© Fac simile contratto di locazione ad uso diverso dall'abitazione

Descrizione

In questa scheda è possibile scaricare alcuni fac simile di contratto di locazione ad uso non abitativo.

Si tratta di un particolare tipo di contratto con cui un soggetto (locatore) mette a disposizione di un altro soggetto (conduttore), dietro il pagamento di un corrispettivo determinato dalle parti, un immobile destinato allo svolgimento di attività industriali, commerciali, industriali, artigianali, di altre attività di lavoro autonomo e più in generale ad un uso diverso da quello abitativo. A questo tipo di contratto non si applica l’opzione della cedolare secca.

Cosa inserire nel contratto

Nel fac simile contratto di locazione ad uso diverso dall'abitazione occorre innanzitutto riportare i dati anagrafici del locatore e del conduttore, quindi provvedere a specificare tutta una serie di condizioni. Riportiamo di seguito quelle che ci sembrano più rilevanti:

- individuazione dell’immobile e oggetto del contratto. In questo articolo vanno riportati indirizzo, composizione del locale, superficie, dati catastali, conformità dell’immobile e alle norme edilizie ed urbanistiche, conformità degli impianti e alle normative vigenti, ecc.;

- durata della locazione. A tal proposito va detto che l'art. 27 della Legge 392/1978 stabilisce che il contratto di locazione ad uso non abitativo non può avere una durata inferiore a 6 anni (9 anni se nell'immobile si esercita un'attività di tipo alberghiero). La locazione si intende tacitamente rinnovata, alle medesime condizioni e per un identico periodo, se non si comunica la disdetta almeno 12 mesi prima della scadenza (18 mesi per gli immobili adibiti ad attività ricettive). Le parti sono comunque libere di stabilire che il conduttore possa recedere in qualsiasi momento dal contratto di locazione ad uso non abitativo dandone comunicazione al locatore con un preavviso di almeno 6 mesi. In ogni caso in presenza di "gravi motivi" il conduttore è libero di disdire il contratto, basta che invii una semplice comunicazione al proprietario, mediante raccomandata a.r., con 6 mesi di anticipo;

- canone di locazione. Oltre a specificare l'importo è importante indicarne periodicità e modalità di esecuzione del pagamento. Il canone può subire aumenti nel corso degli anni, tuttavia le variazioni non possono essere superiori al 75% di quelle, accertate dall’Istat, dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati;

- oneri accessori. Sono a carico del conduttore tutta una serie di oneri accessori per manutenzione ordinaria e piccole riparazioni dell'ascensore, dell'autoclave, degli impianti di illuminazione e di videcitofono, degli impianti di riscaldamento e più in generale delle parti comuni: grondaie, sifoni, tetti, ringhiere, corrimano e così via. Così come sono a suo carico le spese di portierato, pulizia, ecc. Il pagamento di queste spese non potrà essere in alcun modo sospeso o ritardato;

- deposito cauzionale. Si tratta di una somma che il conduttore deve versare a garanzia delle obbligazioni assunte attraverso il contratto di locazione ad uso non abitativo. L'importo del deposito cauzionale non può essere superiore a tre mensilità del canone. Esso è produttivo di interessi legali che debbono essere corrisposti al conduttore alla fine di ogni anno;

- indennità di avviamento e divieto di cambio di destinazione. E' importante specificare nel fac simile contratto di locazione ad uso diverso dall'abitazione quale tipo di attività si eserciterà nei locali. Da parte sua il proprietario può garantire l’idoneità all’uso per un certo tipo di attività (da specificare), ma non per un altro; in quest'ultimo caso va stabilito chi deve accolarsi le spese per rendere il locale idoneo all'uso. Con riferimento al diritto all’indennità di avviamento, il conduttore deve dichiarare se l’attività comporta o meno contatti diretti per la vendita con il pubblico;

- manutenzione e migliorie alla proprietà. Il conduttore deve provvedere a propria cura e spese alla manutenzione ordinaria dell’immobile: piccoli interventi di riparazione degli impianti idraulici, elettrici, gas e condizionamento di acqua. Il lavori di manutenzione straordinaria, invece, sono di esclusiva competenza del locatore. Di fronte a dei miglioramenti al locale compiuti dal conduttore, ossia trasformazioni o sistemazioni che attribuiscono un aumento di valore all'immobile, va specificato nel contratto di locazione ad uso non abitativo se tali miglioramenti rimangono a vantaggio dell'immobile locato e senza diritto ad alcun rimborso a favore del conduttore oppure no.

Trattandosi di un locale ad uno non abitativo e quanto mai importante che nel fac simile contratto di locazione ad uso diverso dall'abitazione siano precisati gli aspetti relativi a:

  • esonero di responsabilità del locatore per danni diretti e indiretti provocati da condotte di altri inquilini o da interruzioni di pubblici servizi;
  • responsabilità del conduttore per qualsiasi conseguenza possa derivarne a terzi a seguito dell'attività svolta nei locali (ad es. incendio).

Per ulteriori approfondimenti sull'argomento, si rinvia alla lettura dell'articolo "Come regolare l'affitto per negozi e locali commerciali".

Tags:  modello contratto locazione uso non abitativo

Formati
DOC   fac simile (a)
PDF   fac simile (b) - Fonte: Unioncamere
PDF interattivo   fac simile (c)
Documenti correlati
 
Social
 
 
 
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa e di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo del portale

Utilità