Il contratto di trasloco

Quando si decide di cambiare abitazione le incombenze da affrontare possono essere di vario tipo, a cominciare da quelle di carattere burocratico: comunicare la nuova residenza all'anagrafe del comune e all'ufficio tributo per la tarsu, ai fornitori di elettricità, gas, telefono, acqua, ecc.

Naturalmente c'è poi il grosso impegno legato al trasloco. Il consiglio, in questi casi, è di affidarsi ad un’impresa specializzata che esegua il trasloco del vostro appartamento, magazzino o ufficio occupandosi di tutta l’organizzazione: imballaggio e smontaggio mobili, trasporto e rimontaggio in loco.

E’ importante a tal proposito che il personale tecnico della ditta di traslochi svolga un accurato sopralluogo, al fine di verificare le caratteristiche degli arredi e delle suppellettili e per valutare le problematiche di accessibilità nei luoghi di partenza e destinazione (esistenza e utilizzabilità dell’ascensore, cortile interno per le operazioni di carico e/o scarico, balconi o finestre accessibili dalla strada, esistenza di ZTL sugli spazi di carico/scarico, ecc.).

L’azienda deve occuparsi dello smontaggio degli arredi e del loro imballaggio con cartoni e teli coprenti e protettivi, del trasferimento dei colli presso la nuova abitazione o il nuovo ufficio, con il montaggio degli arredi e l’adattamento ai nuovi spazi dell’ambiente.

La ditta deve prestare grande attenzione ai dettagli e alle finiture dei vostri arredi, al fine non rovinarli o comprometterne il pregio.

Gli oggetti delicati come cristalli, soprammobili, piatti, bicchieri, vetrinette, vasi, specchi, apparecchi audio-visivi, personal computer, lampade, quadri ed altri, devono essere imballati in speciali materiali che li rivestono assicurandone l’integrità in tutte le fasi del trasloco, oppure in speciali contenitori resistenti agli urti e alle cadute accidentali.

Come si vede sono tanti gli aspetti a cui porre attenzione quando si ha a che fare con un trasloco. Per evitare l’insorgenza di problemi tra consumatori e ditte di traslochi e assicurare regole di trasparenza e di equità, Unioncamere, in collaborazione con l'Autorità Antitrust, con le associazioni dei consumatori e delle imprese e il supporto di alcuni ordini professionali hanno predisposto questo schema contrattuale standard.

Al contratto, il cui testo è stato approntato tenendo conto delle esigenze di entrambe le controparti, si affianca uno schema di preventivo, da predisporre gratuitamente a cura dell’impresa, il quale cerca di affiancare la completezza delle informazioni alla chiarezza dei contenuti del servizio.

Documenti correlati



42444 - Redazione
10/11/2015
Josè, per il disservizio subito ha diritto ad un indennizzo ma deve avanzare una specifica richiesta scritta. Legga in proposito "Disservizi telefonici: come chiedere l'indennizzo automatico".

42433 - Jose', Sebastiano Cambria
09/11/2015
Buongiorno, ho traslocato in una casa accanto all'anziana. Avevo telefonato al 187 il 9 Luglio per dire che cambiavo casa il 31 Luglio. Mi è stato risposto che un tecnico verrà il giorno 27 fra le ore 8 e le nove e trenta. Non è venuto nessuno e neanche un appello telefonico. Ho mandato una serie di fax e tre raccomandate. Dopo diversi appuntamenti non rispettati la linea è stata ristabilita il 16 Ottobre. Dunque chiedo un risarcimento per la mancanza del servizio telefonico durato 78 giorni. Grazie per la risposta e con cordiali saluti. Jose' Sebastiano Cambria

15722 - Giulio
10/07/2011
Molto interessante. Grazie per il modulo di contratto.

Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata