Fondo di garanzia per le vittime della caccia

Con legge 157 del 1992 è stato istituito il “Fondo di garanzia per le vittime della caccia”, oggi amministrato dalla Consap s.p.a. sotto la vigilanza del Ministero delle attività produttive.

Tale fondo assolve allo scopo di provvedere al risarcimento dei danni a terzi causati da:

a) esercenti l'attività venatoria non identificati; b) esercenti l'attività venatoria non coperti dall'assicurazione obbligatoria per la responsabilità civile;

c) esercenti l'attività venatoria assicurati presso un'impresa operante nel territorio della Repubblica in regime di stabilimento o di prestazione di servizi e che, al momento del sinistro, si trovi in stato di liquidazione coatta o vi sia posta successivamente.

Il danno è risarcito nei limiti dei minimi di garanzia previsti dall'art.12, comma 8 della legge n. 157/1992 che disciplina l'attività venatoria: € 516.456,90 per ogni sinistro, € 387.342,67 per ogni persona danneggiata ed € 129.114,22 per danni ad animale e cose.

La richiesta di risarcimento danni va inoltrata alla Consap s.p.a., nella qualità di gestore del Fondo, e all'impresa di assicurazione territorialmente competente (nominate con provvedimento ISVAP. n. 2497 del 28.12.2006 e valide per un triennio). Per conoscere gli indirizzi ai quali inviare le richieste di risarcimento danni clicca qui.

Fonte: Consap

Documenti correlati
Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata