Come autocertificare la residenza storica

autocertificazione residenza storica

La dichiarazione sostitutiva di residenza storica (art. 46 del D.P.R. 445/2000) consente di dichiarare l'attuale residenza di una persona e tutte le residenze passate. Può essere fatta su carta semplice, firmata dall'interessato, senza autentica della firma e senza bollo: può anche essere inviata per posta, fax, o consegnata da un'altra persona.

Questo il fac simile.

Viene richiesta ad esempio ai fini della richiesta di concessione della cittadinanza italiana a stranieri residenti, in possesso dei requisiti prescritti per legge.

Ne approfittiamo per ricordare che nei rapporti con le pubbliche amministrazioni o con i gestori di pubblici servizi i certificati devono essere sostituiti da autocertificazione o dall'esibizione della carta d'identità.

A partire dal 1° Gennaio 2012 (ai sensi della Legge 12 novembre 2011 n. 183) le pubbliche amministrazioni (Comuni, INPS, Agenzia Entrate, scuole, ecc..) e i privati gestori di pubblici servizi (acqua, gas, luce, ecc.) non possono più richiedere nè accettare certificazioni relative a stati, qualità personali e fatti rilasciate da altre pubbliche amministrazioni.

Tali Enti, infatti, devono acquisire d'ufficio i dati e le informazioni di interesse oppure richiedere al cittadino di autocertificarle. Pertanto tutti i certificati dovrenno essere rilasciati con la seguente indicazione: "Il presente certificato non può essere prodotto agli organi della pubblica amministrazione o ai privati gestori di pubblici servizi".

Leggi "Dal 2012 meno certificati e più autocertificazioni".

Documenti correlati



41873 - Redazione
09/10/2015
Antonino, grazie per l'apprezzamento.

41869 - ANTONINO MASTRANTONI
09/10/2015
E' un sito utile, semplice, e che aiuta a risolvere la burocrazia!

Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata