Disdetta assicurazione auto: quando e come comunicarla

disdetta assicurazione auto, disdetta assicurazione auto 2017

L'assicurazione rc auto è resa obbligatoria dalla legge (art. 170 del Codice delle Assicurazioni) per il semplice fatto che la circolazione dei veicoli (auto, moto, ecc.) è ritenuta un'attività fondamentalmente pericolosa. Per questo motivo si è voluto da un lato tutelare chi rimane vittima di un incidente stradale, dall'altro rendere meno gravoso il risarcimento dovuto da chi è ritenuto responsabile dell'incidente stesso. Dunque chiunque si mette alla guida di un veicolo è obbligato a stipulare una polizza di responsabilità civile (RC). Eppure ci sono casi in cui tale obbligo cessa e, dunque, il proprietario del mezzo o chi per lui può comunicare alla compagnia assicurativa la disdetta assicurazione auto. In questo articolo analizzeremo proprio queste specifiche situazioni.

Disdetta assicurazione auto: basta attendere la scadenza

Come sai da qualche anno, esattamente dal 1° Gennaio 2013, i contratti di assicurazione sulle auto non prevedono più la clausola di tacito rinnovo (ossia il rinnovo automatico alla scadenza). Questo significa molto semplicemente che il contratto di polizza auto, che ha una durata massima di 12 mesi, al termine del periodo riportato sul contratto va automaticamente in scadenza. Se, dunque, sei insoddisfatto della tua compagnia, perché ad esempio ritieni di pagare un premio troppo alto rispetto alla concorrenza o perché non ti è andato giù il trattamento ricevuto in occasione della definizione di una pratica di sinistro, non devi far altro che attendere la scadenza della polizza e rivolgerti ad una nuova compagnia. Per questo non dovrai sostenere alcun costo, nè pagare penali di sorta. Tieni in considerazione che dalla scadenza della polizza auto, hai anche a disposizione 15 giorni di tolleranza per decidere se restare con la vecchia compagnia oppure cambiarla. In questo lasso di tempo la vecchia polizza resta comunque in vigore, per cui saresti tutelato nel caso in cui fossi coinvolto in un incidente.

Così mentre prima del 2013 chi decideva di passare ad una nuova compagnia era tenuto a comunicare alla vecchia società la disdetta assicurazione auto (questo era il modello di disdetta rc auto da utilizzare), con un preavviso di soli 15 giorni sulla data di scadenza, oggi tutto questo non è più necessario.

Non solo. Nel caso di passaggio a nuova compagnia non è necessario produrre neppure l’attestato di rischio, che dal 1° Luglio 2015 è disponibile anche in formato elettronico, cosicché le imprese di assicurazione possano acquisirlo accedendo direttamente al database gestito dall’ANIA, Associazione Nazionale delle Imprese Assicuratrici, sotto il controllo dell’IVASS.

Chiaramente prima che l’attuale polizza giunga a scadenza è opportuno non farsi cogliere impreparati e passare al setaccio le tante offerte presenti sul mercato. In questo il web ti da una grossa mano grazie soprattutto ai tanti siti confronta prezzi: facile.it, chiarezza.it, cercassicurazioni.it, segugio.it, assicurazione.it, 6sicuro.it, ecc. a cui si aggiunge il servizio “tuopreventivatore” dell’Ivass.

Tuttavia capire il funzionamento dei portali che confrontano i prezzi delle polizze auto è fondamentale per evitare di cadere in vere e proprie trappole. Occhio anche ai siti irregolari, in questo articolo trovi qualche prezioso consiglio su come riconoscerli ed evitarli.

Per il resto è importante che in un confronto tra le diverse proposte non ci si limiti ad analizzare il prezzo, ma si estenda la valutazione anche ad altri elementi come il massimale di garanzia, la franchigia, le garanzie accessorie, le cause di esclusione e rivalsa e così via. Ne abbiamo parlato in maniera approfondita nell'articolo "Polizza Rc auto: ecco a cosa stare attenti per scegliere la migliore".

Considera che grazie alle novità introdotto con l’ultimo DDL sulla Concorrenza, hai la possibilità di usufruire di sconti se vivi in zone ad elevato rischio di incidenti stradali e nel caso in cui tu decida di installare la scatola nera e l’etilometro a bordo del tuo veicolo (leggi "Assicurazione Auto: le novità introdotte dal DDL Concorrenza").

Disdetta assicurazione auto: garanzie accessorie

Si è detto che con l'abolizione della regola del tacito rinnovo, non è più necessario provvedere alla disdetta assicurazione auto. E' bene rimarcare che questa novità riguarda non solo l'assicurazione obbligatoria di responsabilità civile, conosciuta anche come RC Auto, ma anche le polizze aggiuntive non obbligatorie, ossia quelle che si sottoscrivono per tutelarsi contro eventuali danni derivanti ad esempio da furti, incendi o atti vandalici (ci riferiamo alle cosiddette "garanzie accessorie"). Dunque anche queste decadono automaticamente a scadenza, ma solo se stipulate contestualmente alla sottoscrizione della polizza rc auto. Questa è una delle novità introdotte dall'ultimo DDL sulla Concorrenza.

Se invece sono state contrattualizzate in un momento successivo, tali polizze potranno essere disdette anche prima della scadenza, inviando alla compagnia - con un preavviso di 60 giorni - una comunicazione (tramite raccomandata con avviso di ricevimento) con cui si chiede appunto la disdetta delle garanzie accessorie e contestualmente il rimborso della parte di premio pagato ma non goduto. Questo il modulo di disdetta garanzie accessorie polizza auto.

Disdetta assicurazione auto prima della scadenza annuale

Oltre al caso appena visto, che interessa tuttavia solo le garanzie accessorie, ve ne sono altri in cui è possibile comunicare la disdetta assicurazione auto prima della naturale scadenza del contratto. I casi più ricorrenti in cui è possibile disdire la polizza di responsabilità civile prima della scadenza riguardano:
- furto o incendio del veicolo;
- vendita o rottamazione dell'auto;
- decesso dell'intestatario della polizza.

Quando ricorrono queste situazioni, dunque, puoi comunicare alla tua compagnia la disdetta assicurazione auto e contestualmente chiedere il  rimborso del premio non goduto, chiaramente al netto delle tasse e delle imposte. Vediamo di analizzare in dettaglio le singole situazioni.

Disdetta assicurazione auto demolita

Decidi di acquistare una nuova auto, ma che farne della vecchia? Chiaramente se ha un valore, seppur minimo, puoi venderla privatamente oppure rifilarla al concessionario nel caso in cui ti consenta di godere di un ulteriore sconto. Diversamente non resta che rottamarla. In tutti i casi la cosa che devi fare è semplicemente quella di trasferire l'attuale polizza dal vecchio al nuovo veicolo, almeno fino alla sua scadenza quando potrai decidere se rinnovarla o rivolgerti ad una nuova compagnia.

Discorso diverso, invece, è se decidi di rottamare la tua auto per lasciarti solo la moto o per fare una scelta pratica, salutare ed ecologica: andare in bicicletta. In questi casi puoi comunicare la disdetta assicurazione auto anche prima della scadenza e chiedere alla compagnia che ti rimborsi la quota parte del premio relativa al periodo in cui non hai goduto dell'assicurazione. Facciamo un esempio: se la tua polizza auto scade il 31 Maggio 2018 e il tuo mezzo è stato rottamato il 30 Settembre 2017, hai diritto al rimborso del premio per il periodo che va dal 1 Ottobre 2017 al 31 Maggio 2018, in totale 7 mesi.

Questo il modulo di disdetta/annullamento assicurazione auto per rottamazione che puoi scaricare gratuitamente dal nostro portale e personalizzare sulla base delle tue specifiche esigenze. Alla stessa dovrai allegare il certificato di assicurazione, l'eventuale carta verde e la documentazione relativa all'avvenuta demolizione dell'auto.

Disdetta assicurazione auto venduta

Quanto detto per la demolizione va anche in caso di vendita dell'auto. Anche in questo caso, infatti, puoi trasferire la polizza sul nuovo veicolo, nel caso in cui sia tua intenzione acquistarne un altro, oppure chiedere la disdetta assicurazione auto qualora tu abbia deciso di abbandonare definitivamente l'auto per i tuoi spostamenti e affidarti a mezzi alternativi come il bus e il treno. Anche in questo caso puoi chiedere alla compagnia il rimborso del premio assicurativo per il periodo che intercorre tra la data di vendita dell'auto e la scadenza del contratto assicurativo.

Questo il modulo di disdetta/annullamento assicurazione auto per vendita. Alla stessa dovrai allegare il certificato di assicurazione, l'eventuale carta verde e la  documentazione che certifichi la vendita del mezzo.

Disdetta assicurazione furto incendio auto

La disdetta assicurazione auto può essere data anche in caso di furto o incendio del veicolo. In questi casi la prima cosa da fare è sporgere denuncia alle autorità di Polizia. Se trascorso un certo periodo di tempo l'auto non viene ritrovata, non ti resta che inoltrare alla compagnia questo modulo di disdetta/annullamento assicurazione auto per incendio / furto. Nel caso specifico ti verrà rimborsato la quota di premio della polizza rc auto per il periodo che va dal giorno successivo alla denuncia di furto fino a quello di scadenza della polizza. Non ti viene invece rimborsata la parte di premio relativa alla garanzia di furto o incendio, qualora tali garanzie accessorie siano previste dalla tua polizza auto.

Questo il modulo di disdetta/annullamento assicurazione auto per incendio / furto. Alla stessa dovrai allegare certificato di assicurazione, carta verde (se rilasciata) e denuncia effettuata in Questura o presso il Comando dei Carabinieri.

Disdetta assicurazione auto per decesso titolare

Cosa accade, invece, in caso di decesso del contraente della polizza auto? Si tratta di una situazione di cui abbiamo già parlato nell'articolo "Morte di un parente: le cose da sistemare". In quella occasione abbiamo scritto che al verificarsi di un simile evento gli eredi del defunto devono comunicare tempestivamente alla compagnia la disdetta assicurazione auto. Questo il fac simile disdetta rc auto in caso di decesso. Alla lettera allegare il certificato di morte e quello di assicurazione, oltre ad una copia del documento di identità dell'erede.

Sempre in quella occasione abbiamo scritto che in una simile situazione purtroppo non è possibile ereditare la classe di merito dal momento che la legge Bersani consente questo passaggio solo fra familiari conviventi (leggi “Come ereditare la classe di merito assicurazione”). L'unico soggetto che potrebbe beneficiarne è il coniuge, ma solo se la coppia viveva in regime di comunione dei beni.

Disdetta assicurazione auto entro 14 giorni

Concludiamo questo articolo parlandoti della disdetta assicurazione auto entro 14 giorni dalla stipula del contratto. Ci riferiamo in particolare al diritto di ripensamento, ossia alla facoltà attribuita a quegli utenti che decidono di sottoscrivere una polizza auto a telefono o tramite uno dei tanti siti online ("a distanza"), oppure "fuori dai locali commerciali", ossia non negli uffici della compagnia assicurativa, ma ad esempio presso un punto informativo dislocato in un centro commerciale o in una fiera-mercato.

Ebbene quando ricorrono situazioni di questo tipo, il cliente che ritiene di aver commesso un errore nel sottoscrivere quel contratto (ha dimenticato di inserire certe coperture assicurative o più semplicemente ha trovato nel frattempo una proposta migliore), può comunicare alla compagnia la propria volontà di recedere, senza fornire alcuna giustificazione e senza che sia tenuto al pagamento di commissioni o penali.

L'importante è che eserciti questo suo diritto entro 14 giorni dalla data di decorrenza del contratto. Se dopo aver sottoscritto un contratto online non dovesse ricevere nei 14 giorni successivi la relativa documentazione, il cliente avrebbe addirittura un anno per esercitare il diritto di ripensamento, a decorrere dal momento in cui viene in possesso del fascicolo informativo.

Anche in questo caso il cliente ha il diritto di ricevere il rimborso del premio pagato e non goduto al netto delle imposte e del Servizio Sanitario Nazionale.

Questi il modulo di recesso assicurazione auto per ripensamento. Se non hai provveduto alla loro distruzione, dovrai allegare certificato di assicurazione ed eventuale carta verde.

Documenti correlati



Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio