Rimborsi da eccedenza da pagamento

I cittadini che per errore hanno effettuato un versamento per una somma maggiore di quanto richiesto (per esempio un doppio versamento) possono ottenere il rimborso se l’eccedenza è superiore a 50 €.

In questo caso l'Agente della riscossione (Equitalia) provvede a notificare una comunicazione contenente indicazioni sull’importo da rimborsare e sulle modalità del rimborso. In mancanza di risposta da parte dell'avente diritto nei 3 mesi successivi, Equitalia versa le somme all'ente cui si riferisce l'erroneo versamento. Superati i 3 mesi, il cittadino potrà rivolgersi direttamente a questo ente.

Questa la modulistica da utilizzare:
- richiesta rimborso mediante bonifico;
- delega a terzi;
- documentazione da allegare all'istanza.

Documenti correlati



47587 - Roberta R.
28/11/2016
Nel Luglio 2015 veniva effettuato un F24 Ruol “erroneo” per il pagamento di una cartella relativa all’INAIL disapplicando, quindi, i limiti definiti per le tipologie di tributo ammesse alla compensazione. Infatti successivamente arrivò un ulteriore notifica da Equitalia e la cartella fu pagata allo sportello. On line non riesco a trovare informazioni su questo argomento nè esempi di istanza. Come posso agire per poter richiedere il rimborso dell'IVA indebitamente compensata? Grazie. Roberta

44540 - Redazione
07/03/2016
Alessandra, i mesi a disposizione per ottenere il rimborso sono tre dalla data di ricezione della comunicazione trasmessa da Equitalia; per questo motivo le consigliamo di recarsi ad uno sportello per avere informazioni sullo stato della propria pratica.

44536 - Alessandra di malta
06/03/2016
Salve ho inviato il 7 dicembre 2015 la documentazione necessaria per un rimborso da eccedenza di pagamento vorrei sapere che tempi ci sono per avere il rimborso sul mio conto corrente che ho fornito nel fax inviato grazie

44445 - Redazione
02/03/2016
Roberta, per lo sgravio della cartella le consigliamo di recarsi presso uno sportello Equitalia con la ricevuta di pagamento effettuato.

44429 - roberta
01/03/2016
Buonasera! Mia madre ha ricevuto una cartella Equitalia relativa ad una contravvenzione, ha pagato pur essendo convinta di averlo già fatto a tempo debito, non trovando la ricevuta. Ora l'ha ritrovata: com'è possibile chiedere il rimborso, visto che questa seconda comunicazione non avrebbe mai dovuto riceverla? Grazie

40669 - Redazione
23/07/2015
Antonio, certo avrebbe potuto presentare ricorso richiedendo al corpo di polizia una copia del verbale emesso in quella occasione e da cui poteva chiaramente evincersi la data dell'infrazione. Purtroppo deve sapere che contro una multa è possibile presentare ricorso al Giudice di pace o al Prefetto a condizione che la stessa non sia già stata pagata.

40661 - Antonio
22/07/2015
Salve avrei una domanda da porre. Nel 2000 presi una multa sotto la stazione di Roma, precisamente nella metro perchè per distrazione non rifeci il biglietto per riprendere la metro credendo che fosse ancora valido; preciso che era la prima volta che viaggiavo tant'è vero che chiesi alla polizia se potevo andare a fare il biglietto e dove recarmi perchè non ero del posto, ma putroppo l'agente non volle sentire ragioni e mi fece la multa. Tornando a casa nella distrazione mia mamma buttò il bollettino e da quel momento la multa non mi è più arrivata. Oggi Equitalia sostiene che io la multa l'ho presa nel 2005 quando io nel 2005 non ero a Roma. Ora a distanza di 14 ani quella multa mi arrivata con le dovute more alla somma di 283 euro che per onestà ho pagato, ma sta di fatto che Equitalia non è stata del tutto onesta io ovviamente ho pagato conservando la ricevuta di pagamento in tal caso potrei ricevere il rimborso visto che io la multa non l'ho presa nel 2005 ma nel 2000 e siccome era gia in prescrizione posso in qualche modo avere un rimborso visto che secondo me qualcosa non quadra? Distinti saluti.

22539 - Redazione
25/03/2013
Nadeno, purtroppo non è possibile.

22536 - Nadeno Santacroce
24/03/2013
Per 13 anni non ho mai detratto (perché non ho fatto le denunce dei redditi), parte dell'assegno di mantenimento per la mia ex moglie. Posso richiedere il rimborso?

20336 - Redazione
10/01/2013
Marina, ha tempo 3 mesi dalla comunicazione per autorizzare l'agente della riscossione ad effettuare un bonifico sul conto che lei indicherà.

Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata