Modulo carta acquisti 65 anni editabile

Formati
PDF   Modulo di domanda
PDF   Guida alla compilazione
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa

Descrizione

Modulo con cui i beneficiari con 65 anni o più in possesso di particolari requisiti oggettivi possono chiedere il rilascio della Carta Acquisti (o Social Card).

Modulo carta acquisti 65 anni: chi può utilizzarlo

Ricordiamo innanzitutto che la Carta Acquisti è completamente gratuita, funziona come una normale carta di pagamento elettronica e, una volta ottenuta, viene periodicamente ricaricata dallo Stato senza ulteriori formalità o richieste.

Per l'esattezza vale 40 euro al mese e viene caricata ogni due mesi con 80 euro (40 euro x 2 = 80 euro) sulla base degli stanziamenti via via disponibili. E' utilizzabile per il sostegno della spesa alimentare, sanitaria e il pagamento delle bollette della luce e del gas. Con la Carta Acquisti si possono anche avere sconti nei negozi convenzionati che sostengono il relativo programma.

Possono utilizzare il modulo carta acquisti 65 anni coloro che:

  • hanno un'età non inferiore a 65 anni;
  • sono cittadini italiani o di uno Stato appartenente all’Unione Europea; ovvero cittadini stranieri in possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo
  • sono regolarmente iscritti all’Anagrafe comunale;
  • percepiscono un reddito annuo non superiore a 6.938,78 € (9.251,71 € se l'età è superiore a 70 anni);
  • hanno un ISEE inferiore a 6.938,78 €;
  • soddisfano altri requisiti: risultano al massimo intestatari di una utenza domestica di luce e gas, non posseggano più di un'auto, non dispongano di un patrimonio superiore ad una certa soglia, ecc.

La Carta Acquisti si potrà richiedere negli Uffici Postali presentando questo modulo di richiesta con la relativa documentazione.

Come compilare il modulo carta acquisti 65 anni

Per quanto attiene alla compilazione del modulo, ricordiamo:

  • di inseriere al quadro 1 il Codice fiscale, le generalità, l'indirizzo di residenza e gli estremi di un documento di riconoscimento in corso di validità, compilando tutte le parti in bianco, con una croce nella rispettiva casella, indicare se si è celibe/nubile, separato/a, divorziato/a, vedovo/a, ovvero se coniugato/a.
    In quest'ultimo caso si dovrà compilare il quadro 2 con i dati del coniuge. Si ricordi che:
    - per residenza si intende la residenza anagrafica (risultante nello Stato di famiglia) e non il domicilio;
    - il codice fiscale deve essere quello attribuito dall'Agenzia delle entrate;
  • di inserire al quadro 2 le generalità del coniuge (valgono le stesse indicazioni del quadro 1 su residenza e codice fiscale). Il criterio per l'individuazione del coniuge è quello che si utilizza nella dichiarazione ISEE;
  • di apporre un segno di spunta in corrispondenza del blocco riservato alle "Dichiarazioni obbligatorie del beneficiario";
  • di riportare al quadro 3 ulteriori dati (numero di componenti del nucleo familiare, numero POD e potenza impegnata) necessari per accedere alla tariffa elettrica agevolata sull'utenza attiva presso la residenza e individuata dal numero POD. Il numero POD e la potenza impegnata sono dati reperibili nella bolletta elettrica. Il recapito telefonico che si indicherà potrà essere utilizzato dal Ministero dell'Economia e delle Finanze, dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, dall'INPS e da Poste Italiane, esclusivamente per comunicazioni di servizio relative alla Carta Acquisti. In assenza degli ulteriori dati, è possibile comunque ottenere, se in possesso dei requisiti, i contributi connessi alla Carta Acquisti;
  • di compilare il quadro 4 nel solo caso in cui si chieda l'intestazione della carta acquisti ad un soggetto diverso dal beneficiario. Può capitare, infatti, che per problemi di natura fisica il beneficiario non possa fisicamente recarsi all'Ufficio Postale e utilizzare la Carta per effettuare le proprie spese. In questi casi è possibile chiedere l'intestazione della Carta Acquisti ad una persona di propria fiducia, che ne diverrà il titolare a tutti gli effetti. Al quadro 4 dovranno essere riportate le generalità della persona scelta come titolare. In questo caso è il titolare che, dopo aver sottoscritto per accettazione il quadro 4, dovrà presentare personalmente la domanda per la Carta Acquisti. La stessa persona non potrà essere delegata da più di due beneficiari, fatti salvi i tutori che posseggono più   deleghe per espresso incarico dell'autorità giudiziaria e chi, per ragioni del proprio ufficio, utilizza il beneficio per conto di ricoverati in case di cura o di assistenza per anziani oppure di residenti che vivono in comunità di anziani o comunità religiose;
  • al quadro 5, sono indicati tutti i documenti che devono essere allegati alla domanda;
  • al quadro  6, prima di firmare, ricordarsi di leggere l'“Informativa (disponibile anche presso gli Uffici Postali o sui siti internet indicati sotto) contenente le modalità e le informazioni per l'utilizzo della Carta Acquisti” e l'esercizio dei propri diritti. L'autocertificazione dei requisiti è un atto molto importante che espone il dichiarante a responsabilità penali in caso di falsa dichiarazione;
  • Il quadro 7, non deve essere compilato (sarà compilato dall'addetto di Poste Italiane quando presenterà la domanda).

Al modulo vanno allegati:

  • fotocopia del documento di identità;
  • attestazione ISEE;
  • fotocopia del documento di identità dell'eventuale persona delegata.

Per approfondimenti sul tema, consigliamo la lettura dell'articolo: "Carta acquisti: un contributo di 40 euro mensili per famiglie disagiate e numerose".

Tags:  carta acquisti social card

Documenti correlati
 
Social
 
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa

Utilità