Ecco come formulare i quesiti al Fisco

Il contribuente, se vi sono "obiettive condizioni di incertezza" sull’interpretazione della norma e, dunque, sulla soluzione da applicare "al proprio caso concreto e personale", ha la possibilità di rivolgere un quesito all’Amministrazione finanziaria (art. 11 Legge 212/2000 e DM 26 aprile 2001). Ecco alcuni fac simile di istanza che si possono utilizzare. Se entro 120 giorni non si riceve alcuna risposta, deve intendersi che l'Amministrazione finanziaria concorda con l'interpretazione prospettata dal contribuente (si applica, cioè, il c.d. "silenzio-assenso"). Conseguentemente, sono nulli eventuali atti di accertamento emessi in difformità della soluzione indicata dal contribuente.

Tuttavia, affinché si formi il silenzio-assenso è necessario che: - il contribuente abbia esposto in modo chiaro ed univoco il comportamento e la soluzione interpretativa che intende adottare; - l’istanza sia ammissibile.

L’istanza può essere presentata personalmente dal contribuente interessato, prima di aver dato attuazione alla norma oggetto di interpello o posto in essere il comportamento rilevante ai fini tributari; in taluni casi può essere proposta anche dai sostituti d’imposta, dai notai, ecc.

Le istanze di interpello di competenza dell’Agenzia delle Entrate possono riguardare in particolare: - le imposte sui redditi - l’imposta sul valore aggiunto - l’imposta di registro - l’imposta di bollo - le tasse sulle concessioni governative - l’imposta sugli intrattenimenti - altri tributi minori.

Per i tributi che non sono di competenza dell’Agenzia delle Entrate il contribuente può presentare istanza di interpello all’ente che li gestisce (ad esempio l’Agenzia delle Dogane per le accise, i Comuni per l’ICI e per gli altri tributi locali, le Province per i tributi provinciali e le Regioni per quelli regionali).

E’ importante precisare che, presentando l’istanza di interpello, il contribuente non può rinviare i relativi adempimenti periodici (ad esempio versamento IVA, presentazione delle dichiarazioni, ecc.) alla data in cui l’Agenzia o l’ente locale avrà fornito risposta all’interpello.

L’istanza di interpello deve essere scritta in carta libera e va presentata mediante consegna a mano o spedizione a mezzo posta, tramite raccomandata con avviso di ricevimento, in plico senza busta.

L’istanza va presentata alla Direzione regionale dell’Agenzia delle Entrate competente in ragione del domicilio fiscale del contribuente.

Il contribuente, per velocizzare le comunicazioni da parte dell’amministrazione finanziaria, può indicare nell’istanza il proprio numero di telefax e l’indirizzo di posta elettronica.

Se la documentazione allegata non è sufficiente a consentire il corretto inquadramento della questione, l’Amministrazione può chiedere al contribuente, una sola volta, di integrarla con altri documenti. In questo caso, il termine per la risposta si interrompe ed inizia a decorrere ex novo dalla data di ricezione da parte dell’Amministrazione di tutti i documenti richiesti.

E’ importante sottolineare che la risposta dell’amministrazione ha efficacia solo nei confronti del contribuente che ha presentato l’istanza, limitatamente al caso concreto e personale prospettato.

La risposta fornita dall’Amministrazione non impegna il contribuente ad adeguarsi. Questi, infatti, è libero di adottare un differente comportamento ma è a conoscenza della posizione che l’Agenzia assumerà in sede di controllo. Viceversa, limitatamente alla questione oggetto di interpello, la risposta fornita vincola l’operato degli uffici, i quali non potranno emettere atti a contenuto impositivo o sanzionatorio con essa contrastanti.

L’Amministrazione, infine, può rettificare la risposta già resa dando al contribuente un parere diverso da quello fornito in precedenza ovvero dall’interpretazione che emerge nel caso di silenzio-assenso.

Documenti correlati



43025 - Redazione
05/12/2015
Paolo, se non vuiole farlo lei allora dev'essere la Onlus a rilasciare - in caso di vendita - una ricevuta.

43017 - Paolo Gianni
05/12/2015
Attività BAR: viene proposto di vendere prodotti (marmellate in vasetto) per conto di una ONLUS (volontariato) senza alcun ricarico a prezzo di costo. Come si deve comportare per non avere contestazioni e per non pagare tasse dato che non c'è ricarico? Ringrazio anticipatamente una cortese e sollecita risposta.

40424 - Redazione
09/07/2015
Gian Paolo, a nostro avviso tali spese non possono beneficiare della detrazione fiscale. Potrebbe chiedere un parere ad un locale ufficio dell'Agenzia delle Entrate.

40417 - Gian Paolo
08/07/2015
Si chiede se, nell'ambito di una ristrutturazione con regolare permesso di costruire il quale riporta "Ristrutturazione di porzione di fabbricato con realizzazione di due unità abitative", le spese relative all'allaccio di un nuovo contatore ENEL pari ad €.541,43 rientrano nell'agevolazione fiscale del 36%. Grazie dell'attenzione.

26025 - Giuseppe
27/08/2013
Dopo il recesso in cooperativa edilizia e subentro di un altro socio, ho diritto alla restituzione dell'IVA pagata nelle fatture pagate negli ultimi tre anni precedenti?

25972 - Redazione
24/08/2013
Claudia, una ristrutturazione o una manutenzione straordinaria comportano necessariamente la preesistenza di un fabbricato da ristrutturare, la ricostruzione su ruderi o su un edificio demolito, anche se soltanto in parte, costituisce invece una nuova opera.

25965 - Fabbri Claudia
23/08/2013
Demolizione e ricostruzione QUANDO NON VIENE CONSIDERATA NUOVA COSTRUZIONE?

21760 - Redazione
19/02/2013
Angelo, il condominio può fruire della detrazione. Per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 30 giugno 2013 la detrazione passa dal 36% al 50% fino a un tetto di spesa di 96 mila euro. Per maggiori informazioni legga questo articolo.

21732 - angelo francioso
19/02/2013
Al condominio dove abito stiamo facendo l'intercapedine si può dedurre il 36%? Grazie Angelo francioso.

20266 - Redazione
09/01/2013
La normativa italiana in materia prevede che le spese per la frequenza presso istituti o università private o straniere sono detraibili in misura non superiore a quella stabilita per tasse e contributi versati per le analoghe prestazioni rese da istituti statali italiani, e che ai fini della detrazione delle spese per frequenza all'estero di corsi universitari occorre fare riferimento alle corrispondenti spese previste per la frequenza di corsi analoghi tenuti presso l'università statale italiana più vicina al domicilio fiscale del contribuente. Detto questo le consigliamo di rivolgersi ad un professionista esperto in materie fiscali e contributive.

Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata