Moduli.it social

Dichiarazione di successione

La successione si apre al momento della morte. In mancanza di un testamento gli eredi, i legatari, i tutori o i curatori dell'eredità, gli esecutori testamentari o le persone che per effetto della dichiarazione di morte presunta dell'erede sono immessi nel possesso dei beni sono tenuti a presentare la dichiarazione di successione entro 1 anno dalla data del decesso all'ufficio del Registro competente in base all'ultima residenza del deceduto.

La Legge 24 novembre 2006 n. 286 ha reintrodotto nel nostro ordinamento l’imposta sulle successioni e donazioni che era stata soppressa dalla Legge 18 ottobre 2001 n. 383. La nuova normativa si applica a tutte le successioni apertesi dal 3 ottobre 2006. L’imposta si applica ai singoli lasciti a titolo di erede o legatario e non all’intero asse ereditario.

Queste le aliquote:

a) il 4% nei confronti del coniuge e dei parenti in linea retta con una franchigia di 1.000.000,00 € per ciascun beneficiario;

b) il 6% nei confronti degli altri parenti fino al quarto grado e degli affini in linea retta, nonché degli affini in linea collaterale fino al terzo grado, con una franchigia di 100.00,00 € per ciascun fratello o sorella;

c) l'8% nei confronti degli altri soggetti.

Se il beneficiario è persona portatrice di handicap riconosciuto grave ex L. n. 104/1994 la franchigia è di  1.500.000,00 €.

Si applicano sempre sul patrimonio ereditario le imposte ipotecarie e catastali rispettivamente del 2% e 1%. L’importo minimo da versare è di 168,00 per ogni tributo.

Con riferimento alla prima casa, dal 25 ottobre 2001 è stata abolita l'imposta di successione, anche se sugli immobili caduti in successione si paga sempre l'imposta ipotecaria (di trascrizione) pari al 2% e l'imposta catastale pari all'1%. Tuttavia se l’immobile (non di lusso) rappresenta per l’erede la “prima casa”, è possibile fruire di agevolazioni che consistono nel pagamento di una quota fissa (168,00 €) per entrambe le imposte su citate. I requisiti dell'erede per poter rientrare nell'agevolazione sono i seguenti:

  • avere la residenza nel Comune in cui si trova l'immobile, in caso contrario deve obbligarsi a trasferirla entro diciotto mesi
  • non avere altre abitazioni nello stesso comune
  • non avere altre abitazioni acquistate con le agevolazioni della prima abitazione
Questa la dichiarazione da rendere per fruire dell’agevolazione.

Gli autoveicoli intestati al defunto non devono essere inseriti nella dichiarazione di successione, mentre i conti correnti, i libretti di risparmio, i titoli (ad eccezione di BOT e CCT ed altri titoli di Stato), per le successioni apertesi dal 3 ottobre 2006, devono essere nuovamente inseriti nella dichiarazione di successione.

Alla dichiarazione di successione devono essere allegati:

  • visure catastali (puoi richiederle utilizzando il nostro servizio)
  • certificato di morte del de cuius o autocertificazione
  • eventuale dichiarazione sostitutiva per la richiesta di agevolazione prima casa
  • certificato di destinazione urbanistica (per i terreni)
  • prospetto della liquidazione delle imposte
  • ricevuta di pagamento delle imposte
  • nel caso di rinuncia all'eredità copia autentica del verbale
  • nel caso di successione testata copia originale o autenticata del testamento.
Occorre inoltre procedere al pagamento in autoliquidazione con il modello F23 delle imposte ipotecarie e catastali, e l’attestato va allegato alla dichiarazione.

Pubblicato il 22/04/2010    11 Commenti
Tags: dichiarazione di successione asse ereditario eredità defunto
Documenti correlati



32392 - Redazione
06/10/2014 13:01
Valeria, la dichiarazione di successione non va presentata solo quando l'eredità è devoluta al coniuge e ai parenti in linea retta del defunto (figli, discendenti o genitori), e l'attivo ereditario ha un valore non superiore a 25.823 euro e non comprende beni immobili o diritti reali immobiliari.

32374 - valeria
04/10/2014 11:33
Successione libretto postale tutti son tenuti a presentarla all'agenzia entrate? Anche se non c'è un capitale depositato e non si hanno immobili? Non capisco granche' grazie

28361 - Redazione
13/01/2014 10:53
Giovanni, provi a verificare se questo fac simile può fare al caso.

28338 - giovanni
11/01/2014 13:24
Salve non ho trovato il modulo per chiedere alla banca l'importo che aveva sul conto corrente o in azioni o altro, mio padre al momento del decesso per poterlo aggiungerlo alla domanda di successione. grazie giovanni

27931 - daniele
10/12/2013 12:55
Dovremmo inviare una lettera a mia zia, con la quale non siamo in buoni rapporti, per comunicare che si deve presentare la successione di mio nonno e che lei è chiamata a partecipare come tutti gli altri eredi alle spese necessarie per la pratica, come potrei impostare la lettera? Spero che qualcuno mi risponda, grazie anticipatamente.

24108 - Redazione
29/05/2013 16:00
Roberto, le imposte vanno divise fra gli eredi, anche se questi ultimi sono solidalmente responsabili nel pagamento. Questo significa che il fisco può richiedere il pagamento mancante di un soggetto agli altri soggetti solidalemente responsabili, e questi ultimi potranno poi rivalersi sul soggetto inadempiente.

24101 - Roberto Viola
29/05/2013 13:29
Io e mio fratello siamo rimasti eredi di un appartamento lasciato dai nostri genitori. Non mi e' chiaro se l'ammontare dell'imposta ipotecaria e l'imposta catastale va divisa fra i due eredi o ciascuno paga completamente l'importo totale. Grazie per l'attenzione. Roberto

22756 - Redazione
04/04/2013 09:21
Sonia, i termini della rinuncia sono di 3 mesi dalla data del decesso se il chiamato è nel possesso o utilizza i beni oggetto di successione; di 10 anni dalla data del decesso se il chiamato non è nel possesso dei beni o non li utilizza. Le consigliamo la lettura di questo articolo.

22753 - sonia
03/04/2013 19:25
Salve mio nonno è morto nel 2007 solo nel 2013 alcuni zii hanno depositato la dichiarazione di successione e siccome ho perso un genitore le tasse da pagare sono arrivate a me come erede. Posso rinunciare all'eredità e nn pagare?

18387 - Italia
29/09/2012 10:30
Ho già ricevuto il documento di succssione ma non so come fare, dovendo modificare nel quadro B4 un dato . C'è qualcuno che può suggerirmi una risposta per comunicare questa variazione all'Ufficio dell'Entrate che me l' ha rilasciato? Grazie a chi volesse rispondermi


Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata