Disdetta Telecom: moduli e istruzioni

disdetta telecom, disdetta telecom italia

Telecom Italia è senz'altro la più grande azienda di telecomunicazioni italiana. Nel settore della telefonia mobile è seconda soltanto a Wind, mentre in quello della telefonia fissa è prima con oltre il 50% del mercato. Ricordiamo che dal 2015 TIM, inizialmente associato al mobile, è diventato l'unico marchio commerciale per tutti i servizi e le offerte di Telecom Italia. Invece è proprio di questi giorni la notizia secondo cui il Consiglio di Amministrazione di TIM ha approvato il progetto di creazione di una nuova società, controllata al 100% da TIM, che rappresenterà l’unica interfaccia per i servizi di accesso alla rete di telefonia fissa. Vicende societarie a parte, scegliere Telecom come partner significa poter contare su una infrastruttura tecnologica all'avanguardia, su soluzioni in grado di soddisfare le più avanzate e sofisticate esigenze del cliente, su offerte commerciali convenienti e su un'assistenza tecnica commerciale davvero efficace. Chiaramente quando si sceglie una compagnia telefonica si può anche andare incontro a degli inconvenienti, dovuti ad esempio ad un rapporto nato male con l'agente di vendita (l'importo in fattura è più alto al prezzo che ti era stato promesso), oppure ad una inefficienza del servizio (adsl lenta), legata ad esempio alla tua localizzazione geografica. In questi casi se non si trova una soluzione al problema, si finisce quasi sempre per chiedere la disdetta Telecom e per passare ad un altro operatore. Anche tu hai ricevuto un disservizio e stai valutando se procedere o meno con la disdetta? Bene allora questo articolo ti sarà molto prezioso visto che ti fornirà istruzioni e modulistica per effettuare la disdetta contratto Telecom.

Disdetta Telecom 14 giorni

Sei al supermercato per tutt'altre faccende, quando vieni fermato da una avvenente signorina che staziona nei pressi di un box con marchio TIM: lei inizia con qualche domanda ("ha l'adsl a casa?", "potrebbe interessarle parlare e navigare ad un costo di 19 euro al mese per sempre?"), tu dici che vai di fretta, cerchi di tirar dritto, ma all'invito della signorina di "ascoltare senza impegno la proposta" finisci per cedere: il contratto viene firmato in men che non si dica. Torni a casa, ne parli con tua moglie che subito parte con le accuse: "sei sempre il solito che si lascia convincere con estrema semplicità...", "lo sai che nessuno ti regala niente ...", ecc. 

A te sembrava tutto sommato una proposta interessante, ma pur di non creare dissidio in famiglia decidi di recedere dal contratto. Nel caso specifico devi sapere che la disdetta Telecom (tecnicamente sarebbe più corretto parlare di "recesso") può essere data senza specificarne i motivi e senza pagare alcun costo o penale. L'importante è farlo entro 14 giorni dalla data di perfezionamento del contratto. Si chiama "diritto di ripensamento" e spetta non soltanto per i contratti conclusi fuori dai negozi TIM, ma anche per i contratti cosiddetti a distanza, ossia sottoscritti per telefono oppure tramite il sito Internet della compagnia.

Come si fa la disdetta Telecom 14 giorni? È semplicissimo: puoi scaricare questo modulo di recesso Telecom entro 14 giorni, compilarlo in ogni sua parte, allegare una copia del documento d’identità in corso di validità e spedirlo tramite raccomandata con ricevuta di ritorno al numero di fax ovvero all'indirizzo postale indicato dal Servizio Clienti che risponde ai numeri 187 (clienti residenziali) e 191 (clienti business). Dunque il consiglio che ti diamo è di non fidarti troppo degli indirizzi che trovi sui vari siti o blog, per il semplice fatto che nel frattempo potrebbero essere variati. Per evitare, dunque, di inoltrare una lettera ad un indirizzo sconosciuto o non più valido, consigliamo una telefonata per accertarsi che l'indirizzo sia quello aggiornato.

Nel caso in cui avessi subito già un primo addebito, non preoccuparti perchè l'azienda ti rimborserà le eventuali somme corrisposte entro 14 giorni dalla data di ricezione della comunicazione di disdetta Telecom. Come lo farà? Utilizzando le stesse modalità impiegate per l'addebito, a meno che tu non preferisca ricevere il rimborso in altro modo.

Attenzione: tale rimborso non ti spetta se hai richiesto espressamente di attivare il servizio durante il periodo di recesso di 14 giorni e l'attivazione sia avvenuta proprio entro questo termine. Così se il servizio ti viene attivato dopo 5 giorni e tu comunichi la disdetta Telecom in coincidenza con il 14esimo giorno, l'azienda ti addebiterà i costi relativi al servizio fruito nei 9 giorni.

Disdetta Telecom passaggio ad altro operatore

Sei a lavoro quando ricevi la chiamata di un commerciale appartenente ad una compagnia telefonica concorrente: ascolti la sua proposta e ti sembra davvero interessante, ma preferisci vederci chiaro e così richiedi un appuntamento nel tuo ufficio. Le sensazioni positive ricevute a telefono vengono confermate anche nel corso dell'incontro: gli poni mille domande, gli mostri le fatture TIM per capire meglio come potrebbero migliorare le singole voci di spesa, gli chiedi di visionare il contratto: insomma ti sembra davvero un'ottima proposta e così decidi di sottoscriverla.

Visto che in una simile ipotesi la tua intenzione non è quella di cessare la linea telefonica (sarebbe deleterio per la tua ditta), ma  semplicemente quella di passare alla concorrenza, non devi far altro che comunicare all'agente che è venuto a trovarti in ufficio il tuo codice di migrazione (basta prendere l'ultima bolletta telefonica e mostrargliela), oltre a tutti gli altri dati. Quindi firmare il contratto e riceverne in cambio una copia.

Tempo qualche giorno (10/15) e sarai contattato dai tecnici del nuovo operatore telefonico per la fornitura e l'installazione del modem o del router e per tutto quanto sia necessario alla corretta fruizione dei servizi sottoscritti. A tal proposito ricorda che i tecnici della compagnia telefonica non possono richiedere compensi per l'attività svolta se ciò è previsto dal contratto di abbonamento.

disdetta contratto telecom

Disdetta definitiva telecom

Hai ricevuto una proposta di lavoro da una importante azienda olandese: si tratta di una realtà solida, inoltre il lavoro che ti è stato offerto risponde appieno alla tua formazione e ai tuoi interessi, il salario è più che soddisfacente, non mancano i benefit aziendali così come la possibilità di carriera. Insomma una proposta a cui non puoi rinunciare. Ne parli con la tua compagna e in poco tempo decidete di trasferirvi nel paese dei tulipani.

Certo se il trasferimento fosse all'interno dei confini nazionali, potresti fruire di "Telecom trasloco", un servizio che ti consente, nell'arco di 10 giorni dalla richiesta, di trasferire la tua linea telefonica e perfino di mantenere lo stesso numero, chiaramente se tecnicamente possibile. Per questo servizio sei tenuto a corrispondere un contributo ed eventuali corrispettivi preventivamente comunicati da TIM.

Lo stesso servizio chiaramente non è disponibile nel caso in cui ci si trasferisca all'estero. In una ipotesi del genere sono tante le cose da sistemare: disdetta del contratto di locazione, del canone Rai, della tassa sui rifiuti, delle diverse utenze, ecc. E' chiaro che se non intendi mettere in vendita l'attuazione abitazione, può avere un senso lasciare attive le forniture di luce e acqua, meno quella del gas. Del tutto inutile, invece, continuare a pagare l'abbonamento per un servizio di telefonia se i tuoi rientri a casa saranno sporadici nel corso dell'anno, magari per pochissimi giorni. Meglio optare in questi casi per la disdetta definitiva Telecom, intesa come cessazione defintiva del servizio.

A tal proposito devi sapere che la durata del contratto è di 24 mesi dalla data del suo perfezionamento; in caso di mancata disdetta Telecom, da comunicarsi per iscritto con un preavviso di almeno 30 giorni rispetto alla data di scadenza, il contratto si rinnova a tempo indeterminato. Ciò detto Telecom ti consente di recedere dal contratto in qualsiasi momento: basta una comunicazione scritta da inoltrare, tramite raccomandata con avviso di ricevimento, con un preavviso di almeno 15 giorni. Per quanto riguarda l’indirizzo di spedizione ti consigliamo di reperirlo anche in questo caso sulla bolletta TIM oppure chiamando il Servizio Clienti che risponde ai numeri 187 (clienti residenziali) e 191 (clienti business).

Questa la modulistica che trovi sul nostro portale:

Ricorda di allegare alla comunicazione una fotocopia di un valido documento di identità.

Se ai fini del recesso vuoi evitare di perdere tempo e soldi per la raccomandata, sappi che puoi optare per la disdetta Telecom online, ossia fare tutto tramite il sito web www.tim.it. L'ultima opzione è rappresentata dal Servizio Clienti 187 o 191. Tra le modalità segnalate noi consigliamo sempre la raccomandata.

Indipendentemente dal momento in cui comunichi la disdetta Telecom, ti saranno addebitati in bolletta gli importi relativi:

  • al servizio fruito fino alla data di efficacia della disdetta/recesso;
  • all'ultimo mese di abbonamento al servizio;
  • ai costi di disattivazione. Tale costo ammonta a 35,18 euro nel caso di disdetta del servizio TIM Voce, TIM Adsl, oppure TIM Voce+TIM Adsl, ma può lievitare fino a 99 euro nel caso avessi sottoscritto il servizio TIM Fibra. Tali costi non sono dovuti qualora la disdetta Telecom sia dettata da modifiche unilaterali del contratto da parte di TIM oppure da disservizi o inadempienze da parte di quest'ultima.

Disdetta Telecom per decesso

Con la scomparsa del tuo genitore, in qualità di unico erede, devi decidere se subentrare nel contratto di telefonia oppure chiedere la disdetta Telecom. Opti per la cessazione definitiva della linea: compili, dunque, il modulo di disdetta contratto di telefonia per decesso, alleghi alla lettera il certificato di morte e una fotocopia di un tuo documento di identità e del tuo codice fiscale, quindi spedisci il tutto - mediante raccomandata con avviso di ricevimento - all'indirizzo che ti sarà comunicato dal Servizio 187.

Disdetta Telecom variazioni contrattuali

Un bel giorno ricevi una lettera con cui la compagnia ti informa che dal mese successivo il canone di abbonamento subirà un aumento di 5 euro. Amareggiato ti chiedi: “ma può farlo? Io ho sottoscritto non più di 1 anno fa un contratto a 29,90 euro al mese … per sempre! Come può la compagnia cambiare le carte in tavola a distanza di così poco tempo?”. Comprendiamo la tua rabbia, ma in questi casi, purtroppo, non c’è nulla a cui appellarsi: Telecom, infatti, ma lo stesso vale per Wind, Vodafone o Fastweb, ha la facoltà di apportare in qualunque momento modifiche alle proprie condizioni contrattuali, ciò per esigenze di natura tecnica, per mutamenti delle politiche commerciali, per cambiamenti della disciplina normativa, per mutamenti delle condizioni del mercato o per altre motivazioni. Si parla in proposito di modifiche unilaterali di contratto: se dai un'occhiata alle Condizioni generali di abbonamento al servizio è messo tutto nero su bianco dall'art. 13.

Per fortuna la legge (art. 70, comma 4 del Codice delle Comunicazioni Elettroniche) viene incontro alle esigenze del consumatore, stabilendo che la società è tenuta ad informare il proprio cliente con almeno 30 giorni di preavviso. In questo lasso di tempo il cliente che non intende accettare le nuove condizioni, può richiedere la disdetta contratto Telecom senza che gli siano addebitati costi o penali.

Tornando al tuo caso, se non intendi minimamente accettare l’aumento del canone di 5 euro, non devi far altro che compilare e spedire questo modulo disdetta Tim per variazioni condizioni contrattuali ed economiche. Se ti dimentichi di farlo oppure inoltri questa comunicazione oltre i termini stabiliti, l’aumento del canone si considererà da te accettato.

Disdetta Telecom restituzione modem

Qualunque sia il motivo che ti abbia portato a separarti da Telecom, ricorda sempre di restituire gli apparecchi telefonici a noleggio: modem, telefono, ecc. Tali apparecchi vanno restituiti entro e non oltre 30 giorni dalla data della cessazione del contratto; in particolare vanno spediti a tue spese al seguente indirizzo:

Telecom Italia S.p.A. c/o Geodis Logistics
Magazzino Reverse A22
Piazzale Giorgio Ambrosoli snc
27015 Landriano PV

Non dimenticare di inserire nella scatola questo modulo riconsegna apparecchiature per disdetta Telecom debitamente compilato e sottoscritto.

Se non vuoi ricorrere alla spedizione, puoi farlo di persona, ma solo ed esclusivamente presso i seguenti negozi TIM:

  • ROMA: Viale Liegi, 31
  • MILANO: Piazza Cordusio snc - ang. Via Broletto
  • NAPOLI: Centro Direzionale - Isola A4
  • PALERMO: Via della libertà, 37/d
  • TREVISO: Via XX Settembre, 2

Dunque attenzione perchè non tutti i negozi TIM sono abilitati al ritiro delle apparecchiature. Inoltre tieni presente che i negozi TIM, inclusi quelli sopra segnalati, non sono in ogni caso abilitati al ritiro dei modem.

Spedizione o negozio TIM, è importante che tu restituisca le apparecchiature entro i termini previsti. Se te ne dimenticassi o lo facessi in ritardo, ti vedresti addebitare in bolletta la penale prevista dalle condizioni di contratto per inadempienze di questo tipo.

Disdetta Telecom non accetata

C'è da dire che Telecom mette a disposizione dei propri clienti diversi canali di assistenza. Dunque se hai dubbi con riferimento al procedimento di disdetta Telecom (vuoi conoscere meglio i costi che ti saranno addebitati, avere conferma sull'indirizzo di spedizione, ecc.), sappi che a tua disposizione ci sono canali telefonici (187 per i clienti residenziali e 191 per i clienti business), disponibili 7 giorni su 7 dalle ore 07:00 alle 22:30, e canali telematici (sito ufficiale, Facebook e Twitter). Se preferisci, invece, fare tutto tramite il tuo smartphone, allora devi scaricare l'APP MyTIM Fisso.

Se hai fatto le cose nella maniera giusta non ci dovrebbero essere problemi nel processare la tua richiesta di disdetta Telecom. Tuttavia se si dovessero determinare dei ritardi, se in occasione della disdetta dovessero esserti addebitati dei costi non previsti, non esitare ad esporre il tuo reclamo nei confronti dell'azienda. Puoi farlo attraverso il canale telefonico oppure per iscritto. Se la controversia non si risolve, prima di rivolgerti all'avvocato e portare la questione davanti al Giudice, hai l'obbligo di ricorrere alla conciliazione paritetica oppure al Corecom, due procedure atte alla soluzione extragiudiziale delle controversie in materia di consumo.

Documenti correlati



50552 - gianfranco
10/10/2017
Ho aderito ad una offerta della tim (telecom) per la mia linea telefonica che è lentissima. E' venuto un funzionario e mi ha fatto firmare un contratto senza il rilascio di una copia promettendomi che me la avrebbe fatta avere per mail nel frattempo sono stato contattato telefonicamente per la conferma ma a condizioni diverse da quelle promessami, posso disdire in attesa che mi arrivi la copia del contratto e vedere cosa ho firmato, saluti.

50487 - Redazione
02/10/2017
Francesco, si certo può farlo e senza costi per giunta. L'importante è comunicare il recesso entro i 30 giorni successi dalla lettera con cui Telecom le comunica questa novità.

50483 - Francesco
02/10/2017
E' possibile disdire con Telecom per aver portato la fatturazione da un mese a quattro settimane, in barba ad un contratto ultradecennale basato su costi mensili? Saluti e Grazie

50423 - domenico
28/09/2017
Ho acquistato un offerta della tim per il telefono fisso Tim Smart casa in data 8/8/2017 e all'epoca per accelerare i tempi ho deciso di non avvalermi del diritto di recesso di 14 giorni ora però l'allaccio della linea non è stato concluso per problemi della tim e solo il 2/10/2017 dovrebbero allacciarmi la linea. Posso decidere di recedere dal contratto entro i 14 giorni dalla effettiva attivazione o dovrò pagare delle penali?

50082 - Redazione
28/07/2017
Amedeo, per una connessione adsl lenta o comunque più lenta rispetto alle condizioni pubblicizzate e contrattualizzate, ha il diritto di recedere senza penali. In proposito abbiamo scritto questo articolo "Connessione lenta? Si può disdire senza spese".

50060 - Amedeo
26/07/2017
Salve sono cliente telecom da 30 anni, disabile non udente l'anno scorso la mia alice 7 mega, che era sempre andata a 4 mega è scesa a 3 mega dopo che han provato a farmi allacciare la fibra che io non avevo richiesto, visto il calo ho dovuto accettare la fibra 100 con sconto di 5 euro mese per la mia anzianità. La linea soffre di microdisconnessioni che mi impediscono di usare la playstation online, problema iniziato subito, la velocità che inizialmente era di quasi 50 mega è rapidamente scesa a 36... le ho provate tutte nonostante i miei problemi a telefonare ma nulla... il tecnico più sincero che han mandato ha riscontrato il problema per tutto il condominio in cui abito ed ha detto che così com'è la linea non può funzionare bene... Io vorrei disdire perchè pagare un servizio difettoso non lo tollero ma mi prospettano di dover pagare molto di penale. Cosa posso fare? Grazie

49931 - Vincenzo
15/07/2017
Buongiorno ho richiesto disdetta linea fissa e ADSL tramite 187. Il primo operatore mi dice di aver avviato la pratica. Dopo circa una 15 di gg ricontato 187 e l'operatore mi dice che la disdetta può essere fatta solo con raccomandata AR. Faccio la raccomandata. Vengo poi ricontattato da un operatore che chiama da Roma che mi informa che la documentazione inviata è regolare e che però, prima di 4 mesi la linea non potrà essere cessata per motivi tecnici e di non utilizzarla per effettuare chiamate ma solo per ricevere. In questo lasso di tempo riceverò la bolletta a zero. Va bene rispondo io. Dopo una ventina di gg controllo tramite app e risulta che la mia disdetta è stata annullata. Contatto 187 e l'operatore mi dice che la mia disdetta risulta annullata in quanto ho a accettato quattro mesi a canone zero indi ripartirà!!! Inviperito chiedo che venga aperto reclamo formale e disdetta definitiva linea, cosa che l'operatore mi dice di aver fatto. Non so più cosa fare!!! Altra raccomandata???

49806 - Redazione
29/06/2017
Sergio, più che alle vie legali le consigliamo il ricorso al Corecom, una procedura più snella, efficace e meno costosa. Trova tutte le informazioni in questo articolo.

49787 - SERGIO B.
27/06/2017
Da più di tre mesi cerco di disdire la mia linea fissa. Non mi serve più! Tra poco mi trasferisco pure all estero. Parlato la prima volta con operatrice "non occorre raccomandata faccio tutto io direttamente". Dopo un mese richiamo in quanto linea ancora attiva. Operatore risponde "le hanno detto una fesseria, deve inviare raccomandata con ricevuta di ritorno". Invio tutto ma dopo altro mese nulla di fatto! Richiamo terza volta, operatore mi dice "non si preoccupi le faccio tutto io, non serve più raccomandata, abbia pazienza", ma ogni settimana cambiano le regole. Passa altro tempo e mi chiama sul cellulare, che avevo inserito nella disdetta, una operatrice e mi chiede: "perchè vuole disdire la linea": Faccio presente di averlo scritto nella raccomandata, di cui ho ricevuta di ritorno debitamente firmata da Tim/telecom. Operatrice "io non ho nulla al computer a suo nome mi dica il numero della raccomandata. Il giorno successivo mi ritelefona e col numero da me comunicato, mi dice ok, tutto a posto, raccomandata ricevuta, tra una settimana staccheremo la linea, dovrà pagare bla bla bla ma mi dica ancora perchè vuole disdire la linea" E NON E' FINITA QUI! Proprio stasera mi richiama e mi chiede di inviarle un fax con la fotocopia ricevuta di ritorno della racc. di nuovo fotocopia documento e comunicare ancora e ancora e ancora PERCHE' voglio disdire la linea. Dire che mi sento preso in giro è poco! Mi sento ostaggio di questa Azienda (ma è il nome corretto?) BASTA BASTA! Che posso fare? Vorrei denunciarli legalmente, anche se dovesse costarmi 100 per recuperare 1. A chi posso rivolgermi? abito a Torino. Ringrazio di cuore se mi vorrete rispondere. Cordiali saluti

49617 - Redazione
12/06/2017
Gerolamo, deve disdire il contratto secondo le modalità riportate nell'articolo.