Come comunicare la disdetta al sindacato

disdetta sindacato, disdetta tessera sindacale

Sappiamo tutti che le organizzazioni sindacali, seppure in forme e modi diversi fra loro, svolgono un'importante funzione nel mondo del lavoro e, più in generale, nella società. Il loro obiettivo principale, infatti, è la tutela e la difesa dei diritti e degli interessi dei lavoratori e in particolare dei propri iscritti. Se, tuttavia, viene meno la fiducia nell'organizzazione sindacale cui si è iscritti, si può optare per la disdetta sindacato

Il sindacato è suddiviso in diverse sigle che riflettono le differenti impostazioni culturali, ideologiche e politiche presenti nella nostra società. I più rappresentativi sono senz’altro la CGIL (Confederazione Generale Italiana del Lavoro), la CISL (Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori), la UIL (Unione Italiana dei Lavoratori) e l’UGL (Unione Generale del Lavoro). Poi esistono una serie di altri sindacati autonomi che nell'ambito di specifici settori contano numerosi iscritti (ad es. nel pubblico impiego c’è Cobas, Gilda, Snals ecc.).

Tutte queste organizzazioni offrono a lavoratori e pensionati un'ampia gamma di servizi: si va dalla difesa dei diritti previdenziali alle informazioni sui contratti delle diverse categorie, dalle consulenze sulla legislazione in materia di lavoro all’assistenza nella lettura della busta paga, dall’assistenza sui vari adempimenti fiscali alle informazioni su mobilità, cassa integrazione, assegni familiari, ecc.

Normalmente i servizi di informazione sono rivolti a tutti i lavoratori, mentre i servizi di consulenza (fiscale, legale, ecc.) sono forniti solo a lavoratori e pensionati iscritti al sindacato.

Essere iscritti ad un sindacato, dunque, è molto importante perché consente al lavoratore di conoscere e difendere i propri diritti.
Tuttavia può capitare che il lavoratore non si senta più rappresentato da una certa organizzazione e che per questo decida di disdire la propria iscrizione. In questi casi come comportarsi?

E’ sufficiente che il lavoratore compili una semplice lettera di disdetta sindacale e la consegni all’Ufficio Personale o Amministrativo Contabile della propria azienda. Il pensionato, invece, può consegnare il modulo di revoca della delega direttamente presso gli uffici dell’ente di previdenza che ha in carico la propria pensione. Questi i moduli da utilizzare a seconda dei casi:

Documenti correlati



43482 - Atripaldi luigia
07/01/2016 09:44
Cortesemente vorrei sapere come posso formulare la mia disdetta alla cgil sia come RSA e sia come facente parte del direttivo REGIONALE E comitato DI RIORGANIZZAZIONE DELLA CAMERA DEL LAVORO...sto cercando modulistica che non riesco ad avere resto in attesa

43242 - gheffoli vittorio
15/12/2015 00:47
Vorrei sapere se l'obbligazione che si assume iscrivendosi al sindacato potrebbe essere assimilabile al negozio giuridico della rappresentanza tra privati e di conseguenza applicarne la regolamentazione x analogia.

43191 - Redazione
11/12/2015 17:02
Maria, legga l'ultima parte dell'articolo.

43161 - maria
10/12/2015 19:12
Mio figlio vorrebbe non pagare più la tessera sindacale della cisl come deve fare? Grazie e buonasere

42445 - Redazione
10/11/2015 17:41
Silvia, inviando una comunicazione scritta al sindacato.

42440 - Monza Silvia
10/11/2015 09:33
Buongiorno, sono in mobilita' come posso disdire la tessera sindacale?

41077 - mirko
03/09/2015 16:18
Vorrei cambiare sindacato ma l'azienda dove lavoravo è fallita a luglio, come dovrei muovermi?

40979 - Redazione
31/08/2015 10:24
Valter, dallo Statuto dello Spi Cgil si evincerebbe che l'adesione al Sindacato Pensionati Italiani (Spi) sia in effetti vincolata all'iscrizione alla Cgil. La cosa ci risulta alquanto strana, le consigliamo pertanto di approfindire la questione.

40963 - volpi valter
28/08/2015 18:50
Lavoravo in provincia di bg sono andato in pensione il 1 aprile e la cgil mi ha fatto pagare la tessera fino a dicembre e tredicesima attualmente pago anche la tessera spi dei pensionati anche quella da aprile praticamente 2 tessere a me non sembra una cosa giusta, come mi devo comportare dato che tutti dicono che va bene cosi

40197 - Redazione
29/06/2015 15:22
Roberto, la richiesta di disdetta va inoltrata al suo datore di lavoro o all'Ufficio del Personale Amministrativo-Contabile della sua azienda, mettendo eventualmente per conoscenza il sindacato.

Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata