Canone Rai: come disdire o chiedere l’esenzione

canone rai, canone rai 2016

Come ben sai, dal mese di Luglio 2016 il pagamento del canone Rai ti verrà addebitato direttamente sulla bolletta dell’energia elettrica, con una maxirata di 60 euro, alla quale seguiranno le restanti 4 rate da 10 euro che ti verranno addebitate bimestralmente fino al mese di ottobre.

Al nuovo Canone Rai abbiamo già dedicato l’articolo “Canone Rai in bolletta”, nel quale troverai tutte le informazioni relative alle novità introdotte nel 2016. In questo articolo, invece, ti illustreremo in quali casi è possibile richiedere l’esenzione del canone Rai in bolletta tramite la compilazione e l’invio dell’apposito modello di comunicazione all’Agenzia delle Entrate.

Canone Rai: modello esenzione 2016

L'Agenzia delle Entrate ha pubblicato un provvedimento nel quale sono contenute tutte le modalità e i termini per richiedere l’esenzione dal canone Rai, nonché il relativo modello da utilizzare per compilare la domanda. Il documento è facilmente reperibile sul sito dell’Agenzia, sulla pagina dedicata al canone del sito ufficiale Rai, ma anche dal nostro portale. Qui puoi scaricare in un clic il modello di esenzione canone Rai e le relative istruzioni di compilazione.

Il modello di esenzione canone Rai si compone di vari riquadri: nel primo dovrai inserire i tuoi dati anagrafici. Se compili il modello in qualità di erede, ricorda di riportare nella relativa sezione i dati anagrafici e il codice fiscale del soggetto deceduto.

La redazione dei restanti riquadri dipende dalla ragione per cui stai chiedendo l’esonero. Nello specifico, il Riquadro A va compilato se, quale titolare di una utenza elettrica, non possiedi una televisione o un dispositivo atto alla ricezione del segnale che consente la visione dei programmi Rai.

Il Riquadro A va altresì compilato se tu o un altro componente della tua famiglia non risultate in possesso nelle abitazioni per le quali risulti titolare di utenza elettrica, di alcun apparecchio televisivo oltre a quello per cui in passato hai presentato la denunzia di cessazione dell’abbonamento Rai per suggellamento.Ti ricordiamo che dal 2016 non è più possibile richiedere il suggellamento del proprio televisore.

Devi invece compilare il Riquadro B se pur essendo titolare di un’utenza elettrica, il canone Rai viene già pagato da un altro componente della tua stessa famiglia, il quale risulta titolare di un’utenza elettrica diversa dalla tua. Spieghiamo meglio quest’ultima nozione: se due coniugi sono conviventi ma posseggono due diverse utenze elettriche, solo uno dei due dovrà pagare il canone Rai in bolletta, mentre se due coniugi hanno diversa residenza e sono titolari di due diverse utenze elettriche, devono corrispondere entrambi il canone Rai, poiché la tassa sulla Televisione di Stato viene dedotta dall’intestazione dell’utenza elettrica nell’abitazione registrata come residenza dell’utente.

In corrispondenza di entrambi i riquadri è possibile compilare la sezione “Dichiarazione di variazione dei presupposti”, nell’ipotesi in cui vengano meno i presupposti di una dichiarazione sostitutiva precedentemente presentata.

Canone Rai 2016: come inoltrare la domanda di esenzione

Dopo esserti procurato il modello di esenzione canone Rai ed averlo compilato seguendo le istruzioni, potrai inoltrarlo dell’Agenzia delle Entrate, scegliendo una tra queste opzioni. Il modello può essere inviato mediante PROCEDURA TELEMATICA, dall’applicazione web dell’Agenzia, entro il 16 Maggio 2016. Per chiedere l’esenzione dal Canone Rai online potrai utilizzare le credenziali di Entratel o Fisconline.

Se non prediligi l’uso del computer, potrai rivolgerti al Caf o inviare il modulo per posta sempre entro il 16 Maggio 2016, tramite plico raccomandato senza busta e una copia del documento d’identità in corso di validità al seguente indirizzo:

Agenzia delle entrate, Ufficio di Torino 1, S.A.T.
Sportello abbonamenti TV
Casella Postale 22 - 10121 Torino.

La data di invio della domanda che farà fede per l'Agenzia sarà quella riportata sul timbro postale.

La dichiarazione presentata dal 17 maggio 2016 ed entro il 30 giugno 2016 ha effetto per il canone dovuto per il secondo semestre solare del 2016.

L’esenzione dal canone Rai deve essere rinnovata annualmente, perciò la procedura anzidetta andrà ripetuta ogni anno, entro il 31 Gennaio. Così potrai richiedere l’esenzione canone rai 2017 dal 1 luglio 2016 al 31 gennaio 2017.

Canone Rai: autocertificazione esenzione inviata in ritardo

Ti ricordiamo che la domanda di esenzione deve essere inoltrata all’Agenzia delle Entrate nel pieno rispetto delle scadenze, pena l’annullamento della richiesta e l’obbligo di corrispondere la maxirata di 60 euro nel mese di luglio. Per evitare di pagare anche le restanti 4 rate, che riceverai con cadenza bimestrale nelle bollette di luglio-agosto e settembre-ottobre, potrai comunque inviare il modello di esenzione canone Rai dell’Agenzia delle Entrate entro il 30 giugno 2016.

Se invece non risulti già titolare di una utenza elettrica residenziale e attivi quest’anno un nuovo contratto di fornitura, ricorda che il modello di esenzione canone Rai va presentato entro la fine del mese successivo alla data di attivazione della fornitura.

In ogni caso consigliamo il rispetto del termine stabilito dall'Agenzia delle Entrate, ossia il 16 Maggio 2016, sia che tu invii la richiesta per posta raccomandata o ti rivolga al CAF, sia che tu segua la procedura telematica, poiché il ritardo nell’invio della documentazione viene automaticamente interpretato come mancato pagamento del canone Rai.

Attenzione: chi invierà la domanda di esenzione in ritardo non potrà in alcun modo ricevere il rimborso delle somme già addebitate.

Canone Rai: chi non paga e perché

Pagare il canone Rai non è obbligatorio per tutti, al contrario, sono molti i casi in cui non si deve corrispondere la tassa sulla Tv di Stato. Negli articoli che seguono abbiamo raccolto le risposte alle vostre domandi più frequenti sul pagamento del canone Rai e che ti consigliamo di consultare, così da capire velocemente se devi rassegnarti a pagare il Canone Rai 2016 oppure puoi chiederne l’esenzione:
- “Canone Rai in bolletta: rispondiamo alle vostre domande”;
- “Esenzione Canone Rai: quando occorre inviare la dichiarazione”;
- "Canone Rai: analisi di casi concreti".

Documenti correlati



47078 - Eleonora
25/10/2016
Salve, mia mamma 85enne prima viveva a Milano ma nel febbraio 2016 l'ho trasferita presso la residenza di Merate, poi e' mancata a giugno. Le e' stato addebito il rinnovo del canone sulla bolletta della casa di Milano, che nel frattempo e' diventata seconda casa, ed e' stato addebitato anche a me che non ho mai avuto il televisore prima della sua venuta. Credo che cosi' l'abbiamo pagato due volte ma come faccio a farlo presente e chiedere il rimborso? Devo chiedere la chiusura di quello intestate a mia mamma deceduta o e' automatico? Grazie!

46045 - Redazione
23/06/2016
Pungilaluna, nel caso specifico non deve inviare alcuna comunicazione.

46041 - pungilaluna
23/06/2016
Buongiorno, faccio parte di un'associazione culturale nella cui sede non ci sono apparecchi radio o televisione, è solo uso deposito, come facciamo a disdire il canone RAI? All'agenzia entrate hanno solo moduli per privati e la compagnia elettrica non sa. Come dobbiamo procedere? Grazie

45655 - Redazione
17/05/2016
Raffaele, dovrebbe compilare questo modello nella sezione generale e nella parte B).

45645 - Raffaele
16/05/2016
Salve Ho ereditato la casa di mio fratello, ha le utenze allacciate a suo nome ma non ci ha mai vissuto nessuno quindi nessuna TV presente, io sono andato a vivere da pochi mesi in un'altra casa da solo quindi inizierò a pagare il canone per la nuova casa, cosa devo fare per non pagare il canone dell'altra casa chiusa di mio fratello!?

45631 - luigi
15/05/2016
Buongiorno, la mia situazione è un po' incasinata, sono in fase di divorzio e sono residente in un altra casa e un altro comune, nella casa comune dove ora vive la mia ex moglie il canone RAI e il contratto di energia elettrica sono ancora a nome mio ma pagati (spero regolarmente) dalla ex moglie, mentre dove vivo il canone e il contratto di energia elettrica sono a nome della mia attuale compagna, con la ex moglie siamo ancora proprietari al 50% di un secondo appartamento come seconda casa, anche li il contratto di energia elettrica è a nome mio, come devo compilare il modulo per l'esenzione del canone della seconda casa? Ringrazio e resto in attesa di una risposta

45628 - Redazione
14/05/2016
Salvatore, il canone Rai è dovuto per il semplice possesso di un televisore. In pratica secondo la legge chiunque detiene un apparecchio televisivo è tenuto a pagare il canone TV. Trattandosi di un'imposta sulla detenzione dell'apparecchio, il canone deve essere pagato indipendentemente dall'uso del televisore o dal fatto che si guardino o meno i canali Rai. Speriamo di essere stati chiari.

45622 - Salvatore
14/05/2016
Salve. Io vorrei capire, innanzitutto, se la tassa è relativa al possesso di un televisore oppure se sia relativa al pagamento del "canone rai". I due casi a mio parere sono diversi. Se si tratta di un tributo dovuto allo stato esclamo "NO COMMENT"! La colloco tra le altre tasse assurde che ci infligge lo stato italiano e seppure lo ritengo ingiusto sarò costretto a fargli l'elemosina. Nel secondo caso, ovvero se si tratta di "canone rai" (emittente televisiva che odio a più non posso) ritengo assurdo dovergli pagare il canone. I motivi sono tantissimi (servizio televisivo pessimo rispetto alla Signora Mediaset; in tutti i loro programmi vengono introdotte pubblicità per cui a differenza dell'altra emittente dovrebbe astenersi dal chiedere cassa). Tra l'altro, per qualsiasi motivo di presunzione al pagamento (che sia "tassa dello stato" o "canone rai"), se proprio vogliono essere pagati, perchè non si attrezzano ed emettono il segnale criptato fornendo gli utenti, che lo desiderano, di smart card come fanno le Signore Sky, Mediaset Premium etc etc? Sono sicuro che gli utenti sarebbero davvero pochissimi quasi "ZERO". Questa forma di richiesta mi sembra una costrizione anticostituzionale da parte di dittatori (pratica diffusa solo nello stato italiano). Un'altra cosa strana è che i casi di esenzione al pagamento sono diversi....ma proprio non c'è spazio per chi, come me (è sono sicuro che siamo tantissimi), NON VUOLE VEDERE LA RAI. Vi ringrazio sin da adesso per le delucidazioni che possiate fornire.

45612 - Redazione
14/05/2016
Paolo, la risposta è no.

45604 - Paolo Bertagnoli
13/05/2016
Scusate è necessario inviare informazione al gestore dell'energia utilizzato. inviando copia di quanto spedito all'agenzia delle entrate?

Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata