rimborso ritardo aereo, indennizzo ritardo volo

Moduli.it social

Voli in ritardo: diritto ad un indennizzo e all'assitenza

L'aereo che dovete prendere è in prolungato ritardo e non riuscite ad avere informazioni esaurienti sui motivi né dagli addetti dell'aeroporto, né dalla compagnia aerea? A causa del ritardo del volo avete perso la coincidenza e avete sbito dei danni?

Diritto all'assistenza

Dovete sapere che in questi casi la Carta dei Diritti del Passeggero stabilisce che si ha diritto innanzitutto all'assistenza ed in particolare a:

- pasti e bevande in relazione alla durata dell'attesa;
- adeguata sistemazione in albergo, nel caso in cui siano necessari uno o più pernottamenti;
- trasferimento
dall'aeroporto al luogo di sistemazione e viceversa;
- due chiamate telefoniche o messaggi via telex, fax o e-mail.

Il diritto all’assistenza viene riconosciuto in base alla tratta (intracomunitaria o internazionale) e alla distanza percorsa:

VOLI INTRACOMUNITARI inferiori o pari a 1500 km ritardo del volo almeno 2 ore
VOLI INTRACOMUNITARI superiori a 1500 km ritardo del volo almeno 3 ore
VOLI INTERNAZIONALI inferiori o pari a 1500 km ritardo del volo almeno 2 ore
VOLI INTERNAZIONALI tra i 500 km e 3500 km ritardo del volo almeno 3 ore
VOLI INTERNAZIONALI superiori a 3500 km ritardo del volo almeno 4 ore

Diritto al rimborso o all'imbarco su un volo alternativo

Se il ritardo è di almeno 5 ore, ciascun passeggero ha diritto di scelta fra una delle seguenti opzioni:
- rimborso entro 7 giorni del prezzo pieno del biglietto (in caso di transito anche l'imbarco su un volo di ritorno verso il punto di partenza);
- imbarco su un volo alternativo verso la destinazione finale non appena possibile;
- imbarco su un volo alternativo verso la destinazione finale in data successiva di suo gradimento, a seconda della disponibilità dei posti.

Ma si ha diritto anche ad una indennizzo monetario, così come accade in caso di negato imbarco (overbooking) e di cancellazione del volo?

Diritto all'indenizzo monetario

Pur se la Carta dei Diritti del Passeggero non riconosce un diritto alla compensazione pecuniaria, c'è da dire che a riguardo è intervenuta una sentenza della Corte di Giustizia Europea (19 novembre 2009) che di fatto ha assimilato i diritti dei passeggeri di voli con ritardi pari o superiore a tre ore ai diritti di coloro che hanno subito la cancellazione del volo, con la conseguenza che anche i primi possono quindi reclamare il diritto alla compensazione pecuniaria previsto dall’art. 7 del regolamento n. 261/2004.

Così come per la cancellazione del volo, dunque, l'ndennizzo monetario viene corrisposto in misura stabilita in base alla lunghezza della tratta aerea:
a) 250,00 EUR per tutte le tratte aeree inferiori o pari a 1500 chilometri;
b) 400,00 EUR per tutte le tratte aeree intracomunitarie superiori a 1500 chilometri e per tutte le altre tratte comprese tra 1500 e 3500 chilometri;
c) 600,00 EUR per le tratte aeree che non rientrano nelle lettere a) o b).

Questo il fac simile da utilizzare per la richiesta di indennizzo in caso di ritardo prolungato del volo. La richiesta va presentata in primo luogo alla compagnia aerea con la quale il passeggero ha stipulato il contratto di trasporto.

Il diritto alla compensazione pecuniaria non si applica ai passeggeri che viaggiano gratuitamente o ad una tariffa ridotta non accessibile, direttamente o indirettamente, al pubblico.

Il diritto all’indennizzo si prescrive in 12 mesi se il volo si svolge in Europa e in 18 mesi se il volo si svolge in territorio extraeuropeo. Il termine decorre dall’arrivo a destinazione del passeggero.

E cosa accade se il passeggero subisce a causa del ritardo dei "danni diretti", che siano cioè prevedibili quali effetti normali del ritaro prolungato del volo?

Il risarcimento danni

In questo caso il passeggero può richiedere alla compagnia il risarcimento fino ad un massimo di 4.150 DSP, Diritti Speciali di Prelievo, corrispondenti a circa 4.831,00 euro. Il risarcimento non è dovuto se la compagnia aerea dimostra che sono state adottate tutte le misure necessarie e possibili per evitare il ritardo oppure che era impossibile adottarle. Il risarcimento per danni da ritardo può essere richiesto alle compagnie aeree registrate in Paesi che aderiscono alla Convenzione di Montreal.

Pacchetti "tutto compreso"

Se il volo in ritardo fa parte di un viaggio organizzato (c.d. "pacchetti tutto compreso"), restano fermi i diritti del passeggero nei confronti della compagnia aerea, ma in caso di inadempimenti e reclami, l’interlocutore a cui rivolgersi per ogni contestazione, richiesta di rimborsi o risarcimento danni, rimane il Tour Operator, che è sempre responsabile verso il viaggiatore, degli inadempimenti dei propri fornitori di servizi, compresi i vettori aerei.

Ricordiamo che le tutele si applicano ai passeggeri di voli (di linea, charter, low cost) in partenza da un aeroporto situato nel territorio di uno Stato membro e ai voli - effettuati da una compagnia comunitaria - in partenza da un Paese extracomunitario con destinazione un aeroporto situato nel territorio di uno Stato membro.

Quando rivolgersi all'Enac

In caso di non applicazione delle tutele previste il passeggero deve prima di tutto inviare un reclamo scritto alla compagnia aerea. Successivamente, in mancanza di risposte adeguate sulle presunte violazioni, è possibile presentare un reclamo formale all'ENAC compilando l'apposito modulo on line. Ricordiamo che L'Ente Nazionale per l'Aviazione Civile (ENAC) è l'unica Autorità di regolazione tecnica, certificazione, vigilanza e controllo nel settore dell'aviazione civile in Italia.

L'applicazione delle forme di tutela previste nel caso di ritardo del volo, non priva i passeggeri della possibilità di avviare eventuali azioni risarcitorie in sede giudiziaria.

Pubblicato il 10/06/2013    96 Commenti
Tags: rimborso biglietto aereo per ritardo indennizzo ritardo volo aereo rimborso ritardo aereo ritardo voli rimborso risarcimento per ritardo aereo ritardo aereo risarcimento
Documenti correlati



35815 - Lara
12/02/2015 10:12
Volo air india da Milano a Delhi il 10/02 partenza in ritardo di 4 ore e mezza. Siamo stati avvertiti del ritardo per cui non mi sono recata in aeroporto prima per una lunga attesa, però il ritardo del volo ovviamente ha causato complicazioni in loco visto l'arrivo previsto alle 10.00 ed invece sono arrivati alle 14.30. C'è la possibilità di chiedere un risarcimento anche se sono 4 ore e 30 e non 6 come la sig.ra giulia?

35684 - Redazione
09/02/2015 12:09
Giulia, a meno che il ritardo non sia stato determinato da circostanze eccezionali (avverse condizioni meteorologiche, allarmi per la sicurezza, scioperi, ecc.), lei può chiedere la corresponsione di un indennizzo pari a 600 euro. Questo il fac simile da utilizzare.

35664 - giulia
09/02/2015 00:30
Buonasera, in data 7 Febbraio 2015 il volo Air India 123 (AI123) in partenza da nuova delhi a Milano mapensa, che avrebbe dovuto partire alle 14:20 (che dalla mattina del 7 Febbraio era stato segnalato in ritardo di circa 40 minuti e ritardato con partenza ore 15:00) è stato ulteriormente posticipato alle 20:30 (praticamente senza nessun avviso, in quanto il ritardo è stato comunicato solamente sugli schermi e senza segnalazione vocale in aeroporto, quando ormai avrebbero dovuto procedere all'imbarco, ovvero verso le 14:30). Non è stata fornita nessuna spiegazione da parte del personale al gate e dai responsabili della compagnia che hanno continuato a tergiversare e solamente dopo innumerevoli pressioni e reclami da parte dei passeggeri, tra cui molti indiani, hanno acconsentito a fornire ai passeggeri un pasto). Le informazioni fornite dal personale in aeroporto erano incerte e fino all'ultimo sembrava ancora veramente poco sicura la partenza. Il ritardo ammonta a 6 ore e 10 minuti. In realtà poi più o meno siamo decollati alle 9:00. E' possibile chiedere un rimborso e se si attraverso quale modulo? Grazie mille per la risposta, in ogni caso.

35100 - Redazione
20/01/2015 15:19
Claudia, anche il ritardo del volo per "motivi tecnici" non può automaticamente escludere la responsabilità del vettore, dovendo comunque lo stesso dimostrare l'impossibilità di rimediare all'inconveniente. In altri termini, tenendo in considerazione che gli elevati standard tecnici dei sistemi di manutenzione e controllo impongono ai vettori di preventivare l'insorgenza di guasti imprevisti e di porvi immediatamente rimedio, il vettore non può esimersi dal corrispondere un indennizzo in favore dei passeggeri se non dimostra, ad esempio, che il guasto tecnico non si sarebbe potuto evitare neppure eseguendo le manutenzioni ordinarie.

35078 - Claudia
19/01/2015 21:21
Buonasera, ho acquistato un pacchetto all inclusive con eden viaggi per Roma-sharm le sheikh. Ieri alle ore 13:00 (18/01/2015) ero sul volo di rientro sharm le sheikh - Roma Mistral (poste italiane) e, a mezz'ora dalla partenza, si è sentito un forte odore di bruciato e ci hanno dirottato all'aeroporto del Cairo dove hanno fatto i vari controlli sull'aereo. Intorno alle cinque ci hanno comunicato che un altro aereo stava partendo da bari per riportarci a casa con orario della partenza previsto alle 21:00. Sono previsti risarcimenti per tali ritardi? Altro particolare...io sono di olbia quindi, avendo la coincidenza roma - olbia alle 21:30 che ho perso, ho dovuto alloggiare a Roma a mie spese ma sono stata in agenzia stasera e loro dicono che non vale la pena inserire una richiesta di risarcimento in quanto il pacchetto tour operator era solo da e per Roma, cosa certamente probabile. Cosa mi consigliate di fare? Grazie Saluti Claudia

34420 - Redazione
13/12/2014 14:48
Mirko, in ottemperanza all'articolo 7 della norma UE 261/2004, le compagnie aeree non forniscono risarcimenti in denaro per i voli che subiscono ritardi (o vengono annullati) per ragioni che esulano dal controllo delle compagnie stesse (circostanze straordinarie). Secondo quanto stabilito dalla norma, per circostanze straordinarie si intendono eventi di instabilità politica, condizioni meteorologiche incompatibili con il volo, rischi per la sicurezza, problemi imprevisti relativi alla sicurezza del volo e, appunto, scioperi che compromettono il servizio di un vettore. E' altrettanto vero che, al fine di tutelare il diritto degli utenti di riprogrammare la partenza, le compagnie aeree interessate sono tenute ad informare immediatamente tour operators e passeggeri sulle modalità dello sciopero e sulle eventuali misure alternative disponibili. Se, dunque, ritiene che la compagnia in questione non abbia fatto nulla in tal senso, può provare a richiedere la corresponsione di un indennizzo. Qui trova il modello europeo di reclamo, nelle due versioni italiano e inglese.

34408 - mirko
12/12/2014 18:34
Avevo un volo alle 10:55 per roma partito in ritardo alle 17:50 che non ho preso perchè avrei perso diverse coincidenze e sarei rimasto li... In data 12/12/14, il motivo del ritardo è stato lo sciopero la compagnia però, la Vueling, a differenza di quanto fatto da alitalia e ryanair non ha avvertito i suoi passeggeri dell'adesione. Posso richiedere il rimborso del biglietto? Esiste un modulo in inglese? perchè credo che la compagnia non parli italiano

33581 - Redazione
17/11/2014 11:39
Nicola, non avendo ottenuto ancora un riscontro, le consigliamo di inoltrare un reclamo scritto all’organismo nazionale competente. Questi i riferimenti:
Ente Nazionale per l’Aviazione Civile
Viale del Castro Pretorio, 118 - 00185 ROMA
Tel. : +39 06 44596-1
Fax : +39 06 44596493
cartadiritti@enac.gov.it

33570 - NICOLA SANTANGELO
16/11/2014 12:39
Buongiorno. La sera del 31/7 alle 21.15 saremmo dovuti partire (io, mia moglie e le mie due figlie) da New York verso Roma e poi Bari, Senonché, dopo un'ora di attesa al check-in ed più di un'ora all'interno del velivolo, ci viene comunicato che un guasto impedisce la partenza dello stesso. Dopo un'odissea (che non descrivo per ragioni di spazio) siamo arrivati tornati a Bari via Brux e Roma alle 23 di sab 2 ago (con bagagli danneggiati), anziché alle 15.50 di ven 2 ago. Ho presentato reclamo prima a Delta Airlines (che mi aveva venduto il biglietto, e che mi ha rinviato ad Alitalia) e poi il 22/8 ad Alitalia. Da allora ho ricevuto solo un messaggio e-mail di riscontro da parte di Relazioni Clientela di Alitalia il 29/9 con l'impegno ad un successivo riscontro che non è ancora arrivato. Cosa ne pensate? Grazie

33434 - Redazione
13/11/2014 09:22
Rachele, se il ritardo non è dovuto a cause di forza maggiore (ad es. legate ad una forte perturbazione), allora l'indennizzo è dovuto. Se ritiene la risposta inviata dalla compagnia inaccettabile, può proporre un reclamo all'Enac attraverso la compilazione di questo modello.


Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata