tassazione affitti

Cedolare secca affitti 2019: cos'è, come funziona e a chi conviene

cedolare secca affitti 2019

La cedolare secca affitti, che sta riscuotendo un crescente interesse nel settore degli affitti abitativi, è un regime facoltativo di tassazione sulle locazioni di determinati immobili, una sorta di "flat tax" che sostituisce Irpef, addizionali regionali e comunali, imposta di registro e imposta di bollo. La tassazione agevolata è fissa al 21% oppure al 10% in caso di locazione a canone

Locazioni brevi: tutto quello che c'è da sapere

locazioni brevi, locazioni brevi adempimenti

Se in certi periodi dell'anno sei solito affittare la tua seconda casa ai vacanzieri, faresti bene a prendere nota delle novità che il Decreto Legge n. 50/2017 ha introdotto a partire già dallo scorso mese di Giugno. Ci riferiamo in particolare alla possibilità di ricorrere per questo genere di affitti, normalmente di durata non superiore a 30 giorni, e che la legge definisce

Cedolare secca al 10%: proroga fino al 2019

cedolare secca 10%, cedolare secca canone concordato

Con la legge di Bilancio 2018 il Governo ha provveduto a prorogare per il biennio 2018-2019 la cedolare secca al 10%. In particolare di questa aliquota ridotta possono beneficiare coloro che concedono in locazione - a privati e non ad aziende - un appartamento ubicato in un comune ad alta densità abitativa o dichiarato in stato di emergenza nei 5 anni

Agevolazioni fiscali per acquisto, ristrutturazione e affitto di immobili

agevolazioni fiscali, agevolazioni fiscali prima casa 2016

Stando ai dati diffusi dall’Istat e pubblicati nell’informativa ministeriale “Casa? Cosa è possibile”, l’immobile di proprietà resta una prerogativa degli italiani: l’81,5% dei nuclei familiari, infatti, possiede una casa nella quale risiede abitualmente. Certo, la crisi economica non ha affatto

Clausola contrattuale per applicazione regime "cedolare secca"

Clausola da inserire in contratto nel caso in cui si opti per il regime della "cedolare secca" già dal suo inizio (art. 3 del D.Lgs 14/03/2011 n. 23).

Per maggiori informazioni sull'argomento, si segnala l'articolo "Cedolare secca sugli affitti: che cos'è, come funziona e a chi conviene".

Lettera al conduttore per adesione a cedolare secca

Fac-simile con cui il locatore comunica al conduttore la propria volontà di aderire al regime della cedolare secca sugli affitti e di rinunciare agli aggiornamenti ISTAT del canone annuale (art. 3 c. 11 del D.Lgs. n. 23 del 7 Marzo 2011).

Per maggiori informazioni sull'argomento, si segnala l'articolo "Cedolare secca sugli affitti: che cos'è, come funziona e a chi conviene".

La clausola per la cedolare secca nei nuovi contratti

cedolare secca conviene, cos'è la cedolare secca

Come sappiamo il D.Lgs. n. 23 del 7 Marzo 2011 ha introdotto, a partire dal 2011, un nuovo regime facoltativo di tassazione dei redditi derivanti dalla locazione per finalità abitative degli immobili e delle relative pertinenze (box e solai).