Riscatto laurea: condizioni, costi e modalità di richiesta

riscatto laurea, riscatto laurea conviene

Probabilmente con l'arrivo della busta arancione Inps (leggi "La busta arancione Inps: cos'è e perchè è utile"), contenente la simulazione della pensione futura, moltissimi italiani saranno rimasti spiacevolmente delusi dal modesto trattamento pensionistico a loro riservato. Con tutta probabilità fra questi ci sei anche tu. C'è tuttavia la possibilità di ricorrere ad alcuni strumenti in grado di migliorare la tua posizione previdenziale. Così dopo averti spiegato come far valere il servizio militare o civile ai fini della pensione, abbiamo pensato di illustrarti la procedura per il riscatto laurea, uno strumento che al pari dell’altro risulta particolarmente utile non solo ai fini del diritto alla pensione (in questo modo si potrebbe andare in pensione prima), ma anche del calcolo del futuro assegno pensionistico, visto che questi anni di contribuzione andranno ad aggiungersi a quelli che hai maturato o maturerai durante l’attività lavorativa.

Riscatto laurea cos’è

Il riscatto laurea permette di trasformare i tuoi anni di permanenza presso l’università in anni di contribuzione attraverso il versamento di una certa somma, in altri termini chiedendone il riscatto. Dunque anche gli anni di studio possono essere utilizzati per contribuire alla tua pensione, a condizione però che gli anni del corso di laurea non siano già coperti da altri contributi, ad esempio da lavoro.

Altra condizione necessaria ai fini del riscatto laurea, è che tu abbia effettivamente conseguito il titolo di studio. Sono esclusi dalla possibilità di riscatto laurea i periodi di iscrizione fuori corso. Considera che puoi riscattare l’intero corso di studio o solo una parte di esso e se hai ottenuto due lauree puoi riscattarle entrambe. Si possono riscattare gli anni del corso legale di laurea, i diplomi universitari, quelli di specializzazione e i dottorati di ricerca, perfino le lauree conseguite all’estero se hanno valore legale in Italia.

Il riscatto laurea può essere richiesto anche da chi non ha ancora un lavoro e, quindi, una forma di previdenza propria.

Calcolo riscatto laurea

Ma quanto occorre versare per coprire con i contributi il riscatto laurea? L'importo chiaramente non è uguale per tutti: infatti occorre tener presente alcuni fattori quali l'età del richiedente (più in là si fa la domanda, tanto più si paga), la retribuzione percepita (maggiore è lo stipendio, più elevato è il costo del riscatto), il periodo da riscattare, il numero delle settimane accreditate al momento della domanda di riscatto.

Il Corriere della Sera di recente ha pubblicato alcune simulazioni per il calcolo dell'onere di riscatto laurea (Fonte INCA-CGIL). Così un impiegato di 30 anni con 3 anni di contributi versati e un reddito annuo di 25mila euro pagherebbe 8.250 euro per ogni anno di riscatto. Se lo stesso impiegato facesse la domanda a 65 anni, dunque poco prima della pensione, con un reddito di 50.000 (si è ipotizzato un reddito doppio dopo 35 anni), pagherebbe esattamente il doppio della somma: 16.500 euro per ogni anno, dunque un ammontare di 66mila euro circa per corsi quadriennali e 82.500 per corsi quinquennali.

La questione cambia se si fa riferimento ad un dirigente sempre di 30 anni con un reddito annuo di 50mila euro. In questo caso, infatti, pagherebbe 16.500 euro per ogni anno di riscatto, dunque 66mila euro per corsi quadriennali e 82.500 per corsi quinquennali. Se lo stesso dirigente facesse la domanda a 65 anni, dunque poco prima della pensione, con un reddito di 100.000 euro, pagherebbe 33.000 euro per ogni anno, dunque 132.000 euro circa per corsi quadriennali e 165.000 per corsi quinquennali.

Purtroppo la stragrande maggioranza dei lavoratori si ricorda della possibilità di riscatto laurea solo nel momento in cui si accinge ad andare in pensione, con la conseguenza che di fronte a cifre di questo tipo, sceglie il più delle volte di rinunciare al riscatto.

Riscatto laurea: pagamento rateizzato

La legge n° 247 del 2007 ha introdotto nuove disposizioni in materia di riscatto laurea, rendendola di fatto più conveniente sia sotto il profilo previdenziale che del relativo onere. In particolare ha previsto per tutti coloro che presentano la domanda di riscatto, la possibilità di pagare l'onere del riscatto stesso in un'unica soluzione ovvero in 120 rate (10 anni) e senza interessi.

Attenzione: se non effettui il pagamento dell’importo in unica soluzione o il versamento della prima rata la tua domanda di riscatto laurea viene automaticamente cestinata dall’Inps. Questo naturalmente non ti preclude la possibilità di ripresentare la domanda di riscatto laurea per lo stesso titolo e periodo.

Per le rate successive alla prima, ricorda che puoi effettuare il pagamento oltre la scadenza ma con un ritardo non superiore a 30 giorni e per non più di cinque volte. Tutti i pagamenti effettuati per importi parziali o per un minore numero di rate entro i termini assegnati, comportano l’accredito di un periodo contributivo di durata proporzionale all’importo del capitale versato.

Il pagamento si effettua utilizzando gli appositi bollettini MAV inviati dall'INPS con il provvedimento di accoglimento. I bollettini possono essere pagati presso qualsiasi sportello bancario senza costi aggiuntivi e presso tutti gli uffici postali, pagando la commissione postale vigente. In caso di pagamento rateale è possibile anche richiedere l'addebito diretto su un conto bancario o postale.

Domanda riscatto laurea

La domanda per il riscatto laurea va presentata online attraverso l’apposita sezione del sito dell’Inps. Questo il percorso:
HOME > SERVIZI ONLINE > PER TIPOLOGIA DI UTENTE > CITTADINO > RISCATTO LAUREA.

Per accedere al servizio è necessario il codice fiscale e il codice PIN rilasciato dall’Istituto stesso. Chi non l'avesse ancora può leggere questo articolo “Come richiedere ed utilizzare il PIN Inps”. Eventuali variazioni di indirizzo o di dati anagrafici dovranno essere prontamente comunicati all’Istituto.

Questi i moduli di domanda:
- Domanda di riscatto laurea per non iscritti a forme di previdenza;
- Domanda di riscatto del periodo del corso legale di laurea

Alla domanda occorre allegare una dichiarazione rilasciata dall’Università comprovante l'avvenuto conseguimento del diploma di laurea e gli anni accademici in cui si è effettivamente svolto il relativo corso legale. Nel caso in cui la domanda di riscatto laurea venisse respinta, il richiedente può presentare ricorso all'Inps, in carta libera, entro 90 giorni dalla data di ricezione della lettera con la quale si comunica il rifiuto, indirizzandolo al:
- Comitato del Fondo pensioni lavoratori dipendenti (se si tratta di lavoratore dipendente);
- Comitato amministratore dei contributi e delle prestazioni previdenziali degli artigiani e dei commercianti (se si tratta di artigiano e commerciante);
- Comitato amministratore della gestione dei contributi e delle prestazioni previdenziali dei coltivatori diretti, coloni e mezzadri (se si tratta di coltivatore diretto, colono o mezzadro);
- Comitato amministratore della Gestione separata (se si tratta di un lavoratore parasubordinato o libero professionista).

Al ricorso vanno allegati tutti i documenti ritenuti utili dall'interessato per l'accoglimento.

Riscatto laurea deducibile

Va ricordato, infine, che l’onere relativo al riscatto laurea è deducibile dal reddito imponibile della persona interessata. Nel caso in cui quest’ultimo non abbia un reddito personale, il contributo è detraibile nella misura del 19% dell’importo stesso, dall’imposta dovuta dai soggetti nei confronti dei quali l’interessato risulta fiscalmente a carico. Sono aspetti questi da tenere decisamente in considerazione nel momento in cui si dovrà stabilire la convenienza o meno dell’operazione.

Documenti correlati



45832 - Redazione
01/06/2016
Manlio, deve prima inoltrare la richiesta di riscatto all'istituto di previdenza; sarà poi quest'ultimo a comunicarle importo e modalità di rateizzazione.

45828 - Manlio
31/05/2016
Buonasera, vorrei sapere l'importo da versare, e in quante rate, per il riscatto della laurea di Interprete e traduttore, di mia figlia. Grazie!!!

Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata