dell'usato o antiquari;
  6. non è possibile fruire del bonus cucina se si eseguono interventi di riqualificazione energetica dell’edificio;
  7. per il bonus cucina non è ammessa la possibilità di cessione del credito o lo sconto in fattura.

Bonus cucina: come pagare

Per beneficiare del bonus mobili cucina occorre effettuare i pagamenti con 

  • bonifico parlante (non è necessario utilizzare quello - soggetto a ritenuta - appositamente predisposto da banche e Poste);
  • carta redito o bancomat (la data di pagamento coincide con il giorno di utilizzo della carta da parte del titolare).

Non è consentito, invece, effettuare pagamenti in contanti o tramite assegni bancari.

La detrazione cucina è fruibile anche in caso di finanziamento a rate, a condizione che la società che eroga il finanziamento paghi il corrispettivo con le stesse modalità sopra indicate.

Quali documenti conservare

Ai fini del bonus occorre conservare i seguenti documenti:

  • ricevuta del bonifico oppure ricevuta di avvenuta transazione (per i pagamenti con carta di credito o di debito);
  • documentazione di addebito sul conto corrente;
  • titolo abilitativo comunale che attesta la data di inizio lavori;
  • fatture di acquisto dei beni, riportanti la natura, la qualità e la quantità dei beni e dei servizi acquisiti.
Documenti correlati


56442 - Redazione
04/09/2021
Graziella, noi siamo un semplice sito di informazioni e soprattutto di modulistica.

56441 - R. Graziella
03/09/2021
buongiorno, in alternativa al recupero del bonus in 10 anni alcune ditte effettuano il recupero in fattura. In tal modo il cliente ha subito uno sconto sulla merce indipendentemente dall'irpef. Anche voi fate il recupero in fattura?


Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio