Quando e come proporre ricorso alla Corte europea dei diritti dell'uomo

ricorso corte europea dei diritti dell'uomo, ricorso corte europea strasburgo

La Corte europea è un tribunale internazionale con sede a Strasburgo, a cui privati cittadini e non solo possono ricorrere qualora ritengano che taluni diritti sanciti dalla “Convenzione Europea dei Diritti dell'Uomo” siano stati violati: diritto alla vita, diritto ad un equo processo, diritto al rispetto della vita privata e familiare, libertà di espressione, libertà di pensiero, coscienza e religione, diritto a disporre di un ricorso effettivo, diritto al rispetto dei propri beni, diritto di votare e di presentarsi come candidati.

Negli ultimi cinquant’anni la Corte si è occupata di molte problematiche, come l'aborto, il suicidio assistito, le perquisizioni personali, i casi di schiavitù domestica, lo sfruttamento nel lavoro, la questione del velo islamico nelle scuole e nelle università, la tutela della libertà di stampa, la
discriminazione contro i Rom, le questioni che riguardano l’ambiente.

Chi può ricorrere alla Corte europea

Possono presentare ricorso alla Corte:
- singole persone, un gruppo di persone, società o organizzazioni non governative, che intendano denuciare la violazione dei propri diritti;
- il singolo Stato contro un altro.

In realtà la maggior parte dei ricorsi in questi anni è stato presentato dagli individui contro gli Stati membri.

Contro chi si può ricorrere

Si può ricorrere solo contro uno o più Stati che abbiano ratificato la Convenzione, mentre sono inammissibili i ricorsi contro i singoli individui o contro le istituzioni di diritto privato, come le società commerciali. In particolare l'atto o gli atti contestati devono emanare da un’autorità pubblica dello Stato, come ad esempio da un tribunale o da una qualsiasi amministrazione pubblica.

Come si presenta un ricorso

Il ricorrente può adire la Corte compilando questo formulario e inviandolo per posta ordinaria. Queste invece le istruzioni per la compilazione del formulario. L’istruzione della pratica è gratuita. In questa fase non è necessaria l'assistenza di un legale, cosa che tuttavia diventa necessaria quando la Corte comunica il caso al Governo convenuto per le sue osservazioni.

La lettera o il formulario di ricorso devono essere inviati al seguente indirizzo:
The Registrar
European Court of Human Rights
Council of Europe
F-67075 Strasbourg cedex

Requisiti per l'ammissibilità del ricorso

Affinchè un ricorso possa essere dichiarato ammissibile dalla Corte è necessario che:

- il caso sia stato sottoposto all'esame della Corte solo dopo che siano state esperite tutte le vie di ricorso interne previste dall’ordinamento del proprio Stato fino al più alto grado di giudizio (nel caso dell'Italia fino alla Corte di Cassazione). In questo modo si da allo Stato stesso la possibilità di intervenire, ponendo rimedio alla questione, a livello interno;

- le violazioni lamentate dall'individuo devono riferirsi esclusivamente a uno o più dei diritti sanciti nella Convenzione;

- il ricorso deve essere presentato alla Corte entro i sei mesi successivi all'ultima decisione, che solitamente corrisponde a una sentenza emanata dalla Corte di Cassazione;

- il ricorrente deve essere, personalmente e direttamente, vittima di una violazione ai sensi della Convenzione e deve aver subito un danno rilevante. Dunque non ci si può lamentare di una legge o di un altro atto in termini generali, ad esempio perché lo si ritiene ingiusto.

Come si svolge la procedura

Ricevuto il formulario la Corte come prima cosa valuta se il ricorso è fondato nel merito. Se non lo è informa il cittadino che il ricorso è irricevibile. Questa decisione non può essere impugnata. In caso contrario informerà le parti dell’apertura a proprio nome di un fascicolo di ricorso il cui numero di riferimento dovrà essere citato in tutta la corrispondenza successiva.

È possibile che in seguito vengano richiesti documenti, informazioni o spiegazioni complementari relativi al ricorso. La Corte può anche decidere di raccogliere testimonianze ed effettuare indagini sul luogo dove si sono verificati i fatti in causa.

I procedimento innanzi alla Corte si svolgono essenzialmente per iscritto ma, in casi specifici, la Corte può decidere di tenere udienze pubbliche presso il Palazzo dei Diritti dell’Uomo con sede a Strasburgo.

C'è da dire che la Corte europea cerca sempre di favorire l'accordo fra le parti e, dunque, una composizione amichevole della controversia. Tuttavia qualora non si giungesse ad alcun tipo di accordo, la Corte procederà ad una valutazione di merito. A questo punto la Corte emette una sentenza, che diverrà definitiva una volta decorsi tre mesi dalla sua pubblicazione. In questo lasso di tempo le parti possono richiedere un riesame del caso per una nuova valutazione.

Quanto dura la procedura davanti alla Corte

Non è possibile stimare a priori la durata di una procedura, molto dipende dal carico di lavoro degli uffici, dalla complessità del caso, dalle informazioni disponibili e da molti altri fattori. Così ci sono casi che possono essere esaminati e risolti molto rapidamente, mentre ce ne sono altri la cui valutazione può richiedere maggior tempo.

Sentenze vincolanti per gli Stati

Le sentenze di condanna, che accertano una violazione della Convenzione, sono vincolanti per lo Stato, che ha l'obbligo di eseguirle.
In particolare è il Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa vigila sull’esecuzione delle sentenze, che spesso consistono nel pagamento di somme assegnate dalla Corte ai ricorrenti come risarcimento per i danni subiti.

Attenzione: le sentenze sono definitive e non possono essere appellate dalle parti. Se è lo Stato ad essere condannato, questi ha l'obbligo di evitare che tali violazioni si ripetano in futuro, eventualmente anche modificando il proprio ordinamento interno.

Violazioni maggiormente accertate

Si consideri che ogni anno vengono presentati alla Corte più di 50.000 ricorsi. Più della metà delle sentenze di condanna emanate dalla Corte hanno riguardato il diritto ad un giusto processo, a seguire il diritto alla vita, il diritto a non subire torture e trattamenti inumani e degradanti, il diritto alla libertà di espressione, il diritto alla privacy, ecc.

Documenti correlati



47571 - Redazione
28/11/2016
Luciana, sono questioni queste che dovrebbero essere chiaramente esplicitate nel contratto che ha sottoscritto suo figlio. Una cosa è certa, se l'arbitrato ha rigettato la vostra istanza non può proporre ricorso alla Corte.

47558 - P. Luciana
27/11/2016
Mio fìglio, libero professionista, con assicurazione per infortuni, ha subito un infortunio ad una spalla a gen.2014. Ha quindi aperto la pratica con il consenso dell'assicurazione. Si è sottoposto a intervento ed è seguita la fisioterapia. A giugno ha chiesto un acconto sulle spese anticipate (intervento, terapia, visite, esami e diaria giornaliera) inviando tutta la documentazione. Gli è stato negato con la giustificazione che il suo infortunio non era coperto. Lui ha contestato e dopo vari mesi gli hanno proposto un arbitrato. Il primo incontro è avvenuto a maggio 2016. Dopo tanta attesa è arrivata la risposta definitiva oggi, domenica 27 nov. 2016, dal suo perito di parte con sms, dicendo che domani gli farà avere le motivazioni. DOMANDE: non doveva l'assicurazione programmare subito una visita da un loro medico, prima dell'intervento? L'arbitrato non deve dare risposta tra i 90/120gg.? Può fare ricorso alla corte di Strasburgo? Grazie

47404 - Pierangelo
18/11/2016
Salve mi chiamo Pierangelo da Verona. Cittadino nato in Italia, schiacciato da un governo che da sempre ci ha abbandonati in tutto e per tutto. Ho sempre pagato le tasse, in momenti di difficoltà non sono mai stato aiutato da questo governo italiano. Cerco lavoro, ma le istituzioni non mi hanno mai e poi mai aiutato. La ringrazio se terrà conto della mia richiesta Buon giorno

46331 - Pietro
29/07/2016
Salve sono stato licenziato per scarso rendimento dalla polizia penitenziaria. Sia il giudice del TAR che quello del c.g.a hanno dato ragione al Ministero. Ma per me si è commesso un abuso nei miei confronti. Ho dimostrato che a mio carico non ci sono violazioni così come nello svolgimento delle mie mansioni non c'è nessun rapporto disciplinare dopo 17 anni di servizio. Potrei fare ricordo alla corte?

46262 - Vittoria O.
21/07/2016
È morto mio figlio 12anni fa, per un incidente stradale in operazione di servizio. Avevano fatto sapere che si era trattato di un semplice incidente stradale. Dopo anni di indagini da me richieste, qualche collega ha detto la verità. Ma qui in Italia i pm cercano sempre l'archiviazione.

46122 - Redazione
04/07/2016
Daniela, anche in questo caso vale quanto detto a Luigi (risposta n. 46026)

46112 - dianella c.
02/07/2016
Sono un Medico di continuità assistenziale che, durante il viaggio in itinere per raggiungere il posto di lavoro, nel 2011, ha subito un incidente stradale da parte di vettura pirata riportando un trauma cranico con distacco e rottura di retina per il quale sono stata sottoposta a ripetute sedute di chirurgia laser con solo parziale risoluzione del problema ed esiti permanenti. Poiche l'assicurazione della ASL di Cagliari rifiutava il pagamento, nel 2013 ho intentato causa presso il tribunale di Cagliari che il 24/02/2016 ha emesso sentenza a me sfavorevole accogliendo la tesi dell'assicurazione che contestava l'itinerario da me seguito per raggiungere la sede del lavoro. Non ho intenzione di presentrare appello in quanto scoraggiata dal mio avvocato (che tra l'altro probabilmente ha commesso un errore nella procedura). Vorrei sapere se posso chiedere il risarcimento dei danni subiti per il ritardo, circa tre anni, impiegato dalla giustizia italiana per concludere il solo primo grado di giudizio ed eventualmente le modalità del relativo ricorso alla Corte di Strasburgo. Grazie anticipatamente, Dianella C.

46026 - Redazione
23/06/2016
Luigi, può ricorrere alla Corte solo nel momento in cui si sono esauriti tutti i gradi di giudizio, quindi solo dopo la sentenza della Cassazione.

46010 - Luigi
21/06/2016
Nel corso di un procedimento penale il PM ha utilizzato come prove a mio carico delle relazioni di pronto soccorso provvisorie pur disponendo dei referti medici definitivi che attestano che il querelante ha dichiarato il falso e omesso di depositare all'atto della denuncia i referti definitivi. La polizia giudiziaria ha confuso i referti e sulla base delle indagini erronee sono stato rinviato a giudizio. Il processo è ancora in corso. Posso ricorrere alla Corte Europea per i diritti umani? Cosa devo chiedere alla Corte in proposito? Vi ringrazio per la risposta

45995 - Redazione
20/06/2016
Cosimo, riteniamo che ci sarebbero stati tutti i presupposti per un ricorso alla Corte Europea, purtroppo i tempi per una sua presentazione sono ampiamente decorsi. Infatti il ricorso deve essere presentato alla Corte entro i sei mesi successivi alla decisione assunta dalla Corte di Cassazione;

Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata