Maternità: permessi al padre lavoratore dipendente

Durante il primo anno di vita del bambino oppure durante il primo anno dall’ingresso in famiglia del minore in caso di adozione o affidamento, il padre - lavoratore dipendente (sono esclusi i lavoratori a domicilio, domestici, parasubordinati, autonomi e liberi professionisti) - ha la possibilità di  fruire di permessi di lavoro, a condizione che:
- la madre, lavoratrice dipendente, abbia rinunciato ai riposi;
- la madre sia una lavoratrice dipendente senza diritto ai riposi (parasubordinata, autonoma, libera professionista, domestica, casalinga);
- la madre sia morta o gravemente inferma;
- la madre abbia abbandonato il figlio;
- il figlio sia stato affidato solo al padre.

Spettando in particolare 2 ore di permesso o riposo giornaliero se l'orario di lavoro è pari o superiore alle 6 ore giornaliere; 1 ora se l'orario è inferiore. In caso di parto o di adozioni o affidamenti plurimi le ore di permesso sono raddoppiate.

La richiesta di permesso deve essere comunicata preventivamente in modo formale al proprio datore di lavoro, che ha l'obbligo di concederli. I riposi giornalieri danno diritto ad una indennità economica pari alla retribuzione che sarebbe stata pagata al lavoratore qualora avesse lavorato nelle ore di riposo. Le ore di permesso, inoltre, non comportano alcuna riduzione di ferie né della tredicesima mensilità.

Questa la domanda da presentare all’Inps per aver diritto all'indennità.

Documenti correlati



27887 - Redazione
09/12/2013
Fabio, questo il modello che i padri lavoratori dipendenti devono presentare all'Inps per fruire dei riposi giornalieri "per allattamento".

27847 - Fabio
05/12/2013
sareste così gentili di inviarmi il modello di istanza per poter usufruire delle ore di allattamento per il padre? Grazie

Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata