Perdita del tagliando assicurativo: cosa fare?

tagliando assicurazione smarrito

Il contrassegno (o tagliando) assicurativo è un documento che certifica che quel determinato veicolo è assicurato per la responsabilità civile. Riporta la targa e il tipo di veicolo, il nome della compagnia assicurativa e naturalmente la data di scadenza.

L'art. 181 del Codice della Strada prevede l'obbligo di esposizione del tagliando "nella parte anteriore o sul vetro parabrezza", pena l'applicazione di una sanzione amministrativa da 24,00 a 94,00 €. I conducenti di motocicli e ciclomotori sono esonerati da tale obbligo purché abbiano con se il contrassegno.

Qualora invece si esponga sul parabrezza un tagliando assicurativo contraffatto o falsificato si incorre nella sospensione della patente per un anno e nelle sanzioni previste dall'articolo 193 del codice della strada e dall'articolo 485 del codice penale.

E in caso di smarrimento del tagliando come comportarsi?

In tal caso occorre subito sporgere denuncia presso la Questura, il Comando dei Carabinieri o della Polizia Municipale. Questo il fac simile di denuncia di smarrimento.

Sul modello di denuncia sono riportati il nome della compagnia, gli estremi e la scadenza della polizza, la targa del veicolo. Se questi dati per qualche motivo non fossero in vostro possesso potete richiederli al vostro agente assicurativo.

La denuncia deve essere sporta dall'intestatario del documento assicurativo (o un suo delegato) munito di un valido documento di identità.

A questo punto è sufficiente consegnare una copia della denuncia alla propria compagnia d'assicurazione e chiedere un duplicato del tagliando da esporre sul parabrezza. Normalmente il rilascio del duplicato è gratuito, anche se talune agenzie richiedono il pagamento dei diritti di segreteria.

Per concludere ricordiamo che guidare un mezzo senza copertura assicurativa comporta il sequestro del veicolo, che verrà restituito dopo il pagamento della sanzione amministrativa prevista (da 779 a 3.119 euro), del trasporto, del deposito e dell'assicurazione per un periodo di almeno 6 mesi (art. 193 CdS).

Documenti correlati
Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata